Saturday, October 1, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


Prestigiacomo. Pro Vita Famiglia: votò Ddl Zan pro-gender, non tutela famiglie

Il centrodestra non dovrebbe sostenere la candidatura di chi ha sostenuto istanze di estrema sinistra contrarie alla libertà educativa dei genitori. Chiediamo alla coalizione di trovare un accordo comune su un candidato che rappresenti pienamente i valori che stanno a cuore alle famiglie siciliane, come la promozione della famiglia e della natalità e il contrasto all’indottrinamento ideologico promosso dal movimento Lgbt»


di Ivan Trigona per il Quotidiano l’Italiano

PALERMO «La candidatura di Stefania Prestigiacomo alla Regione Sicilia non potrebbe trovare il consenso e il voto delle famiglie siciliane che vogliono difendere i loro figli dall’indottrinamento gender promosso dalle associazioni Lgbt e appoggiato dalla Prestigiacomo. La stessa, infatti, ha votato a favore del Ddl Zan, che imponeva l’ingresso nelle scuole di ogni ordine e grado di progetti e attività fondati sull’identità di genere, per insegnare ai bambini che si può essere uomini, donne o altro a prescindere dal sesso biologico. 
Il centrodestra non dovrebbe sostenere la candidatura di chi ha sostenuto istanze di estrema sinistra contrarie alla libertà educativa dei genitori. Chiediamo alla coalizione di trovare un accordo comune su un candidato che rappresenti pienamente i valori che stanno a cuore alle famiglie siciliane, come la promozione della famiglia e della natalità e il contrasto all’indottrinamento ideologico promosso dal movimento Lgbt», così Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita & Famiglia.
Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita & Famiglia Onlus

Comments


Lascia un commento