Friday, June 18, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


Connessioni, Sabina Guzzanti presenta “2119. La disfatta dei Sapiens”

Catanzaro, 27 Aprile – Connessioni, il format nazionale creato dalle Librerie Ubik, che da un anno presenta on line con…

By Saverio Fontana , in Letteratura Rubriche , at 27/04/2021 Tag:, , , ,

Catanzaro, 27 AprileConnessioni, il format nazionale creato dalle Librerie Ubik, che da un anno presenta on line con passione le scrittrici e gli scrittori che pubblicano le loro nuove opere, ieri, 26 Aprile, ha ospitato Sabina Guzzanti e il suo libro “2119.La disfatta dei Sapiens(HarperCollins).

Sapientemente stimolata dai librai Renata, Ubik Savona, Maria Pia, Ubik Erice, Laura, Ubik Treviso, e Sergio, Ubik Potenza, ha svelato numerosi dettagli di questo suo romanzo distopico d’esordio.

Riassumiamo qui per i nostri lettori gli argomenti salienti affrontati nell’intervista:

Genesi: Ho sempre pensato che prima o poi ci avrei provato ma più in la. Invece è arrivata questa idea, troppo articolata, che poteva essere contenuta soltanto in un romanzo e allora ci ho provato. Ho dovuto lavorare tanto per arrivare ad un scaletta che mi è servita per poter fare tutte le ricerche e iniziare a scrivere. La difficoltà più grande è stato cominciare, perché avevo tanta paura di non riuscirci. Appena ho iniziato è arrivata la quarantena e scrivere è stato una salvezza.

Motivazione: Uno dei motivi che mi ha spinta a scrivere questo romanzo è il dubbio di essere continuamente manipolata, sui social e sui media. Mi piacerebbe insinuare un dubbio nel lettore spingendolo a chiedersi “sei tu che stai scegliendo o  è qualcun altro che sceglie per te?” É molto difficile riconoscere di essere manipolati, dovremmo riconoscere la manipolazione che c’è in noi e liberarci. Ogni volta che un essere umano si libera ne libera tanti altri.

Temi: Mutamento climatico, manipolazione della mente, diseguaglianze, concentrazione della ricchezza, dipendenza dalla tecnologia, fine della democrazia.

Ambientazione: Favignana è un’isola a me molto cara, in questo luogo ho ritrovato un rapporto con la natura molto forte. Non è probabile che sopravviva all’innalzamento delle acque ma col mio  potere di scrittrice l’ho salvata. Unico pezzetto della Sicilia rimasto fuori dalle acque. Le sue caratteristiche naturali, le cave e i sotterranei erano adatti alla narrazione e poi, conoscendola molto bene, sono riuscita a descriverla con precisione anche a distanza.

Amore: Una piccola parte della popolazione, straricca, può permettersi un impianto bio-cibernetico che toglie ogni possibilità di scelta, perché l’algoritmo sa meglio di loro di cosa hanno bisogno e regola ad esempio le sostanze che li rendono felici, e anche l’amore viene simulato, per evitare il rischio della sofferenza. Si innamorano artificialmente e non conoscono l’amore così come lo conosciamo noi.

Prospettive: Non potrebbe diventare un film perché è troppo articolato, una serie si.

Trama: “Ironico, visionario, profetico, entusiasmante. Un gruppo di eroi è in lotta per salvare il futuro. Anno 2119. Dopo una lunga serie di catastrofi ambientali, pandemie e sconvolgimenti di ogni sorta i superstiti sono stati costretti a sottomettersi a un regime ingiusto ma stabile, liberamente ispirato al feudalesimo. La società è formata da un centinaio di milioni di arcimiliardari onnipotenti e tre miliardi di migranti ambientali senza diritto di voto, raggruppati in grandi campi di accoglienza, sui lembi di terra risparmiati dall’innalzamento delle acque. Fra i ricchissimi la fanno da padroni gli azionisti del Consorzio delle multinazionali che controllano il web. Gli unici che si oppongono al Consorzio sono i giornalisti di Holly, il solo organo di informazione concepito e scritto da esseri umani invece che da robot. E quando il Consorzio sta per mettere in rete un nuovo algoritmo, in grado di eliminare definitivamente il libero arbitrio, le poche speranze di salvezza sono nelle mani di Tess, bistrattata redattrice di una rubrica sui gattini… Accanto a Tess e agli altri giornalisti di Holly, incontreremo famiglie di migranti europei e newyorkesi, ingegneri del marketing e dei big data, azionisti spietati e riccastri spiantati, bambini e algoritmi, hackers e haters. E saranno tutti coinvolti da una catena di avvenimenti che può portare alla fine della specie che si è autodenominata Sapiens…

Saverio Fontana

Comments


Lascia un commento