Tuesday, October 19, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


Ai Sindaci e ai Consiglieri eletti nei comuni: rinnovare il patto eletto-elettore decisivo per la Democrazia e per restituire forza e autonomia ai Comuni

E solo uno dei tre “passi in avanti” – tre patti istituzionali – da fare nei prossimi giorni, mesi, anni. Un patto nuovo tra minoranza e maggioranza, il primo. Sì al confronto, no al litigio, alle chiacchiere da bar, alla sterile polemica. Solo insieme si costruisce. Il secondo è un “patto” con le comunità, con gli elettori, articolato e complesso: per una nuova partecipazione dei cittadini che fa bene alla democrazia, che dà forza ai Comuni, che permetterà di recuperare elettori alle prossime elezioni, e anche la fiducia nelle Istituzioni, nel Paese che cresce affrontando con serietà le sfide economiche, pandemica, ecologica ed energetica


dalla Redazione Romana del Quotidiano l’Italiano

ROMA – UNCEM, con il Presidente Marco Bussone, tutti i Presidenti di Delegazione, gli Organi dell’Unione nazionale dei Comuni e degli Enti montani, si congratula con tutti i Sindaci e le Sindache elette in questa tornata di Elezioni amministrative. Auguri a tutti di buon lavoro, con i Consiglieri e gli Assessori che saranno al lavoro negli Enti. Complimenti per il percorso fatto anche ai non eletti e a chi va in “minoranza”: è con loro che occorre generare un “patto” nuovo per il bene dei territori e delle comunità. E solo uno dei tre “passi in avanti” – tre patti istituzionali – da fare nei prossimi giorni, mesi, anni. Un patto nuovo tra minoranza e maggioranza, il primo. Sì al confronto, no al litigio, alle chiacchiere da bar, alla sterile polemica. Solo insieme si costruisce. Il secondo è un “patto” con le comunità, con gli elettori, articolato e complesso: per una nuova partecipazione dei cittadini che fa bene alla democrazia, che dà forza ai Comuni, che permetterà di recuperare elettori alle prossime elezioni, e anche la fiducia nelle Istituzioni, nel Paese che cresce affrontando con serietà le sfide economiche, pandemica, ecologica ed energetica. Sfide dei Comuni. Perché si parte dai Comuni, non da soli, ma insieme. Il terzo “patto” è proprio quello tra i Comuni, che lavorino insieme, grandi e piccoli, lungo la valle e anche con le città del fondovalle, con grandi centri e più piccoli. Questi sono tre “patti” che Uncem aiuterà a costruire: accordi culturali, politici, istituzionali, operativi, che ci auguriamo possano essere fatti in tutti i Comuni che sono andati al voto ieri e oggi e pure in quelli dove non i cittadini non sono stati chiamati alle urne. Solo così possiamo “camminare insieme” Buon lavoro a tutti e congratulazioni ancora da Uncem. Confidando di poter lavorare insieme per far crescere democrazia e Istituzioni. Il Paese.

Comments


Lascia un commento