Tuesday, December 7, 2021
Quotidiano Nazionale Indipendente


Il Catanzaro non rimonta in classifica e sul percorso s’imbatte in Della Pietra

La partita si accenda dall’ 84 con una punizione di Vandeputte subito dopo la metà campo, palla perfetta per Bombagi che stoppa con la coscia sinistra e di piatto realizza un goal di un’importanza vitale per le Aquile giallorosse. Primo goal stagionale per il 10 giallorosso e gioia incontenibile sotto il settore distinti. Ma tre minuti dopo la doccia fredda per il Catanzaro con il goal di Della Pietra, entrato in campo da appena venti secondi, che pareggia i conti. Goal che nasce da una palla persa di Vandeputte sulla trequarti, cross di Davì dalla destra e miracolo di Branduani sul colpo di testa di Eusepi ma è lesto Dalla Pietra a metterla dentro anticipando Bearzotti.


di Lorenzo Fazio per il Quotidiano l’Italiano

CATANZARO – Pari amaro per il Catanzaro tra le mura amiche del “Ceravolo” contro la Juve Stabia. Uno a uno il risultato finale, con le aspettative della vigilia disattese completamente visto che ci si aspettava una vittoria per riprendere la corsa dopo la sconfitta di Torre del Greco. Tanto rammarico e fischi per i giallorossi di mister Calabro che perdono ancora terreno dalla vetta. 

Il saluto al pubblico prima del fischio iniziale

Si gioca in un pomeriggio soleggiato e davanti a poco più di 2.500 spettatori, con una buona rappresentanza di tifosi ospiti. Prima dell’inizio del match minuto di raccoglimento per le vittime della strada. Avvio del match con il Catanzaro subito in avanti e che si procura il primo calcio d’angolo del match dopo 27 secondi di gioco. Al 1′ prima conclusione per la Juve Stabia con l’ex di turno Felice Evacuo che manda la sfera di poco alta sopra la traversa. Al minuto 8 prova a farsi vedere con Vazquez che non arriva sul pallone, ci prova l’accorrente Bombagi ma il suo pallone messo in mezzo finisce tra le mani di Sarri. Al 15′ Stoppa cerca Evacuo in area di rigore, ottima chiusura in corner di Martinelli. Sugli sviluppi del calcio d’angolo la Juve Stabia grida al penalty ma il braccio di Verna è nettamente attaccato al corpo e l’arbitro lascia correre. Al 19′ ancora Juve Stabia dalle parti di Branduani con Stoppa ma il suo piatto destro da centro area passa tra Scognamillo e Fazio e finisce sul fondo. Al 28′ girata al volo di Fazio dagli sviluppi di un corner ma la sua conclusione è debole e facile preda di Sarri. Si arriva alla mezz’ora di gioco con un assolo di Vandeputte dalla sinistra, palla in mezzo ancora per Fazio che colpisce di testa verso la porta avversaria ma il pallone è smanacciato dalla difesa ospite. Al 36′ ottimo inserimento di Stoppa nell’area giallorossa, provvidenziale è la chiusura di Martinelli sul tiro del 7 in maglia bianca. Al 43′ la più importante occasione del primo tempo è della Juve Stabia con una conclusione al volo di Panico, palla a fil di palo che finisce sul fondo e gran brivido per Branduani. Termina così il primo tempo con un minuto di recupero e i fischi del “Ceravolo” per le poche emozioni vissute in questI 45 minuti di gioco .

Nella ripresa il Catanzaro prova subito a farsi vedere dalle parti di Sarri con Vandeputte che prova il tiro ma non centra la porta. Primo sussulto del secondo tempo! Un minuto dopo il Catanzaro si salva nuovamente, proprio come al termine del primo tempo, ed è ancora Panico a metter paura a Branduani fallendo il goal dello 0 a 1. Fase confusionale in campo a tratti da entrambe le parti ma è il Catanzaro che è più in affanno visto che la Juve Stabia da’ sempre l’impressione di poter far male quando si affaccia in area giallorossa. Al 54′ conclusione di Bombagi dalla distanza che sfiora l’incrocio dei pali. Dopo dieci minuti della ripresa mister Calabro corre ai ripari con Cinelli e Cianci al posto di Welbeck e Verna. Catanzaro più a trazione offensiva alla ricerca del vantaggio e col passare dei minuti i giallorossi sembrano aver passato la fase di difficoltà. Anche la Juve Stabia modifica qualcosa ma va segnalata la sostituzione di Evacuo al 62′ con l’ex giallorosso che riceve gli applausi del suo ex pubblico. Al 64′ ancora Panico, il più pericoloso dei suoi, colpisce di testa mandando il pallone di poco alla sinistra di Branduani. Siparietto di Panico con il subentrato Eusepi, con quest’ultimo meglio appostato a centro area che voleva esser servito.

Minuto 68, la più ghiotta occasione da goal per il Catanzaro. Rolando dalla destra serve in area Carlini che di prima intenzione non trova la porta. Grande occasione persa! Al 76′ giallorossi che gridano al calcio di rigore visto il braccio un pò largo con cui Rizzo tocca il pallone ma l’arbitro non ravvisa nulla. Decisione errata del direttore di gara che penalizza e non poco il Catanzaro. Minuto 84 con una punizione di Vandeputte subito dopo la metà campo, palla perfetta per Bombagi che stoppa con la coscia sinistra e di piatto realizza un goal di un’importanza vitale per le Aquile giallorosse. Primo goal stagionale per il 10 giallorosso e gioia incontenibile sotto il settore distinti. Ma tre minuti dopo la doccia fredda per il Catanzaro con il goal di Della Pietra, entrato in campo da appena venti secondi, che pareggia i conti. Goal che nasce da una palla persa di Vandeputte sulla trequarti, cross di Davì dalla destra e miracolo di Branduani sul colpo di testa di Eusepi ma è lesto Dalla Pietra a metterla dentro anticipando Bearzotti. Al 92′ ci prova Bentivegna per la Juve Stabia e ospiti che sfiorano anche il vantaggio. Al termine dei 5′ di recupero non restano altro che i fischi del popolo giallorosso per un’altra occasione persa e i giocatori della Juve Stabia sotto lo spicchio di tifosi ospiti a prender gli applausi per il buon punto conquistato. Per il Catanzaro un pari che serve a poco e occorre al più presto un’inversione di tendenza nel gioco e nei risultati. Mercoledì sarà sfida di coppa Italia a Gorgonzola contro l’Albinoleffe, domenica la gara di campionato in trasferta contro il Monterosi.

Sala Stampa:Lorenzo Fazio per il Quotidiano “L’Italiano”: Cosa è mancato per vincere la gara oggi, mister? Perché non dare una chance a Cinelli dal primo minuto per dar qualità alla manovra?

Antonio Calabro (Allenatore U.S. Catanzaro): A mentre fredda ho visto una squadra impaurita nel primo tempo. Nel secondo tempo abbiamo inserito gente di qualità e di esperienza e la squadra aveva una linearità di manovra e di prestazione diversaHo visto una squadra con animo e vogliosa di vincere la partita. Poi l’ennesimo rigore non concesso per un fallo di mano. Durante la settimana Verna e Welbeck mi hanno dato sicurezza ma tutti quanti mi hanno dato grosse sicurezze. Ma Cinelli mi è piaciuto come entrato, a mettere ordine e linearità alla manovra, cosa che non stavamo riuscendo a fare. Quindi la chance l’ha avuta, io sono abituato a vedere cosa succede nel campo e l’ingresso in campo di Cinelli mi ha consentito di giocare con un centrocampo a tre. E’ ovvio che abbiamo sofferto qualche ripartenza tra le linee ma ci sta perchè volevamo vincere la partita. Io ho cercato di mettere in campo forze tecniche e di qualità per farlo. Luca Martinelli (Capitano U.S. Catanzaro): Chiaramente è un periodo complicato, è sotto gli occhi di tutti. Da capitano, possiamo chiedere scusa per i risultati ma non per l’impegno perchè so come lavoriamo e quindi se ci si può imputare qualcosa è solo sui risultati. Non ci siamo mai lamentati ma è chiaro che gli episodi fanno la differenza, ed è il quarto rigore in tre gare che non ci viene concesso. Noi guardiamo il nostro ma anche chi di dovere deve guardare il proprio e cercare di far meglio, non voglio dire che ci sia mala fede. Siamo amareggiati, eravamo contratti visto il periodo complicato. Domani analizzeremo la gara, ci abbiamo provato fino ma purtroppo gli episodi fanno la differenza.

IL TABELLINO DI CATANZARO – JUVE STABIA
Marcatori: 84′ Bombagi (C), 87′ Della Pietra (JS)
Catanzaro (3-4-2-1): Branduani, Scognamillo, Fazio (80′ Bearzotti), Martinelli, Rolando (62′ Porcino), Verna (55′ Cianci), Welbeck (55′ Cinelli), Vandeputte, Carlini, Bombagi, Vazquez (71′ Curiale)A disp.: Nocchi, Romagnoli, Tentardini, De Santis, Monterisi, Risolo, GattiAllenatore: Antonio Calabro
Juve Stabia (4-3-3): Sarri, Donati, Tonucci, Caldore, Rizzo, Scaccabarozzi (87′ Guarracino), Berardocco (87′ Della Pietra), Davì, Stoppa (62′ Bentivegna), Evacuo (62′ Eusepi), Panico (72′ Squizzato)A disp.: Russo, Pozzer, Todisco, Lipari, Cinaglia, Altobelli Allenatore: Stefano Sottili
Arbitro: Valerio Maranesi di Ciampino Assistente 1: Maicol Ferrari di Rovereto Assistente 2: Luca Dicosta di Novara Quarto Ufficiale: Giuseppe Mucera di Palermo
Note: Spettatori 2562 (800 abbonati, 1762 paganti di cui 83 ospiti), Recupero: 1′ p.t.,  5 s.t., Ammoniti: Fazio e Curiale per il Catanzaro, Bernardocco, Panico e Caldore per la Juve Stabia, Calci d’angolo: 9-5 per il Catanzaro

Comments


Lascia un commento