Wednesday, April 17, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Al Politeama di Catanzaro: Festival d’Autunno. Francesco Colella con “Le Metamorfosi” di Apuleio

“Le Metamorfosi” raccontano di un uomo che si trasforma in asino e delle sue vicissitudini. Metafora della vita, condanna alla barbarie umane, esaltazione dell’amore di donna che per vendetta ferisce e si uccide. Ma “Niente è quello che sembra” ammonisce il protagonista e i morti, i malvagi, i buoni tornano sul palco nel monologo dell’uomo- asino.


di Daniela Rabia – dalla Redazione Musica & Spettacoli del Quotidiano l’Italiano

CATANZARO – Continua la XX edizione del Festival d’Autunno,  diretto da Antonietta Santacroce e porta in scena sul paco del Politeama di Catanzaro “Le metamorfosi” di Apuleio, interpretate da uno straordinario Francesco Colella.

La regia è di Francesco Ragi. Entra l’attore: si sentono gli zoccoli di un asino, le frustate che gli uomini gli danno, si vedono i personaggi evocati solo per nome, si spande nell’aria il profumo del fieno delle ceste. Sono i colori, gli odori, le sensazioni che ricorda nel finale l’attore catanzarese, a cui scorrono davanti, quando si esibisce nella sua città, l’infanzia, l’adolescenza, la maturità. Ma realmente davanti ha i suoi genitori. È la scena più emozionante, il saluto dopo lo spettacolo ai suoi cari che si alzano in prima fila per applaudire un grande figlio e prendere l’applauso di tanti, amici, compagni di scuola di Francesco, spettatori di ogni età.

“Le Metamorfosi” raccontano di un uomo che si trasforma in asino e delle sue vicissitudini. Metafora della vita, condanna alla barbarie umane, esaltazione dell’amore di donna che per vendetta ferisce e si uccide. Ma “Niente è quello che sembra” ammonisce il protagonista e i morti, i malvagi, i buoni tornano sul palco nel monologo dell’uomo- asino. Al centro il viaggio di andata e ritorno che è anche viaggio verso la condizione animale e ritorno a quella umana. E poi tanti applausi scroscianti per un ragazzo che ce l’ha fatta a realizzare il suo sogno. Che oggi recita a teatro, nei film ed è diventato quello che era a soli sedici anni quando davanti ai compagni di liceo mimava l’albero. Catanzaro ne è giustamente orgogliosa. Lo testimoniano il sindaco Nicola Fiorita e l’assessore alla cultura Donatella Monteverdi che, al termine della serata, premiano l’attore con un’opera che riproduce il Cavatore grazie all’arte del maestro orafo Michele Affidato. E sul palco Antonietta Santacroce non dispensa lodi a chi come Francesco confessa di aver pensato a questo spettacolo mentre presentava altro e altrove perché la propria città è emozione pura, unica, irripetibile.

Daniela Rabia

Comments


Lascia un commento