Saturday, September 25, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


Giuseppe Alviti abbraccia l’ appello del Sindacalista Lello Pavone: Non si muore di solo covid bisogna riaprire i pronto soccorso in città a Napoli

dalla Redazione Napoletana del Quotidiano l’Italiano Napoli – Riprendendo una nota del Sindacalista Lello Pavone Molto noto per le sue battaglie…


dalla Redazione Napoletana del Quotidiano l’Italiano

Napoli – Riprendendo una nota del Sindacalista Lello Pavone Molto noto per le sue battaglie a favore dei malati e dei più deboli Giuseppe Alviti segretario generale Federazione nazionale Lavoratori richiede come da 1 anno a questa parte la riapertura dei pronto soccorso e ambulatori specialistici negli ospedali cittadini chiusi perché non si muore di solo covid.

Ecco la nota di denuncia del sindacato ospedaliero guidato da Lello Pavone:… Gli ospedali si riempiono di ricoveri per patologie normali di persone vaccinate che non riescono a risolvere il loro problema di salute, che sia un trauma, un problema cardio circolatorio, oncologico, chirurgico, specialistico o respiratorio!!!…

Ma nessuno cerca di trovare delle soluzioni. Tutti, politici e dirigenti sono impegnati solo e esclusivamente sui vaccini covid, ormai siamo arrivati all’80 % dei cittadini vaccinati è ora che si inizi a pensare e organizzare tutte le altre patologie e tutta la rete ospedaliera, territoriale e di emergenza /urgenza. Ancora oggi Ospedale San Giovanni Bosco chiuso, Ospedale San Gennaro chiuso, Ospedale Loreto Mare solo covid, Ospedale San Paolo non si opera e il Ps scoppia,  Ospedale Vecchio Pellegrini sempre più degradato, Ospedale del Mare in piena confusione dove i migliori Primari scappano, il solito Cardarelli costretto a fare tutto continuando a mischiare pazienti covid a quelli non Covid e il 118 in piena crisi con una spaventosa carenza di personale sia medico che infermeristico.

Tutto questo provoca affollamento e disorganizzazione nei pochi presidi attivi della città, bisogna invertire subito la rotta con quasi l’80 % di immunizzazioni, bisogna concentrare gli sforzi, le risorse economiche, il personale e le strutture sulla cura delle patologie non Covid.

Questa impreparazione sta facendo aumentare le cosiddette morti evitabili nelle strutture sanitarie, lo stress da lavoro correlato negli operatori e le Aggressioni dei cittadini che non riescono a trovare risposte ai loro bisogni di Salute.Una miscela esplosiva pronta ad esplodere se  non si inizia realmente a pianificare e a concentrare gli sforzi anche su queste problematiche…. “Non si muore di solo Covid”…

Comments


Lascia un commento