Sunday, June 13, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


Regione Lazio: Inaccettabile imposizione di linee guida gender per le scuole pubbliche della Regione, genitori sul piede di guerra

La Regione Lazio ha diffuso in tutte le scuole regionali – dall’infanzia alle superiori – le linee guida “Strategie di…

By L'Italiano , in Cronaca Italiana Rubriche , at 18/05/2021 Tag:, , ,

La Regione Lazio ha diffuso in tutte le scuole regionali – dall’infanzia alle superiori – le linee guida “Strategie di intervento e promozione del benessere dei bambini e degli adolescenti con varianza di genere”.
La criticità si evince fin dalla definizione di identità di genere come “sensazione di appartenere al genere maschile, femminile, entrambi o nessuno dei due” che “si sviluppa già intorno ai 3 anni di età” e dalla gravissima omissione dei rischi e delle problematiche legate a processi di “transizione di genere” tra i giovanissimi, di cui la comunità scientifica sta drammaticamente prendendo atto.
Per una supposta inclusione di allievi con “varianza di genere”, riteniamo che in questo modo si legittimi un approccio ideologico ai gender studies nella scuola pubblica. Il documento oltre a proporre soluzioni relazionali e organizzative invasive e dannose – dai bagni “neutri” all’abolizione dei pronomi maschili e femminili – impone di fatto a livello formativo e culturale “la teoria gender”, un approccio non pienamente condiviso, e contestato a anche a livello scientifico e sociale.
Si pretende di dare per acquisito per tutti il superamento del concetto di “binarismo sessuale” che prevede l’esistenza di soli 2 generi per accogliere quello di “spettro di genere” con una forma di “inclusione” che esclude la maggioranza. Per includere non serve necessariamente la condivisione di certe idee sessuali, ma basta la reciproca accettazione tra individui senza dover conformare totalmente la cultura di una scuola e di una società.
Queste linee guida impongono in modo totalitario una visione antropologica azzerando tutte le altre. Sono queste le iniziative contro l’omofobia che il DDL ZAN, se approvato, imporrebbe in tutta Italia?
Come associazioni di genitori nella scuola e membri del Fonags e del Forags Lazio, denunciamo la gravità di non essere stati nemmeno coinvolti nel decidere provvedimenti così invasivi della libertà educativa dei genitori e del pluralismo della scuola pubblica, su temi delicatissimi per i minori e le cui evidenze scientifiche sono tutte da dimostrare.
Chiediamo dunque al MIUR e alla politica tutta un intervento immediato e la sospensione dell’iniziativa prevista per l’inizio del prossimo anno scolastico.

Articolo 26
Generazione Famiglia (braccio operativo nella scuola di Pro Vita & Famiglia Onlus)

Comments


Lascia un commento