Tuesday, December 7, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


Il Catanzaro torna alla vittoria ma ad inseguire il Bari ci sono pure Palermo e Monopoli

Applausi per il giallorossi sotto la Curva “Capraro”, gremita dal ritorno degli ultras, e abbracci meritati tra il mister Calabro, il DG Foresti e tutto la staff. Il team del presidente Noto è vivo più che mai e c’è da proseguire su questa strada dal prossimo turno che vedrà impegnate le Aquile in trasferta contro la Turris, il prossimo lunedì alle 17.30.


di Lorenzo Fazio – Corrispondenza per il Quotidiano l’Italiano

CATANZARO – Torna a vincere il campionato il Catanzaro di mister Antonio Calabro ai danni dell’ACR Messina del vulcanico Eziolino Capuano. Due a zero il risultato finale in favore delle Aquile del presidente Floriano Noto con un goal per tempo firmati da Carlini e Vandeputte. Intenso pomeriggio per gli sportivi giallorossi visto che la gara era inizialmente prevista per le 17.30. La notizia di alcune positività nel gruppo squadra del Messina ha costretto la Lega Pro a posticipare la gara prima alle 20.30 e successivamente in maniera definitiva alle 20.00.

La tifoseria del Messina al Ceravolo

In quest’ultimo orario ha avuto inizio la gara tra Catanzaro e Messina, che è diventato di fatto il posticipo della 13a giornata del girone C di Lega Pro. Avvio di gara con un dubbio episodio al 5′ di gioco in area messinese. Simonetti la tocca evidentemente con il braccio il sinistro ma l’arbitro non ravvisa. Rumoreggia il pubblico del “Ceravolo”. Fino al 20′ poche emozioni con le due squadre che provano a impensierirsi ma le difese sono attente. Dato curioso che siano ad affrontarsi la migliore difesa del campionato, il Catanzaro con 8 reti subite, e la peggiore, il Messina con 20 reti subite. Al 22′ Cianci servito in area controlla il pallone ma finisce a terra dopo un contatto con Lewandowski. Evidente il tocco del portiere prima sul pallone e poi sul 99 giallorosso. Animi caldi sulle due panchine e al 24′ il direttore di gara Acanfora è costretto a richiamare entrambi i tecnici Calabro e Capuano, che si scambiano un gesto amichevole a dimostrazione di grande fair play. Al 27′ il goal del vantaggio giallorosso.

Una fase di gioco del primo tempo di Catanzaro – Messina

Meraviglioso scambio Vandeputte-Bombagi con il 10 che serve con un delizioso tacco l’esterno giallorosso che la mette in mezzo, Carillo devia verso la porta ma l’ultimo tocco è di Carlini, alla quarta rete stagionale e alla gara numero 61 con il Catanzaro. Minuto 30, Cianci serve un ottimo pallone a Tentardini che conclude con un tiro-cross che finisce alto. Pochi minuti dopo arriva il primo spunto offensivo del Messina con Catania che supera Fazio sulla destra in area e la mette in mezzo per il neo entrato Busatto, subentrato a Konate alla mezz’ora, che viene anticipato perfettamente da De Santis. Al 43′ ci prova su punizione Bombagi da distanza importante ma il suo tiro è facile preda di Lewandowski. Due minuti di recupero e nessun altra emozione. Si va al riposo con il Catanzaro avanti di un goal. Il secondo tempo inizia con un tiro di Bombagi al primo minuto deviato in angolo. Sugli sviluppi del corner Scognamillo svetta su tutti e serve Fazio che da pochi passi manda alto di testa. Tutto fermo però per offside.  Al 53′ Bombagi serve Vandeputte sulla sinistra, finta di corpo del Yari giallorosso che beffa il diretto avversario e con una forte conclusione beffa Lewandowski. All’ora di gioco Cianci si invola dalla sinistra verso la porta ma si allunga troppo il pallone, Lewandowski intercetta ma ha la peggio in uno scontro con Carillo. Minuto 67, ancora Bombagi, molto ispirato, serve Carlini che ci prova con il piede preferito ma la sua conclusione è deviata da Carillo, forse ancora con un braccio, e finisce tra le braccia del portiere ospite. Calabro manda in campo forze fresche in attacco inserendo Vazquez e Curiale per Carlini e Cianci. Al 75′ tentativo dalla distanza di Vazquez, su recupero di Welbeck, ma il suo tiro è alto. Un minuto dopo ancora un immenso Welbeck recupera l’ennesimo pallone e la cede a Bombagi che ci prova da fuori area. Tiro centrale, Lewandowski blocca! Al 77′ Scognamillo avrebbe l’occasione di timbrare il cartellino, dagli sviluppi di un calcio d’angolo, ma da posizione ravvicinata non trova la porta. il primo tiro del match del Messina arriva al minuto 86 dagli sviluppi di un calcio di punizione dalla destra palla che arriva a Simonetti che di testa viene intercettato da Branduani ma sulla ribattuta arriva Busatto che centra la traversa.

Una fase di gioco del match tra Catanzaro e Messina

Ma il gioco è fermo in quanto viene ravvisato il fuorigioco sul primo tentativo degli ospiti. E’ l’ultima azione degna di nota della gara, i cinque minuti di recupero serviranno al Catanzaro per addormentare il match fino al triplice fischio che sancisce una vittoria preziosa per la classifica del Catanzaro. Dimezzato lo svantaggio dal Bari e campionato sempre più vivo e aperto. Applausi per il Catanzaro sotto la “Capraro”, gremita dal ritorno degli ultras, e abbracci meritati tra il gruppo giallorosso, mister Calabro, il DG Foresti e tutto la staff. Il Catanzaro è vivo più che mai e c’è da proseguire su questa strada dal prossimo turno che vedrà impegnati i giallorossi in trasferta contro la Turris, il prossimo lunedì alle 17.30.

Sala Stampa:

Fazio per il Quotidiano “L’Italiano”: Vittoria fondamentale, complimenti mister!  Come giudica la prova dei ragazzi al termine dei 90′? Temeva qualche calo di tensione visto l’incertezza vissuta nel pomeriggio sul posticipo della gara?

Calabro (Allenatore U.S. Catanzaro): Oltre al fatto delle due settimane senza risultati temevo anche il fatto che eravamo pronti, eravamo sul pullman per partire, quindi anche su quello siamo stati bravi a restare sul pezzo. A restare concentrati e determinati, non è semplice. Chi ha giocato a calcio sa determinate dinamiche nel momento in cui la squadra è al massimo della propria concentrazione e pronta per andare al campo. Togliergli questa concentrazione potrebbe rischiare qualcosina però i ragazzi sono stati bravi. Quando siamo arrivati non si sapeva a che ora avremmo giocato quindi abbiamo dovuto fare tutto così all’improvviso.

IL TABELLINO DI CATANZARO – MESSINA


Marcatori: 27′ Carlini, 53′ Vandeputte 
Catanzaro: Branduani, De Santis, Fazio, Scognamillo (84′ Gatti), Tentardini, Welbeck (84′ Cinelli), Verna, Vandeputte, Carlini (68′ Vazquez), Bombagi (87′ Risolo), Cianci (68′ Curiale)A disp: Nocchi, Romagnoli, Bayeye, Monterisi, Ortisi, Bearzotti All.: Antonio Calabro
Messina: Lewandowski, Celic, Carillo, Mikulic, Morelli, Fofana (79′ Marginean), Catania, Simonetti, Lisboa (79′ Rondinella), Russo, Konate (32′ Busatto) A disp.: Fusco, Fantoni, Di Stefano All.: Eziolino Capuano
Arbitro: Marco Acanfora di Castellammare di Stabia Assistente 1: Andrea Niedda di Ozieri Assistente 2: Luca Feraboli di Brescia Quarto Ufficiale: Gianluca Grasso di Ariano Irpino
Note: Spettatori 3.133 (2.333 paganti, 800 abbonati, 168 tifosi ospiti)Recupero 2’p.t.-5′ s.t., Calci d’angolo 5-1 per il Catanzaro, Ammoniti: Cianci e Scognamillo per il Catanzaro, Simonetti, Morelli e Mikulic per il Messina

Comments


Lascia un commento