Saturday, September 25, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


Prima Nazionale, Pergolesi Anima Scurdata Opera Buffa della scrittrice Maria Primerano

Il 5 agosto ore 18.00 al Mumak museo del mare di Caminia a staletti in provincia di Catanzaro di Pasquale…


Il 5 agosto ore 18.00 al Mumak museo del mare di Caminia a staletti in provincia di Catanzaro

di Pasquale Talarico (dalla Redazione Catanzarese)

Il MUMAK, museo del mare di Caminia, Stalettì, ospiterà, nell’ambito della rassegna INCONTRI D’AUTORE 2021, il 5 agosto ore 18.00 in PRIMA NAZIONALE, PERGOLESI ANIMA SCURDATA OPERA BUFFA, Helicon Edizioni, libro della scrittrice catanzarese, cardiologa MARIA PRIMERANO, già premiato ancora inedito al PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE “CASENTINO” 2020, quindi, da edito, PRIMO PREMIO AL PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE “LA GINESTRA” FIRENZE, PREMIO CULTURALMENTE TOSCANA E DINTORNI MASSA CARRARA, PREMIO TERME GREGORIANE TIVOLI,  PREMIO ALDA MERINI IMOLA.

Le difficoltà poste dalla pandemia da Covid- 19 hanno ritardato la presentazione di detto testo in presenza, presentazione organizzata ora dal LIONS CLUB INTERNATIONAL DISTRETTO 108Ya Governatore Francesco Accarino/ CLUB SQUILLACE CASSIODORO Presidente Ina De Marco, nella bellissima oasi marina di Caminia, al MUMAK, appunto, sotto gli alberi svettanti a ridosso del mare.

La serata, condotta dalla giornalista GIUSY ARMONE che converserà con l’Autrice, prevede i saluti di: Ina De Marco, Giuseppe Raiola/ Presidente Zona 22, Alessandro Tassoni/ Presidente X Circoscrizione e le conclusioni di Franco Scarpino 1° Vicegovernatore Distretto 108Ya.  

PERGOLESI ANIMA SCURDATA OPERA BUFFA, ruota intorno alla figura di Giovambattista Pergolesi, musicista, e alla sua sfortunata storia di vita, conclusasi con la morte per tisi e la sepoltura in una fossa comune.

La scrittrice cardiologa Maria Primerano

Tutto ciò, come specifica l’Autrice, costituisce, da una parte, il lato serio della narrazione, risultato dell’inevitabile suggestione determinata dai tragici fatti del nostro tempo, cui si affianca, dall’altra, la storia di Don Lollò, parroco della Cattedrale di Pozzuoli e della perpetua Carmelina, che, scorrendo parallela alla narrazione precedente, ne disegna, al contempo, il lato faceto, ponendosi in antitesi con essa quasi a volere esorcizzare, in una gabbia di parole, l’orrore, lo sbigottimento e la morte cui abbiamo assistito in piena pandemia da Covid19.

La creatività del libro nasce grazie a un escamotage narrativo molto fascinoso e suggestivo, quello relativo al culto delle aneme pezzentelle nel Cimitero delle Fontanelle in Napoli, preso in prestito per tracciare le storie e per tessere in modo assai originale, in fondo oltre che tenero e commovente, l’ordito. Un’Opera Buffa, in cui amori, spaventi, piccoli abbindoli, finzioni, giochi di amanti, situazioni buffe, vissuti nella quotidianità del curato e della perpetua, consentono all’autrice di portare musica e teatro nel teatro della vita, tra narrazioni e versi che s’inseguono a scialo fino all’incalzare ritmico e risoluto della stretta finale. Il tutto in omaggio a Pergolesi che dell’Opera Buffa ne fu Maestro

Una scrittura creativa che si allinea con gli altri testi dell’autrice, arrivata alla sesta pubblicazione letteraria in pochi anni, vincitrice di moltissimi premi letterari, con libri catalogati nelle prestigiose biblioteche sparse per il mondo, da Denver a Cambridge, New York, Monaco di Baviera, Francoforte, Lipsia, Vienna, Salisburgo, Monaco di Baviera, San Francisco, solo per citarne alcune.

Comments


Lascia un commento