Thursday, June 30, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


Catanzaro. “L’aereo” di Forza Italia scompare dai radar della politica. Dura nota degli ex referenti Tallini e Cardamone

In Città ora ci si interroga sul dopo. Cosa sarà Forza Italia senza le figure dell’ex consigliere regionale appena scampato dalle accuse “gratteriane” e assolto dopo un iter che avrebbe potuto stroncare per sempre la sua carriera politica, e dell’avvocato Ivan Cardamone illustre consigliere e ottimo assessore comunale alla Cultura? Da Roma, secondo alcune indiscrezioni trapelate dovrebbe giungere la soluzione mentre è facile concludere con una battuta sarcastica: Mangialavori ha finito con l’incappare nel Tallini d’Achille di Forza Italia locale e si è maldestramente cibato di una buona porzione del potenziale elettorato gradito al centrodestra?


dalla Redazione Catanzarese del Quotidiano l’Italiano

CATANZARO“La storia di chi fa politica sul campo, per passione e per militanza, è fatta di scelte in grado di imprimere una svolta, a volte dolorosa e necessaria, e aprire nuovi percorsi. Forza Italia è stata la nostra seconda casa per tantissimi anni, un progetto che per una lunga fase, sia a livello nazionale che locale, è stato in grado di coadiuvare le migliori risorse e di rappresentare un punto di riferimento identitario ben preciso per tutta l’area del centrodestra. – così hanno esordito nella loro nota stampa, l’ex consigliere regionale Domenico Tallini e l’ex assessore comunale Ivan Cardamone, diramata a fronte di una decisione irrevocabile presa dopo tanto tempo speso a riflettere sulla situazione pre elettorale – È stata una stagione vincente che ha visto Catanzaro interpretare un ruolo di primo piano, conquistando e consolidando un consenso sempre più crescente, sia tra gli elettori che tra i militanti, che in Forza Italia riconoscevano un modello politico ed organizzativo vincente. Abbiamo avuto l’opportunità di assolvere al meglio al ruolo di coordinatori sul territorio, contribuendo ai successi elettorali maturati nell’arco di numerose consiliature nell’ambito del Comune, della Provincia e della Regione Calabria.”

Negli ultimi tempi gli scenari sulla gestione regionale del partito sono, purtroppo, mutati rispetto sia alla linea che era stata impressa dalla precedente gestione regionale che ai canoni nazionali che lo stesso Presidente Berlusconi ha sempre voluto come principi ispiratori di Forza Italia, un partito liberale e garantista proiettato a governare un Paese come l’Italia. – prosegue la nota a firma della premiata ditta Tallini & Cardamone che grazie a Forza Italia ha potuto vivere un esaltante periodo politico nel capoluogo – Tutto ciò ha determinato inevitabili ricadute negative sul partito regionale di Forza Italia creando destabilizzazione e incomprensione politica e, nonostante ciò, abbiamo continuato a svolgere in maniera attiva la nostra missione rispondendo con lealtà e senso di responsabilità ai ruoli ricoperti. Una situazione, questa, che si è prolungata per troppo tempo, arrivando oggi a non essere più sostenibile.

Registriamo che non sussistono più le condizioni per proseguire il nostro percorso con Forza Italia, – conclude la nota non senza una vena di polemica nei riguardi del lametino on. Mangialavori che pur senza essere mai citato è sicuramente la persona che ha determinato la liquefazione del partito berlusconiano a livello del capoluogo e provincia – consapevoli di aver dato il massimo fino alla fine e, al tempo stesso, considerando la forza attrattiva e propulsiva creata sul territorio e nelle istituzioni. Una decisione che riteniamo, dunque, necessaria ed improcrastinabile, per ragioni prettamente politiche. Oggi si chiude un percorso che lascia il segno e che ha scritto la storia politica e amministrativa nella nostra città, provincia e regione. In questo momento storico difficile e complesso, che richiede uno sforzo straordinario da parte dei partiti nel rivedere la propria vocazione, riteniamo che sia opportuno che le nuove formazioni emergenti, di area liberale ed ispirate all’europeismo, si diano una riorganizzazione per far ritornare la Politica nelle istituzioni e tra la gente“. Parola di Domenico Tallini e Ivan Cardamone. In Città ora ci si interroga sul dopo. Cosa sarà Forza Italia senza le figure dell’ex consigliere regionale appena scampato dalle accuse “gratteriane” e assolto dopo un iter che avrebbe potuto stroncare per sempre la sua carriera politica, e dell’avvocato Ivan Cardamone illustre consigliere e ottimo assessore comunale alla Cultura? Da Roma, secondo alcune indiscrezioni trapelate dovrebbe giungere la soluzione mentre è facile concludere con una battuta sarcastica: Mangialavori ha finito con l’incappare nel Tallini d’Achille di Forza Italia locale e si è maldestramente cibato di una buona porzione del potenziale elettorato gradito al centrodestra?

Comments


Lascia un commento