Saturday, October 1, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


Lega Pro. Il Catanzaro nella tana del Cerignola per acciuffare la “quaterna” di vittorie in campionato

Diego Foresti: “La storia calabrese è il Catanzaro ma negli ultimi dieci anni il Crotone ha fatto una grande lavoro ed è la nostra rivale a livello territoriale e in questo campionato. Dobbiamo riportare la chiesa al centro del villaggio, cioè che il Catanzaro rappresenti la Calabria come una volta. Qui si vive di storicità, ho visto gente scendere dalla Germania per venire a vedere il Catanzaro a Padova. Per la squadra abbiamo fatto i doppioni in ogni ruolo perché quando ti mancano alcuni giocatori rischi di perdere punti. E’ un ragionamento che noi addetti lavori facciamo!”.


di Lorenzo Fazio per il Quotidiano l’Italiano

CATANZARO – Archiviato il mercoledì di campionato con la manita rifilata al Latina, il Catanzaro si rituffa in un nuovo weekend di passione che porta alla trasferta di Cerignola contro l’Audace. I pugliesi, reduci dalla vittoria nel derby di Andria, sfidano il Catanzaro di Vivarini a punteggio pieno dopo tre gare. Il tecnico ha parlato alla vigilia del match, prima della partenza per la trasferta, e ne riportiamo il pensiero con quello del post gara di Latina insieme ad un grande protagonista del match, il fantasista Alessio Curcio. Seguono le parole del DG Foresti e le ultime in vista della prossima gara con l’analisi del match, le probabili formazioni, la direzione arbitrale e il giudice sportivo post Latina. Per chiudere l’official video giallorosso e il cordoglio dell’U.S. Catanzaro per la scomparsa di Franco Raione, padre dell’ex preparatore atletico Antonio Raione per tanti anni in giallorosso.
E’ NUOVAMENTE VIGILIA: VIVARINI IN CONFERENZA PRIMA DI CERIGNOLA-CATANZARO – In vista dell’imminente partenza alla volta di Cerignola, quindi nuovamente in Puglia per i giallorossi, mister Vincenzo Vivarini ha parlato ai giornalisti presenti in conferenza in vista dell’importante trasferta. Dar seguito alla tre vittorie consecutive è l’obiettivo alla portata del Catanzaro e il tecnico ha analizzato l’avversario e le insidie di questo match, rilasciando le seguenti dichiarazioni: “Concentrazione massima alla gara, partita con tante insidie e Cerignola sulle ali dell’entusiasmo per le due vittorie. Dobbiamo essere pronti e reattivi sul campo in sintetico. Abbiamo messo in conto anche questo, ce ne sono anche altri di questi campi e dobbiamo adattarci. Ci siamo allenati anche noi sul sintetico per calcolare tutto. Turnover? Abbiamo tutti titolari e giocano tutti. Dalla prima giornata lo stiamo facendo. La squadra sta bene e in queste settimane si fa lavoro di recupero. Siamo stati conservativi sull’aspetto fisico ma il cervello è attivo. Biasci sta bene, ha fatto una buona gara domenica e stanno crescendo tutti. La gente di Catanzaro deve esaltarsi e darci l’energia che ci serve. Bisogna aumentare l’autostima e sicurezza nei nostri mezzi. Ho lavorato sulle cose che vanno meno bene. Ho visto appagamento in una situazione e non va bene. Dobbiamo mettere in conto tutto e pensare partita per partita. Si deve andare per la nostra strada con umiltà e concentrazione. Non considero Curcio o Cinelli delle riserve, sono giocatori di livello alto e lo hanno dimostrato in carriera. Loro sanno che la mia considerazione è alta e identica per tutti. Chi subentra non è meno apprezzato da me o dalla società. Quelli che subentrano portano a casa il risultato anche se domenica mi è dispiaciuto tenere fuori Cinelli o in un’altra occasione Welbeck. Non ho preferenze e non ho titolari. Chi parte prima magari è più considerato dalla piazza ma non per me. Loro hanno Malcore che ha fatto due bellissimi goal e poi c’è Bianco e altri. Squadra temibile, anche da neopromossa. L’approccio è fondamentale da parte nostra”.

PARLA IL DG DIEGO FORESTI: “VA RIPORTATA LA CHIESA AL CENTRO DEL VILLAGGIO – Nella serata di ieri il direttore generale del Catanzaro Diego Foresti è stato ospite della nota trasmissione online “Studio Giallorosso” rilasciando le seguenti dichiarazioni sulla nuova stagione e l’avvio delle Aquile in campionato: “Sappiamo di non aver fatto ancora nulla. Vogliamo fare felice il popolo giallorosso e dopo una vittoria ci godiamo la serata ma il giorno dopo sappiamo di non aver fatto ancora nulla. Se facciamo questo ci toglieremo delle soddisfazioni e dobbiamo pensare in piccolo. Ci aspettavamo un inizio roboante perché ho visto i ragazzi tornare con la bava alla bocca da Padova. Gente che poteva andare via e non se ne è andata, gente che voleva tornare ed è tornata come Iemmello, Biasci e Vandeputte. Non immaginavamo dodici goal fatti e zero subiti ma sappiamo che non è semplice, visto le difficoltà create dalle altre squadre. Se siamo mentalmente preposti possiamo andar lontano ma anche perdere con chiunque. Piedi per terra e tener basso l’entusiasmo e valutare partita dopo partita. I tifosi è giusto che abbiano entusiasmo ma quando arriveranno i momenti difficili gli chiedo di starci vicini e viaggiare tutti sullo stesso binario tifosi, squadra, dirigenti e giornalisti. Ringrazio la società per aver fatto certi acquisti e lo scorso gennaio ha chiuso il cerchio del lavoro di due anni. Siamo la squadra che gioca il miglior calcio in Lega Pro in un campionato dove è difficile giocare a calcio. Con Cristiano Politini abbiamo migliorato la comunicazione, con Salvatore Maiore il marketing e fatto una grande coesione tra ufficio stampa, area comunicazione e tutti i settori. Sapevo che qui a Catanzaro avrei avuto un compito arduo, si veniva da anni non belli quando sono arrivato. Nel mercato di gennaio erano arrivati nella precedente gestione giocatori importanti come Di Piazzi, Tulli e lo stesso Carlini, che poi è stato uno dei punti fermi di questi ultimi anni. Noi dobbiamo fare il nostro campionato e sappiamo la nostra forza. Il girone C è competitivo, molto di più di A e B, e anche le squadre “debolucce” possono dar fastidio. La storia calabrese è il Catanzaro ma negli ultimi dieci anni il Crotone ha fatto una grande lavoro ed è la nostra rivale a livello territoriale e in questo campionato. Dobbiamo riportare la chiesa al centro del villaggio, cioè che il Catanzaro rappresenti la Calabria come una volta. Qui si vive di storicità, ho visto gente scendere dalla Germania per venire a vedere il Catanzaro a Padova. Per la squadra abbiamo fatto i doppioni in ogni ruolo perché quando ti mancano alcuni giocatori rischi di perdere punti. E’ un ragionamento che noi addetti lavori facciamo. Il senso della nostra squadra è aiutarsi l’uno con l’altro, i ragazzi si divertono e ci stanno anche le arrabbiature intelligenti. Io godo in queste situazioni perchè non è quella rabbia che, ad esempio, va contro il mister ma ognuno sa il proprio ruolo. Mamma chi simu forti lo vedremo e buon campionato a tutti!“. Ha concluso Foresti.

L’assemblea” giallorossa a fine match contro il Latina


AUDACE CERIGNOLA-CATANZARO: LE ULTIME E LE PROBABILI FORMAZIONI – L’Audace Cerignola è reduce da una bella vittoria in trasferta per due reti a uno nel derby pugliese con la Fidelis Andria. Una gara da non sottovalutare per il Catanzaro contro i padroni di casa che volano sull’onda dell’entusiasmo per la vittoria in trasferta. Dall’altra parte però il Catanzaro è forte delle tre vittorie in altrettante partite con dodici rete realizzate e nessuno subito. Dati molto confortanti e altra vittoria nel mirino della banda Vivarini. Nelle due squadre spiccano le buone prestazioni degli attaccanti Malcore e Cianci. Per l’attaccante dell’Audace Cerignola due gare disputate, di cui da subentrato, e due reti realizzate. Per Cianci del Catanzaro due gare disputate, due volte subentrando nelle gare casalinghe con Picerno e Latina, e due goal realizzati. Il suo ingresso a gara in corso può garantire a Vivarini un certo peso offensivo e una forte presenza in zona goal. Le ultime dal quartier generale giallorosso parlano di due ballottaggi tra Curcio-Biasci e Bombagi-Sounas. Di seguito le probabili formazioni:
AUDACE CERIGNOLA: Saracco, Capomaggio, Coccia, Malcore, Neglia, Ligi, Achik, Gonnelli, Tascone, Langella, Giofrè All. PazienzaCATANZARO: Fulignati, Martinelli, Brighenti, Scognamillo, Ghion, Verna, Sounas, Vandeputte, Situm, Iemmello, Curcio All. Vivarini
VERSO CERIGNOLA: UN SOLO PRECEDENTE NELLA STORIA, DIREZIONE ARBITRALE E GIUDICE SPORTIVO – Un solo precedente nella storia tra le due squadra, risalente a 86 anni fa, con la gara terminata 0 a 0 nella stagione 1935/36.
Arbitro: Simone Galipo’ di Firenze
Assistenti: Alessandro Munerati di Rovigo-Stefano Franco di Padova
IV Ufficiale: Giorgio Di Cicco di Lanciano
LE SOLITE TEGOLE DELLA GIUSTIZIA SPORTIVA: Il
 giudice sportivo, anche per la sfida con il Latina, ha sanzionato il Catanzaro per le intemperanze dei propri sostenitori, per aver lanciato all’interno del campo un fumogeno e tre bicchieri. L’ammontare della multa è di mille euro, comminata anche la presenza di persone non autorizzate ma riconducibili alla società all’entrata del tunnel di immissione al recinto di gioco al termine del match.

MISTER VIVARINI ANALIZZA IL MATCH INFRASETTIMANALE VINTO CON IL LATINA – L’allenatore del Catanzaro Vincenzo Vivarini si è presentato nella sala stampa del “Nicola Ceravolo” al termine dell’incontro tra le Aquile e il Latina. Ha fatto il punto del match insieme ai giornalisti presenti, lasciando le seguenti dichiarazioni: “Le partite hanno le loro difficoltà. Il Latina si è difeso bene, chiudendo le zone davanti la porta e abbiamo fatto fatica a trovare profondità e varchi per calciare. Fin quando hanno avuto energia loro ci hanno provato. Dobbiamo acquisire piu’ sicurezza e pazienza. Far muovere gli avversari e aprire gli spazi. Qui vengono fuori le individualità dei giocatori, avere quelli bravi è un merito della società. Oggi festeggiamo ma c’è da rimanere con i piedi per terra. Catanzaro ha avuto questa esperienza e bisogna rimanere molto umili e applicati, ci sono altre squadre e il cammino è ancora lungo. Sono contento dell’entusiasmo dei tifosi, si devono divertire e dare energia alla squadra. Situm ha dimostrato le sue qualità, sa fare bene il ruolo e lo volevamo inserire. Ha fatto anche goal e siamo tutti proiettati al fine di squadra. Siamo tutti nel progetto, anche chi è subentrato, e dobbiamo andare avanti fino alla fine. Faccio fatica a parlare dei singoli, questa squadra ha giocatori fortissimi e dobbiamo far ruotare e dar spazio a tutti. Per come si allenano meriterebbero tutti di giocare. Se manteniamo questo equilibrio possiamo arrivare fino alla fine. Mentalmente oggi era una gara difficile e ricordiamoci il primo tempo dove il Latina si è difeso con intensità. Ho i giocatori migliori del mondo per me al momento e bene cosi. Verna è un giocatore che ho apprezzato sin da bambino, so le sue doti e le sue capacità nel giocare sia in fase di costruzione che da incursore. Bisogna avere la pazienza di giocare la palla, c’è stato equilibrio e il Latina oggi aveva preparato la gara per non condecerci spazio. Noi non abbiamo mai rischiato oggi ma ci stava l’apprensione nello sbloccare l’incontro e che loro potessero segnare. Dopo il goal di Iemmello è stato tutto in discesa. Vorrei arrivare così a fine campionato, tanto ancora dobbiamo vedere e ogni squadre durante l’anno può essere pericolosa. Dobbiamo tener conto di tante cose. Scontri diretti e momenti di difficoltà in primis. Ma dobbiamo tenere i piedi per terra e noi in questo momento dobbiamo far questo”.

Curcio, l’esultanza dopo il gol contro il Latina

LA PRIMA VOLTA NON SI SCORDA MAI: LE EMOZIONI DI CURCIO IN GOAL CON IL LATINA – Ed ecco l’emozione del primo goal in giallorosso per il fantasista Alessio Curcio. Uno degli ultimi acquisti in casa giallorossa, ex Foggia, ha realizzato la rete del 4 a 0 con il Latina andando ad esultare sulla macchina “sponsor” dei giallorossi insieme a Vandeputte. Stimatissimo dagli addetti ai lavori e dai tifosi, Curcio sarà una delle armi in più del Catanzaro in questo campionato. Al termine della gara con il Latina ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in sala stampa, riportato dal sito ufficiale del club in una nota stampa:
“Il gol è una bellissima emozione, specialmente perché è arrivato davanti ai nostri tifosi”. Queste le parole di Curcio che ha trovato la prima rete con la maglia giallorossa e commenta così i suoi primi mesi nel capoluogo calabrese. “Le impressioni da quando sono a Catanzaro sono molte positive, siamo una squadra composta da ventiquattro giocatori di altissimo livello. Sarà un campionato molto lungo e difficile e quindi non parliamo di fuga dopo tre giornate. Sono arrivato a Catanzaro perché ho deciso che se dovevo cambiare lo dovevo fare per migliorare e puntare a vincere il campionato”.

ANCHE DI DONATO (LATINA) NON HA DUBBI: “CATANZARO SQUADRA PIU’ FORTE DEL TORNEO – “Al termine di Catanzaro-Latina anche il tecnico dei laziali di Donato in sala stampa ha detto la sua sulla pesante sconfitta subita dalla sua squadra: “Sapevamo che venivamo in casa della squadra che è considerata la più forte del torneo. Il Catanzaro è una squadra quadrata, forte, con dei cambi pazzeschi e sa quello che vuole. Noi dovevamo fare la partita perfetta e abbiamo retto la prima mezz’ora. Dopo il goal è stato tutto più complicato. Il goal di Iemmello è nato da un errore nostro e poi è andato tutto a morire. Dovevamo essere compatti ad evitare l’accaduto. Siamo una squadra giovane e dobbiamo imparare da questi errori per crescere. Noi giovani e loro esperti e basta vedere l’inizio di campionato del Catanzaro per capirlo. Hanno meritato e riconosciamo questo, il Catanzaro non ha sbagliato nulla e non ricordo loro errori. Squadra attenta e con qualità importanti. Ci mancavano quattro giocatori e dobbiamo capire le situazioni che si verranno a creare. La gara doveva finire sul 3 a 0 ma quando sono entrati Bombagi, Cianci e Curcio si è capito che volevano far goal ed è giusto”. 
OFFICIAL VIDEO GIALLOROSSO: EUGENIO ED ALFREDO CAPELLUPO

Le riprese ufficiali delle gare dell’U.S. Catanzaro e tanto altro sono realizzate dall’Official Video Eugenio Capellupo, coadiuvato dal figlio Alfredo. Una grande passione per i colori giallorossi, unita all’attività lavorativa, trasmessa da padre in figlio. Eugenio Capellupo è alla guida della nota società Alfa Video Produzioni s.r.l. di cui riportiamo un breve profilo, tratto dal sito ufficiale:

Alfa Video Produzioni s.r.l. di Eugenio Capellupo e Teresa Simone opera con gli occhi, con il cuore, con la testa. Una società dinamica, moderna, attiva nella videoproduzione, post produzione ed editing video professionale. La passione e il raziocinio, la creatività e l’obiettività, il corpo e l’anima, la diversità e la complementarietà. Sono questi gli ingredienti che fanno di una semplice ripresa una storia da raccontare. Se non sei un po’ matto questo lavoro non puoi farlo… e  alla follia e alla creatività ci devi aggiungere la professionalità e la tecnica.

Official Video del Catanzaro Eugenio ed Alfredo Capellupo
(foto Area Comunicazione US Catanzaro- Capellupo amatoriale)

IL CORDOGLIO DELL’U.S. CATANZARO PER LA SCOMPARSA DI FRANCO RAIONE
E’ scomparso Franco Raione, padre di Antonio, storico preparatore dell’U.S. Catanzaro per tante stagioni e punto di riferimento nello staff tecnico in vari campionati delle Aquile. La società di via Gioacchino da Fiore si è unita al dolore della famiglia Raione pubblicando un comunicato che riportiamo integralmente:
La società US Catanzaro, con in testa il presidente Floriano Noto, esprime il proprio cordoglio per la scomparsa di Franco Raione, padre di Antonio, per diversi anni punto di riferimento nello staff dei preparatori atletici delle Aquile. Il club giallorosso è vicino, in questo triste momento, a tutta la famiglia Raione.

Comments


Lascia un commento