Tuesday, December 7, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


Premio letterario Giannantonio Cibotto 2021. Uno per uno tutti i 34 vincitori tra cui Maria Primerano

Eccelsa la motivazione del Premio conferito a Maria Primerano che recita così: Un’opera stupenda, spumeggiante, frizzante, meravigliosamente viva. Con stile inimitabile l’autrice, cardiologa, pianista classica, giornalista e scrittrice, ci regala un ritratto del grande compositore inedito e sorprendente. Un percorso tra i ricordi della vita di Rossini, gli incubi, i trionfi, le avventure sentimentali, le curiosità, le passioni gastronomiche vissute nell’al di qua e i tanti incontri e ritrovamenti nel mondo di là. L’autrice ci fa rivivere i gorgheggi, i personaggi, i pensieri, le meravigliose arie d’opera create da Rossini – Genio che scrisse: “Mangiare, amare, cantare e digerire sono i quattro atti di quell’opera comica che è la vita e che svanisce come la schiuma di una bottiglia di champagne. Chi la lascia sfuggire senza averne goduto è un pazzo”.


Dalla Redazione Centrale del Quotidiano l’Italiano

ROVIGO – Questa volta Maria Primerano, la nota scrittrice-cardiologa è arrivata “solo” seconda in una competizione letteraria. E’ accaduto al Premio letterario Giannantonio Cibotto 2021 per la saggistica edita dove la catanzarese si è piazzata benissimo ma dopo il vincitore assoluto.

Il Premio è stato conferito a Rovigo a 34 autori italiani ed internazionali, selezionati per oltre 440, tra scrittori, poeti e saggisti e 682 opere in concorso. Grandissima adesione, dunque e gran bel risultato per la Primerano. L’opera premiata è Rossini Lo stravagante, Helicon Edizioni, testo intrigante che nel giro di un anno e mezzo dalla pubblicazione ha collezionato ben nove premi letterari, tra cui sette primi premi in tutta Italia, ed è stato catalogato in prestigiose biblioteche nel mondo come la biblioteca dell’Università Sorbona a Parigi, la Biblioteca di stato di Monaco di Baviera e di Berlino, la Biblioteca storica Herzog August di Wolfenbuttel in Bassa Sassonia, la Biblioteca della Harvard University a Cambridge oltre che in quelle di numerosi teatri come del Museo Civico teatrale Carlo Schmidl a Trieste, della Fondazione I Teatri Reggio nell’Emilia a Reggio Emilia, nella Biblioteca del Gabinetto scientifico – letterario G.P.  Viesseux a Firenze e in quella comunale di Pesaro, città natale di Rossini.

 Lo scrittore Cibotto cui è dedicato il Premio.

Eccelsa la motivazione del Premio conferito a Maria Primerano che recita così: Un’opera stupenda, spumeggiante, frizzante, meravigliosamente viva. Con stile inimitabile l’autrice, cardiologa, pianista classica, giornalista e scrittrice, ci regala un ritratto del grande compositore inedito e sorprendente. Un percorso tra i ricordi della vita di Rossini, gli incubi, i trionfi, le avventure sentimentali, le curiosità, le passioni gastronomiche vissute nell’al di qua e i tanti incontri e ritrovamenti nel mondo di là. L’autrice ci fa rivivere i gorgheggi, i personaggi, i pensieri, le meravigliose arie d’opera create da Rossini – Genio che scrisse: “Mangiare, amare, cantare e digerire sono i quattro atti di quell’opera comica che è la vita e che svanisce come la schiuma di una bottiglia di champagne. Chi la lascia sfuggire senza averne goduto è un pazzo”.

Angioletta Masiero, presidente del Premio, valente giornalista, scrittrice e poetessa del Polesine, nonché curatrice di premi letterari, ha premiato i vincitori al Teatro Ballarin di Lendinara, Rovigo, per questo  progetto sostenuto dal Comune di Lendinara, il Circolo di Rovigo oltrechè Uildm.
Quattro le sezioni in gara: Narrativa, Saggistica, Poesia Edita e Poesia Inedita. Dopo i saluti del sindaco Luigi Viaro, del presidente della Provincia Ivan Dall’Ara, la parola è passata ai componenti del comitato d’onore: il direttore della biblioteca lendinarese Nicola Gasparetto, la direttrice di RovigoOggi.it Irene Lissandrin, Giacomo Luzzagni e Stefano Valentini de La tribuna letteraria, Lino Segantin, direttore de Il Ventaglio; sullo sfondo le bellissime opere in vetro dell’artista Jone Stuardi che sarebbero passate dopo poco tra le mani dei premiati.

La scrittrice cardiologa Maria Primerano

Comments


Lascia un commento