Friday, July 23, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


Mattarella: porre fine alla violazione dei diritti dell’infanzia

Roma, 12 giugno – Centocinquantadue milioni di bambini e adolescenti nel mondo sono costretti ad attività lavorative, privati della loro…

By Saverio Fontana , in Cronaca Italiana Politica Italiana , at 12/06/2021 Tag:, , ,

Roma, 12 giugno – Centocinquantadue milioni di bambini e adolescenti nel mondo sono costretti ad attività lavorative, privati della loro infanzia, della loro dignità, e indotti ad un cattivo sviluppo psico-fisico. Sfruttati e abusati, spesso a causa delle condizioni di estrema povertà in cui vivono, vengono privati della possibilità di istruzione, a vantaggio dei profitti e dei guadagni degli adulti. Oltre al diritto di andare a scuola, gli viene preclusa la possibilità di giocare e di godere dei loro affetti. Molti di essi sono coinvolti nei processi produttivi dell’economia globalizzata, ma anche nello sfruttamento da parte della malavita organizzata o, addirittura usati in guerra come soldati. Il più delle volte vivono reclusi, emarginati, esposti a sofferenze fisiche e psicologiche.

Oggi, in occasione della  Giornata mondiale contro lo sfruttamento del lavoro minorile, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

«In occasione della Giornata mondiale contro lo sfruttamento del lavoro minorile, che coincide con l’Anno proclamato dalle Nazioni Unite per l’eliminazione del lavoro minorile, desidero sottolineare la necessità di un impegno concreto e solidale da parte degli Stati contro una piaga intollerabile che coinvolge ancor oggi, secondo le stime dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro, oltre 150 milioni di bambini.

L’ambizioso obiettivo è di porre fine al lavoro minorile in tutte le sue forme (compreso il turpe reclutamento e uso di bambini soldato), entro il 2025. Si calcola che oltre 70 milioni di ragazze e ragazzi siano costretti nel mondo a svolgere attività di lavoro pericolose che mettono a rischio la salute, la sicurezza e la loro integrità.

Oltre 100 milioni di bambini, negli ultimi vent’anni, sono stati affrancati dal lavoro minorile, un rischio che si è, invece, accentuato durante la pandemia, specie nei Paesi più fragili, ove si è manifestato un rapporto tra aumento della povertà, chiusura delle scuole e spinta all’ingresso di minori nel mercato informale del lavoro.

L’Italia non è esente, purtroppo, dal fenomeno del lavoro infantile, incluso lo sfruttamento da parte della malavita organizzata, situazione che compromette il futuro di nostri giovani e della intera società.

Occorre uno sforzo corale di tutta la società e delle sue istituzioni, per porre fine a questa grave violazione dei diritti dell’infanzia e rendere effettivamente vigente il diritto dei bambini a un avvenire da loro liberamente scelto. In questo senso, le iniziative di sensibilizzazione previste in questi giorni in Italia sono particolarmente meritevoli».

Saverio Fontana

Comments


Lascia un commento