Friday, September 24, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


L’appello di Italia e Ruanda al Pre-Vertice Onu di Roma: Trasformiamo presto i sistemi alimentari mondiali

dalla Redazione Romana Il primo ministro italiano Mario Draghi e il presidente ruandese Paul Kagame sottolineano la necessità di approcci…

By L'Italiano , in Corpo Diplomatico Rubriche , at 28/07/2021 Tag:, , ,

dalla Redazione Romana

Il primo ministro italiano Mario Draghi e il presidente ruandese Paul Kagame sottolineano la necessità di approcci più inclusivi, sostenibili e olistici in vista del Vertice di settembre a New York

Roma, luglio 2021– Il Primo ministro italiano Mario Draghi e il Presidente ruandese Paul Kagame hanno invitato i Paesi a prendere impegni coraggiosi per trasformare i loro sistemi alimentari durante il discorso di apertura del Pre-vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite.

Facendo un parallelo tra la pandemia di COVID-19 e la malnutrizione, il Primo Ministro Draghi ha invitato i delegati, provenienti da più di 100 Paesi, ad impegnarsi per porre fine alla fame di 811 milioni di persone in un mondo che sta affrontando la sfida dei cambiamenti climatici.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha aggiunto: “La pandemia, che ancora ci assale, ha evidenziato i legami tra disuguaglianza, povertà, cibo, malattie e il nostro pianeta”.

In questo contesto, il Presidente Kagame ha annunciato una posizione comune per l’Africa, allineata con l’Agenda 2063 del continente e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. La posizione si basa su cinque azioni: (1) adottare politiche alimentari incentrate sulla nutrizione, come i programmi di alimentazione nelle scuole; (2) sostenere i mercati locali e le catene di approvvigionamento alimentare; (3) aumentare il finanziamento agricolo al 20% delle spese; (4) incoraggiare le cooperative di agricoltori e garantire l’accesso delle donne ai fattori produttivi; e (5) espandere i programmi di sicurezza sociale e investire nei sistemi di allerta climatica.

Il programma ufficiale dei lavori del Pre-Vertice è iniziato con una plenaria e un aggiornamento di ogni elemento del processo del Vertice, compresi i dialoghi indipendenti, il gruppo scientifico e le cinque piste d’azione.

“Il cibo ci unisce tutti, come famiglie, come comunità, come culture e come umanità”, ha detto la vice Segretaria Generale delle Nazioni Unite Amina Mohammed. “Ora usiamolo per lavorare alle azioni necessarie e urgenti volte a trasformare il nostro mondo entro il 2030”.

Nel suo messaggio letto dall’Arcivescovo Paul Gallagher, Segretario per i rapporti con gli Stati, in Vaticano, Papa Francesco ha detto che eliminare la fame da solo non basta, esortando il mondo a impegnarsi a “progettare sistemi alimentari che proteggano la Terra e mantengano al centro la dignità della persona umana”. Secondo il pontefice le nazioni devono creare sistemi alimentari che “garantiscano cibo sufficiente a livello globale e promuovano un lavoro dignitoso a livello locale; e che nutrano il mondo oggi, senza compromettere il futuro”.

A partire da più di un anno fa, il Vertice ha intrapreso un livello di impegno senza precedenti con più di 1.000 “Dialoghi” in 145 Paesi che hanno coinvolto decine di migliaia di persone in tutto il mondo.

Il risultato di questi dialoghi, definito “Il Vertice dei Popoli “, ha fornito ai governi nazionali il quadro più completo delle sfide interconnesse esistenti – fame e povertà, mezzi di sussistenza rurali, salute e  disoccupazione giovanile – e delle nuove opportunità.

Riflettendo sui punti salienti del Dialogo nazionale dell’Uruguay, la vicepresidente Beatriz Argimón ha detto che è necessario “celebrare e valorizzare l’incredibile resilienza delle donne e il loro ruolo chiave per la trasformazione dei sistemi produttivi”. “Un mondo senza fame è possibile. Abbiamo la conoscenza, abbiamo la tecnologia”, ha aggiunto Gerd Müller, Ministro federale tedesco per la cooperazione economica e lo sviluppo. “Ma abbiamo bisogno di più soldi e più investimenti per sradicare la fame”.

Al vertice hanno avuto un ruolo centrale i rappresentanti dei giovani, dei popoli indigeni, degli agricoltori e delle donne. Tra questi Cherrie Atilano, Presidente dell’agroalimentare filippino AGREA, che ha detto: “Vogliamo che i giovani abbiano scelte alimentari migliori. I giovani hanno il potere di cambiarlo perché sono l’adesso, l’attuale e il presente”.

Presente anche Elizabeth Nsimadala, presidente della Pan-African Farmers Organization (PAFO) che ha detto: “È la prima volta che vedo un processo delle Nazioni Unite inclusivo, diversificato e aperto a tutte le parti interessate”.

Joachim von Braun, Presidente del Comitato scientifico del Vertice, ha sottolineato l’urgenza sia di estendere le reti di sicurezza sociale che di aumentare gli investimenti sulla produttività attraverso le catene del valore.  “Non c’è tempo da perdere”, ha detto.

Peter Bakker, Presidente e amministratore delegato del World Business Council for Sustainable Development (WBCSD- Consiglio Mondiale delle Imprese per lo Sviluppo Sostenibile) ha annunciato una dichiarazione da parte delle imprese che stabilisce l’aspirazione del settore privato verso sistemi alimentari equi, a impatto zero e positivi per la natura, che possano nutrire tutte le persone. “Il cambiamento trasformazionale è ciò di cui abbiamo bisogno ed è urgente”, ha detto.

Informazioni Sul Vertice delle Nazioni Unite sui Sistemi Alimentari 2021

Annunciato per la prima volta il 16 ottobre 2019 dal Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres, il Vertice delle Nazioni Unite sui Sistemi Alimentari, è stato ideato a  seguito dei colloqui con la leadership congiunta di tre agenzie delle Nazioni Unite con sede  a Roma – la FAO (l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura), IFAD (il Fondo  internazionale per lo sviluppo agricolo) e il WFP (Programma alimentare mondiale) – in  occasione del Forum politico di alto livello tenutosi nel luglio 2019. Scopo del Vertice è quello di far leva sul potere dei sistemi alimentari di apportare progressi su tutti i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS). Maggiori informazioni sul Vertice sono disponibili online sul sito dell’evento. Il Pre-Vertice Onu sui Sistemi Alimentari 2021 si terrà a Roma sotto la guida del Segretario Generale e in collaborazione con il Governo italiano dal 26 al 28 luglio, in preparazione del Vertice di settembre.

Comments


Lascia un commento