Friday, January 28, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


Dal carcere di Melfi Pittelli annuncia il suicidio come ultima chance per riacquistare la libertà!

L’ex parlamentare è sul punto di compiere un gesto estremo. Se è vero che esistano prove di colpevolezza sia processato altrimenti gli sia consentito almeno di attendere il giudizio da uomo libero


dalla Redazione Romana del Quotidiano l’Italiano

ROMA – Il collega giornalista Piero Sansonetti ha ricevuto nel pomeriggio un telegramma a firma dell’avvocato Giancarlo Pittelli attualment,e e incredibilmente, detenuto nel carcere di massima sicurezza di Melfi. 

Come ha precisato lo stesso Sansonetti, direttore del quotidiano Il Riformista Giancarlo Pittelli. Avvocato, ex parlamentare, arrestato su richiesta della Procura di Catanzaro con accuse molto gravi che si sono via via sgretolate. Messo ai domiciliari dopo un anno di carcere duro, e poi di nuovo arrestato per aver commesso il terribile delitto di aver scritto una lettera a Mara Carfagna. Il telegramma che ci ha mandato Pittelli dice testualmente così: “Caro Piero, porterò lo sciopero della fame fino alle estreme conseguenze contro una ingiustizia mostruosa. Grazie di tutto. Giancarlo Pittelli”.

Giancarlo Pittelli

“Pittelli, – come scrive Sansonetti – perseguitato dalla giustizia (come è successo in questi anni a tanti personaggi politici, ultimi noti casi quelli di Mannino, di Lombardo di Cateno de Luca) ha deciso di sfidare la morte per denunciare la furia che si è abbattuta su di lui. Qui di seguito ricostruiamo tutta la vicenda. A partire dalle intercettazioni manipolate. Si: manipolate e stravolte in modo da trasformare una prova di innocenza in indizio di colpevolezza. Prima di ricostruirla chiediamo a tutte le forze politiche, a tutti i parlamentari della Repubblica: possibile che stiate tutti acquattati, di fronte a questa inaudita sopraffazione? Possibile che siate tutti terrorizzati dalla forza del partito dei Pm e che nessuno di voi trovi il coraggio per reagire e per difendere un cittadino privato dei suoi diritti? La politica è saggezza, certo, ma è anche coraggio: non è cosa per codardi”.

La notizia ha scosso gli ambienti politici e professionali del capoluogo di Calabria e non sono escluse azioni di protesta civile verso quello che appare come un autentica persecuzione visto che a distanza di anni e di mesi non si è svolto alcun processo nei riguardi dell’ex parlamentare. Mantenere un cittadino in carcere “in attesa di giudizio” è la forma peggiore di amministrare la Giustizia!

Giancarlo Pittelli

Comments


Lascia un commento