Saturday, September 25, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


Vibo Valentia capitale italiana del libro 2021

di Mary Maria Mazza Ancora una volta una eccellenza tutta calabra. Dopo il borgo dei borghi assegnato dalla terza rete…

By L'Italiano , in Cronaca Italiana Letteratura Rubriche , at 13/05/2021 Tag:,

di Mary Maria Mazza

Ancora una volta una eccellenza tutta calabra.

Dopo il borgo dei borghi assegnato dalla terza rete della Rai a Tropea, ora è la volta di Vibo Valentia nominata dal ministro Franceschini Capitale de libro 2021.

Enorme soddisfazione l’ha espressa il ìl sindaco Maria Limardo che non è riuscita a trattenere le lacrime:

“Scusate, non mi commuovo facilmente, ma Vibo è una città bella ed è fatta di tanta bella gente e meritava questa soddisfazione.

Erano 23 le città in gara, 6 le finaliste, e alla fine – con una votazione all’unanimità – Vibo Valentia è stata nominata Capitale italiana del libro 2021, riuscendo a superare Ariano IrpinoCaltanissettaCampobassoCesena e Pontremoli.

 Nelle motivazioni si legge che “si è distinta per la qualità delle iniziative presentate”, tutte caratterizzate dall’obiettivo di “far entrare prepotentemente il libro nella vita delle persone, un concetto che siamo certi sarà tradotto in comportamenti virtuosi destinati a lasciare

L’annuncio è stato fatto dal ministro della Cultura Dario Franceschini in un collegamento via Zoom.

Commossa il sindaco Maria Limardo che non è riuscita a trattenere le lacrime: “Sono emozionata come non mai, mi scuso perchè non mi commuovo facilmente“.

 “Stiamo facendo un grande percorso come Amministrazione per il riscatto della nostra città – ha dichiarato – perché è sempre stata considerata ultima nelle graduatorie, ma noi vogliamo concorrere orgogliosamente a testa alta in Italia e nel mondo, perchè Vibo è una città bella ed è fatta di tanta bella gente, che legge e che scrive, che ha una grande consapevolezza”.

“Siamo assolutamente certi – conclude Maria Limardo – che con questo incoronamento Vibo sarà portata, per una volta, agli onori della cronaca quella bella“.

 

Comments


Lascia un commento