Friday, January 28, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


Vivarini è l’anti Zeman e il Catanzaro risale la china

Buona la prima per mister Vivarini, con vittoria di prestigio contro il Foggia del navigato tecnico Zeman, e morale dell’ambiente giallorosso che alza leggermente l’asticella in vista degli ultimi impegni dell’anno. Sabato le Aquile calabresi saranno impegnate a Campobasso con l’obiettivo di dar seguito a quanto di buono fatto in questa gara. Mister Zeman in conclusione ha raccolto a Catanzaro zero punti, la sua difesa ha beccato due reti, in compenso ha regalato tanti selfie…


di Lorenzo Fazio per il Quotidiano l’Italiano

CATANZARO – Inizia nel migliore dei modi l’era di mister Vincenzo Vivarini alla guida del Catanzaro. Battuto 2 a 0 il Foggia di Zdenek Zeman e dell’ex giallorosso Manuel Nicoletti e finalmente torna il sorriso in casa Catanzaro. Cielo nuvoloso sullo stadio “Ceravolo”, con qualche sprizza di sole, davanti alla solita e “insolita” cornice di pubblico delle ultime uscite casalinghe dei giallorossi con 271 tifosi provenienti da Foggia.

Formazione in parte inedita per il Catanzaro, viste anche le assenze, con Gatti e De Santis dal primo minuto in difesa, Fazio e Vandeputte larghi sugli esterni e la coppia Cianci-Vazquez in attacco.

Ci prova subito il Foggia al 4′ di gioco con una conclusione dalla distanza di Petermann, il suo tiro finisce lontano dalla porta difesa da Branduani. Risponde il Catanzaro con l’ispirato Bombagi che serve due palloni di pregevole fattura a Cianci ma la difesa ospite è attenta. Al 16′ gran recupero di Gatti che serve l’accorrente Vazquez, il 9 giallorosso crossa dalla sinistra per Cianci che con un meraviglioso colpo di testa in tutto gira la sfera verso la porta. Gran risposta di Volpe in angolo. Al 15′ calcio di punizione dalla sinistra di Curcio, Branduani respinge in angolo. Al 17′ inserimento di Vandeputte dalla sinistra, palla indietro per Vazquez che calcia di prima intenzione. Tiro non impeccabile e respinto dalla retroguardia rossonera. Al 21′ è ancora Bombagi a ispirare Cianci, il centravanti fa la sponda per Vazquez che conclude a rete ma il suo tiro finisce di poco a lato. Al 29′ ci prova Cianci con un destro appena entrato in area ma il suo tiro è debole con Volpe che blocca in presa bassa. E’ il 34′ e il Foggia ci prova con Curcio che approfitta di un errore di Fazio e ci prova di destro ma il suo tiro è strozzato e finisce fuori dallo specchio della porta.

Al 38′ ancora Foggia pericoloso, Gatti sceglie male il tempo e Ferrante si invola verso la porta, il suo piatto sinistro è ben respinto da Branduani. L’azione seguente il Catanzaro ci prova dalla destra con Bombagi, cross nel mezzo per Cianci che devia fortunosamente verso la porta e Volpe respinge di riflesso in angolo. Al 43′ Fazio pennella la sfera per Verna, semirovesciata del centrocampista giallorosso che viene respinta Volpe. Ma il gioco è fermo per offside. Minuto 44 fondamentale per le sorti del match. Traversone di Welbeck dalla sinistra per Cianci, sponda da vero centravanti di petto per Vazquez che non può fallire da centro aerea e di destro batte Volpe per il vantaggio giallorosso. Festa in campo e sugli spalti per un goal importantissimo e squadre che vanno al riposo con il Catanzaro avanti di un goal.

Nella ripresa il Foggia vuole cercare di mettere a posto il risultato e al 47′ traversone dalla sinistra con Branduani che va a vuoto, colpo di testa di Ferrante e Gatti che salva di testa. Al 49′ Cianci ci prova di testa ma è debole e facile preda di Volpe. Al 57′ tiro di Vazquez da fuori aerea, il suo sinistro è respinto in corner da Volpe. Quest’ultimo si ripete, dagli sviluppi del calcio d’angolo, bloccando facilmente un colpo di testa di Gatti. Al 68′ Verna si libera di due avversari, con un gran movimento, e va alla conclusione. Fuori di poco! E’ il 72′ quando arriva il goal del definitivo 2 a 0 del Catanzaro. Punizione di Vandeputte dalla destra, sfortunata deviazione di Sciacca e palla nel sette per il raddoppio giallorosso e partita che sembra incanalata verso i binari giusti per la squadra di Vivarini. Inizia una girandola di cambi da entrambe le parti, in particolare nel Catanzaro con Vazquez che esce per infortunio, per sistemare gli assetti in vista del rush finale.

A due dal termine conclusione di Cianci deviata in tiro d’angolo prima che la punta esca tra gli applausi del “Ceravolo”. Ultimo sussulto nel recupero è un tiro dalla distanza del subentrato Curiale ma il suo tiro finisce alto. Buona la prima per mister Vivarini, con vittoria di prestigio contro il Foggia del navigato tecnico Zeman, e morale dell’ambiente giallorosso che alza leggermente l’asticella in vista degli ultimi impegni dell’anno. Sabato le Aquile calabresi saranno impegnate a Campobasso con l’obiettivo di dar seguito a quanto di buono fatto in questa gara.

IL TABELLINO CATANZARO – FOGGIA

Marcatori: 44’pt Vazquez, 27’st autorete di Sciacca

Catanzaro: Branduani; Scognamillo, De Santis, Gatti; Fazio, Welbeck, Verna, Vandeputte; Bombagi (35’st Bearzotti), Vazquez (34’st Carlini), Cianci (44’st Curiale). A disp. Nocchi, Romagnoli, Bayeye, Monterisi, Porcino, Ortisi, Risolo. All. Vincenzo Vivarini.

Foggia: Volpe; Garattoni (1’st Martino), Sciacca, Di Pasquale (34’st Girasole), Nicoletti; Gallo (23’st Rocca), Petermann, Garofalo; Tuzzo (1’st Merkaj), Ferrante, Curcio. A disp. Dalmasso, Rizzo, Pinna, Maselli, Vigolo, Girasole, Di Jenno. All. Zdenek Zeman.

Arbitro: Federico Fontani di Siena

Assistente 1: Alessandro Maninetti di Lovere

Assistente 2: Massimo Salvalaglio di Legnano

Quarto Ufficiale: Daniele Virgilio di Trapani

Note:  Spettatori paganti 1405 piu 800 abbonati. Ammoniti: Gallo, Scognamillo, Garattoni, Petermann, Welbeck, Fazio

Mister Zeman ha raccolto a Catanzaro zero punti, la sua difesa ha beccato due reti, in compenso ha regalato tanti selfie…

Comments


Lascia un commento