Thursday, June 30, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


Cala la “manita” al Barbera e crolla la Turris

Una partita a senso unico, col Palermo che produceva azioni da gol in quantità industriale e con Perina (migliore in campo della Turris) che si superava una, due tre volte, ma alla quarta doveva inchinarsi alla prodezza di Floriano che, duettando con Valente, ubriacava l’intera difesa campana e poi metteva in gol da posizione defilata


di Benvenuto Caminiti per il Quotidiano l’Italiano

PALERMO – Il calcio, mistero buffo: quattro giorni fa il Palermo ne becca quattro allo “Zaccheria” di Foggia e oggi al  “Barbera” ne rifila cinque ( e potevano essere anche dieci)  alla Turris dell’ex Bruno Caneo: spiegare come tutto ciò possa succedere è mission impossible, ma forse è proprio per questo che il calcio resta lo sport più amato al mondo.

Tornato al prediletto 4-2-3-1, ripudiato da Baldini per un inedito 4-3-3, a specchio con  il Foggia di Zeman, il Palermo ha subito ritrovato le coordinate del suo gioco, che è sì offensivo ma con equilibrio: squadra corta, reparti vicini tra loro, pressing feroce sul dal primo portatore di palla avversario e le ali che si gettano  negli spazi come gabbiani in volo.

E subito fioccavano le occasioni–gol per il Palermo, quasi sempre dalla fascia sinistra, quella di un redivivo Floriano, mai visto in questa stagione così in palla, sembrava avere le ali ai piedi, scattava, dribblava e inventava, come ai suoi tempi d’oro…

E già al 7’ mandava in gol Brunori, che tuttavia, solo davanti a Perina (il migliore in campo dei suoi), angolava troppo e timbrava il palo.

Tre minuti dopo, Lancini bloccava uno dei tanti attacchi in massa della Turris e lanciava verticale, ribaltando  in un istante il fronte di gioco: sulla palla che spioveva alta nell’area piccola tentava uno stacco di testa Sgrava ma sbagliava tempo e infilava il suo portiere in uscita disperata.

Cominciava così una partita a senso unico, col Palermo che produceva azioni da gol in quantità industriale e  con Perina (migliore in campo della Turris) che si superava una, due tre volte, ma alla quarta doveva inchinarsi alla prodezza di Floriano che, duettando con Valente, ubriacava l’intera difesa campana e poi metteva in gol da posizione defilata.

2-0 all’intervallo e subito Giron in campo al primo minuto della ripresa al posto di Crivello: 52’, uno-due Valente-De Rose, lancio millimetrico a Brunori, già in fuga verso la vittoria. L’ex Entella dribbla come fosse un birillo il suo avversario diretto e fulmina Perina sotto la traversa: 3-0 e partita chiusa… Anzi, no, da chiudere ancora perché al Palermo non basta: 56’, è il turno di Luperini, quest’oggi instancabile nella sua spola infinita difesa-centrocampo- attacco: si inserisce in un dialogo elettrico Brunori-Floriano (roba da serie B almeno)  e infila in rete il gol del 4-0, ancora una volta su ribattuta del “povero” Perina,  su stangata di Brunori.

Ora sì, ora possiamo calmare i nostri bollenti spiriti, sembra dire più a gesti che a parole Baldini, che richiama in panchina Floriano e Accardi e manda in campo Felici e Somma.

E intanto, cosa resta della Turris di Caneo? Solo pallidi tentativi di forcing e mai un pericolo vero per la retroguardia rosanero.  Entra Soleri a un quarto dalla fine e… ci mette lo zampino anche lui, quando il novantesimo è appena scoccato : corner di Dall’Oglio, subentrato pochi minuti prima a Brunori (standing ovation per lui, all’uscita dal campo), testa di Luperini, ennesimo volo con respinta di Perina e tocco in rete di Soleri.

Tutto bene, tutto OK, bravi noi ma pessimi gli avversari (tranne Perina, che ha salvato il salvabile)… E una benevola (e rispettosa) tiratina d’orecchi a Baldini: se Silipo non lo fai giocare una manciata di  minuti neanche quando stravinciamo non ti lamentare, poi, se il ragazzo tarda a crescere come tutti noi vorremmo.

Benvenuto Caminiti

Palermo-Turris 5-0: 11′ aut. Sbraga, 43′ Floriano, 52′ Brunori, 56′ Luperini, 90′ Soleri

IL TABELLINO DI PALERMO – TURRIS

PALERMO (4-2-3-1): Pelagotti; Accardi (60′ Somma), Lancini, Perrotta, Crivello (46′ Giron); Damiani (74′ Soleri), De Rose; Valente, Luperini, Floriano (60′ Felici); Brunori (86′ Dall’Oglio). A disp.: Massolo, Marconi, Buttaro, Odjer, Fella, Silipo. All. Baldini.

TURRIS (3-4-3): Perina; Zampa, Sbraga (46′ Bordo), Loreto; Ghislandi, Tascone (66′ Finardi), Franco, Zanoni (71′ Nunziante); Pavone (46′ Longo), Santaniello, Leonetti (66′ Giannone). A disp.: Abagnale, Colantuono, Varutti, Iglio, D’Oriano, Nocerino. All. Caneo.

ARBITRO: Giordano di Novara (Pompei Poentini-Centrone).

MARCATORI: 11′ aut. Sbraga, 43′ Floriano, 52′ Brunori, 56′ Luperini, 90′ Soleri

NOTE: ammoniti Tascone, Sbraga, Ghislandi, Floriano, Accardi, Somma, Soleri. Espulso al 72′ Longo per una manata in faccia a Lancini

Comments


Lascia un commento