Tuesday, December 7, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


Ultima giornata per la Regione Calabria al Salone Internazionale del libro di Torino

Il programma calabrese portato a Torino, vario e diversificato, ha riscosso successo, attratto l’attenzione dei passanti, messo al centro una bella Calabria, erede del passato e proiettata nel futuro.


di Daniela Rabia per il Quotidiano l’Italiano

TORINO – Nell’ultimo giorno in programma, la Regione Calabria, presente alla XXXIII edizione del Salone Internazionale di Torino, ha dato spazio alle opere della casa editrice Grafichèditore.

Gli appuntamenti sono stati con Eugenio Giudice, giornalista, e con Antonio Coltellaro, insegnante di letteratura e lingua francese.

Al centro dell’incontro la traduzione di quest’ultimo dal titolo “Francois Lenormant la Magna Grecia- Greci e Normanni nel Medio Tirreno Calabrese“. Ci si è soffermati sul periodo storico di presenza dei Greci e dei Normanni in Calabria, su Terina,

Vibo, Lamezia, Crotone, Nocera, rievocando un passato apparentemente scomparso ma le cui tracce riaffiorano. Monete, reperti e tanto altro testimoniano il passaggio di civiltà che hanno segnato la storia della Calabria e che è affascinante ricercare e far emergere.

A seguire “Vite rubate” della Professoressa Vittoria Butera e di Eugenio Giudice. Ne hanno parlato Giudice e Coltellaro trattando proprio quelle vite scelte da Vittoria Butera, nota autrice di altri testi a tema, e da Eugenio Giudice. Nel volume che consta di due parti.

Eugenio Giudice, giornalista, e Antonio Coltellaro, insegnante di letteratura e lingua francese ritratto nello stand della Calabria alla 33° Edizione della manifestazione libraria torinese

Vita quotidiana con testimonianze dirette e indirette, e Fango e sangue la conclusione é affidata a una significativa appendice. Al termine dell’intensa mattinata ci si è dati appuntamento al prossimo anno in un evidente clima di entusiasmo e gradimento.

Il programma calabrese portato a Torino, vario e diversificato, ha riscosso successo, attratto l’attenzione dei passanti, messo al centro una bella Calabria, erede del passato e proiettata nel futuro.

Una Calabria da esplorare, ammirare e vivere nella piena consapevolezza che siamo le persone a fare i luoghi.

Tornare a guardarsi negli occhi, emozionarsi in presenza, riflettere insieme al SalTo 2021 era un’esperienza imperdibile.

Daniela Rabia

(n.d.d. Ringraziamo la dottoressa Daniela Rabia, giornalista e scrittrice, per i suoi puntuali servizi inviati dal Salone Internazionale del Libro a Torino che hanno permesso ai lettori del Quotidiano l’italiano di restare bene aggiornati sulle vicende dell’avvenimento)

Comments


Lascia un commento