Friday, October 22, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


UEFA, abolita la regola dei gol in trasferta nelle competizioni per Club

UEFA, venerdì 25 giugno – E’ caduta ieri una delle regole pilastro delle competizioni per Club UEFA. Introdotta nel 1965,…

By Saverio Fontana , in Sport , at 25/06/2021 Tag:,

UEFA, venerdì 25 giugno – E’ caduta ieri una delle regole pilastro delle competizioni per Club UEFA. Introdotta nel 1965, la regola dei Gol in Trasferta, ha deciso, fino ad oggi il passaggio del turno tra due squadre che nelle sfide di andata e ritorno hanno segnato lo stesso numero di gol. In questi casi, la squadra che aveva segnato il maggior numero di gol fuori casa era considerata la vincitrice della sfida e si qualificava al turno successivo.

In seguito alla proposta della Commissione Competizioni UEFA per Club e della Commissione Calcio Femminile UEFA, il Comitato Esecutivo UEFA ha approvato oggi la proposta di rimuovere la cosiddetta regola dei gol in trasferta da tutte le competizioni per club UEFA (maschili, femminili e giovanili) a partire dalle fasi di qualificazione delle competizioni 2021/22.

In base alla nuova regola, al termine delle sfide che termineranno con le due squadre che hanno segnato lo stesso numero di gol tra andata e ritorno, si giocheranno due tempi supplementari da 15 minuti alla fine della gara di ritorno e, nel caso in cui le squadre dovessero segnare lo stesso numero di gol o nessun gol durante questi tempi supplementari, i calci di rigore determineranno la squadra che si qualificherà alla fase successiva della competizione.

Da tempo molti allenatori, tifosi e altri protagonisti del calcio avanzavano dubbi sull’adeguatezza di questa norma, considerato il graduale declino del “fattore casa”. Molti elementi, infatti, hanno influenzato il modo di giocare delle squadre e hanno reso sempre più labile il confine tra casa e trasferta, rendendo necessario un cambiamento delle regole.

Commentando l’abolizione della regola dei gol in trasferta, il presidente UEFA, Aleksander Čeferin, ha dichiarato:

“La regola dei gol in trasferta è stata una parte intrinseca delle competizioni UEFA sin dalla sua introduzione nel 1965. Tuttavia, la questione della sua abolizione è stata discussa in varie riunioni UEFA negli ultimi anni. Anche se non c’è stata unanimità di vedute, molti allenatori, tifosi e altri protagonisti del calcio hanno messo in dubbio la sua equità e hanno espresso la preferenza per l’abolizione della regola”.

Čeferin ha aggiunto: “L’impatto della regola adesso va contro il suo scopo originale, in quanto, di fatto, ora dissuade le squadre di casa – soprattutto nei primi tempi – dall’attaccare, perché temono di subire un gol che darebbe agli avversari un vantaggio fondamentale in vista del ritorno. Si rimprovera anche l’ingiustizia, soprattutto nei tempi supplementari, di obbligare la squadra di casa a segnare due gol se la squadra in trasferta ne ha segnato uno”.

“È giusto ammettere che il fattore casa oggi non è più significativo come un tempo”, ha concluso il presidente UEFA. “Prendendo in considerazione l’uniformità del calcio in tutta Europa dal punto di vista dello stile del gioco e molti altri fattori diversi che hanno portato a un declino del vantaggio casalingo, il Comitato Esecutivo UEFA ha preso la decisione corretta nell’adottare la posizione secondo cui non è più opportuno che un gol in trasferta abbia più peso di uno segnato in casa”.

Saverio Fontana

Comments


Lascia un commento