Friday, January 28, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


L’addio a Riccardo Procaccini campione di rally-raid e gran maestro dello Champagne d’élite

“E’ stato uno dei pionieri romani dei rally-raid. Il Transafrica 80 di quell’avventuriero di Jean-Claude Bertrand e poi la Parigi-Dakar, del sempre esploratore ma mente più lucida, Therry Sabine. Mezzi eroi e semidei, tutti amici di Riccardò che animava i gelidi bivacchi nel deserto intorno ad improvvisati falò. Più che corse erano imprese. Non contava tanto chi tagliava il traguardo per primo, ma chi arrivava alla fine”.


dalla Redazione Centrale del Quotidiano l’Italiano

ROMA – L’ articolo che segue è stato scritto da Cesare Sequenzia per il quotidiano il Messaggero. Non saremmo mai riusciti a dedicarne uno migliore di questo al nostro caro amico Riccardo Procaccini, amico del nostro editore direttore Riccardo Colao, ma anche amico di tutti noi della Titani Editori e del Quotidiano l’Italiano, che abbiamo quasi sempre brindato con lo champagne Richard Lucien da lui prodotto e distribuito. Un amico con cui abbiamo condiviso i nostri posti auto nei garage del palazzo in cui ha sede la nostra redazione. Un palazzo che ora, da quando lui, non c’é più, ci appare sordo e grigio perché la sua voglia di vivere, di amare il mondo ed il bello che ci circonda erano caratteristiche peculiari che sapeva trasmettere a chiunque avesse avuto la fortuna di incontrarlo o di rapportarsi.

Lui che tra i tanti amici aveva conquistato persino l’amicizia di attori internazionali come Jean Paul Belmondo e Alain Delon, e che tra i suoi amici aveva incluso pure noi, lui che amava il rischio e il brivido delle corse automobilistiche più dure ed estreme, lui che amava le vetture d’epoca e il bon ton nelle forme più squisite e sincere. Lui che conosceva ogni particolare e dettaglio nella produzione e manifattura dello Champagne e nella distribuzione italiana delle “bollicine made in France”, lui Riccardo Procaccini, che quasi fino al termine ha vissuto, ed ospitato gli amici in pranzi e cene a dir poco luculliane, nelle stanze di un castello sulla via Tiberina, alle porte di Roma, si proprio di lui dobbiamo scrivere queste note tristi e nostalgiche a ricordo di un’epoca che si è spenta.

Ciao Riccardo, forse un giorno ci rincontreremo e tu ci spiegherai se “poi è così difficile morire viaggiando a fari spenti nella notte… “questa notte che ti ha inghiottito nel buio di un tunnel in cui t’eri infilato malgrado non avessi nessuna colpa se non quella d’essere antipatico al destino che avevi sempre sbeffeggiato ignorando che non avrebbe esitato, alla prima occasione a lui favorevole, di porre fine ai tuoi giorni lieti strappando a tutti noi un vero amico… Ciao Riccardo!

Riccardo Procaccini colto durante una delle sue consuete transvolate italo-americane

di Cesare Sequenzia

Un amico ci ha lasciato. È andato in cielo ad appagare la sua voglia di libertà e di avventura che l’ha sempre accompagnato nella sua vita terrena. All’età di 73 anni, quasi un “giovanotto” nella realtà attuale, si è spento a Roma Riccardo Procaccini. Un uomo che, nella sua amata quotidianità, è sempre stato un’eruzione di energia. Sorriso altamente contagiante, senso dell’amicizia innato, Riccardo non stava un attimo fermo. Spostandosi spesso fra i suoi due grandi amori, la Città Eterna e quella delle “Mille luci”. Con una voglia matta di fare inedite esperienze ed aprire nuove “piste” che lo rendevano estremamente precoce e parecchio innovatore. Nella sua esistenza ha lasciato un segno indelebile nel mondo dell’automobilismo sportivo romano negli anni Settanta del secolo scorso.

Una delle sue passioni da bambino, dalla quale però non si è fatto mai fagocitare, fedele al motto di essere poliedrico. Un “enfant prodige” che a quell’epoca, quando non aveva ancora vent’anni, è stato istintivamente folgorato dalle nascenti emozioni dei grandi raid africani. Procaccini è stato uno dei pionieri romani dei rally-raid. Il Transafrica 80 di quell’avventuriero di Jean-Claude Bertrand e poi la Parigi-Dakar, del sempre esploratore ma mente più lucida, Therry Sabine. Mezzi eroi e semidei, tutti amici di Riccardò che animava i gelidi bivacchi nel deserto intorno ad improvvisati falò. Più che corse erano imprese. Non contava tanto chi tagliava il traguardo per primo, ma chi arrivava alla fine.

L’acuto di Procaccini fu la partecipazione semiufficiale alla Dakar con le Alfa 33 del Team Scomparin. Le vetture erano due, veloci ma un po’ “leggerine” per i percorsi dell’epoca che, oltre l’Algeria e il Niger con il suo Tenerè, attraversavano autentici paradisi terresti inesplorati come il Malì e la Mauritania. Riccardo fa equipaggio con l’attore milanese Renato Pozzetto, l’altra 33 è affidata a Scomparin ed all’operatore della Rai Mario Sanga. La passione per l’ambiente e la natura era già nata a Roma dove Riccardo era stato uno dei soci fondatori del glorioso Club Romano Fuoristrada tuttora sulla breccia e aveva partecipato alla creazione della FIF, la Federazione del Fuoristrada. Stretto il legame con un altro dei pionieri dell’off road tricolore, Nino Cassini.

Il Direttore-Editore delle prime riviste del settore e grande africano come Riccardo, oltre che appassionato di volo (che poi lo tradì) al pari di Procaccini. L’esuberante romano fu uno dei primi corrispondenti della rivista “Fuoristrada”, la Quattroruote dell’off road. Un altro partner dell’uomo che sapeva conciliare gli estremi è stato per lunghi anni lo Champagne che Riccardo trattava come un amico e ne conosceva tutti i segreti. È stato anche “produttore” con serie speciali in collaborazione con alcune cantine francesi della Regione. Cin cin fratello, rallegra i tuoi interlocutori.

Riccardo Procaccini e il suo champagne Richard Lucien

Comments


Lascia un commento