Sunday, March 3, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Calcio – Serie B – A Catanzaro le Aquile sorvolano la “torre” di Pisa e artigliano tre punti. Ora il Venezia è alla portata e la trasferta di Ascoli può trasformarsi nella rampa di lancio per i botti di fine anno!

Anche col Pisa gli uomini al serizio del Comandante Vivarini hanno divulgato, con la loro grandezza, potenza e forza di volontà, la storia del Catanzaro nel mondo del football italico. Uomini veri, che riescono a vincere le partite già quando si trovano negli spogliatoi, fissando gli avversari negli occhi, consapevoli di poterli asfaltare come bitume sotto potenti ruspe.


di Riccardo Colao (Direttore del Quotidiano l’Italiano)

CATANZARO Cielo grigio, con qualche sprazzo di sole prima delle ombre del pomeriggio, e manto verdissimo al Ceravolo nel dopo festa dell’Immacolata. Due gol strappati con forza, cattiveria, cinismo e tanta velocità infilati nella porta pisana. Casacche giallorosse che hanno dipinto una delle tele più belle di questo 2023 che volge al termine come pure il girone di andata. Anche oggi, 9 dicembre, la forza “G” ha illuminato lo spettacolo di tutti i partecipanti al sogno catanzarese. Casacche pisane invece profanate, accartocciate come potrebbe accadere ad un vecchio giornale in un camino ardente. Due reti strappate con genialità assoluta dalla fantasia dei grandissimi campioni, inventori di magie e di geometrie sul campo verde autunnale e sotto il cielo coperto dalle nuvole plumbee.

Anche col Pisa gli uomini al serizio del Comandante Vivarini hanno divulgato, con la loro grandezza, potenza e forza di volontà, la storia del Catanzaro nel mondo del football italico. Uomini veri, che riescono a vincere le partite già quando si trovano negli spogliatoi, fissando gli avversari negli occhi, consapevoli di poterli asfaltare come bitume sotto potenti ruspe.

6 vittore, 7 pareggi e 10 sconfitte. Questi i dati riferibili ai precedenti tra Catanzaro e Pisa. Da oggi pomeriggio il club catanzarese ha accorciato le distanze nel gap. E per quel che riguarda la classifica attuale aggiornata – tra le contendenti odierne – si contano ben 12 “yard” di distacco.

In cima alle zone di vertice è piacevole constatare che la Cremonese (ha battuto il Venezia e arrestato la sua fuga) ha aiutato in qualche maniera la rincorsa del Catanzaro mentre il derelitto Cosenza (terzo ko consecutivo per Caserta) ha favorito l’ascesa del Cittadella (cinque vittorie consecutive). Parma – Palermo si giocherà domani e non è possibile definire la posizione di emiliani e palermitani. Ovviamente auguriamo a mister Corini (che incontreremo personalmente giovedì 14 dicembre al “Barbera” per la presentazione del volume dedicato al grande giornalista e inviato di Tuttosport Vladimiro Caminiti, dal titolo “Ciao Vladimiro”, opera del collega Benvenuto Caminiti) di poter uscire imbattuto, se non vincitore, dal confronto a Tardini. Sarebbe un sogno magnifico e un gran bene per il calcio meridionale se sia le Aquile giallorosse che quelle rosanero, potessero svolazzare nei cieli dell’Olimpo footballero a partire dalla stagione 2024-25.

Ed entriamo nel merito della partita, valida per il 16° turno del Campionato. Davide Ghersini di Genova ha diretto (con bravura e attenzione) l’incontro coadiuvato da  Edoardo Raspollini di Livorno e Daisuke Emanuele Yoshikawa di Roma1, IV ass. Gianluca Renzi di Pesaro mentre nelle postazioni Var lo hanno assistito Luigi Nasca di Bari e Orlando Pagnotta di Nocera Inferiore. Ghersini in campionato aveva diretto il Pisa già nove volte 3 vittorie e altrettanti pareggi e sconfitte. L’ultima volta nell’ottobre scorso a Venezia il Pisa venne sconfitto 2-1 dai lagunari. Il bilancio con il Catanzaro era invece fissato al pareggio risalente al 27 settembre 2023 con il Cittadella (1-1) mentre due sono state le sconfitte casalinghe in Serie C del 16 settembre 2012 contro il Benevento (1-2, Montini, Papasidero e Germinale) e del 5 maggio 2013 contro l’Avellino (1-0), Dunque è stato sfatato un altro tabù e con Ghersini i giallorossi hanno centrato la prima vittoria

PRIMO TEMPO: Alle 16,15 il Catanzaro si ritrova al sesto posto in classifica. Scavalcato da Cremonese, Como e Cittadella. “La parola d’ordine è una sola, categorica e impegnativa per tutti: Vincere!.

Non la pensa alla stessa maniera il battagliero e coriaceo Pisa che aspira al pareggio ma non disdegna di tentare il colpo gobbo. Le due formazioni hanno in testa la regola del “palleggio”. Il Pisa mantiene addirittura la prevalenza sul possesso palla: con la percentuale del 58%. Le Aquile si trovano alla meraviglia e macinano passaggi e tentativi di andare a rete. I traversoni di Vandeputte e di Katseris sparano a salve e anche “Re Pietro” si vede deviare un tiro potente e Nicolas alla “desperados” abbranca la “pelota” evitando il calcio d’angolo. Tuttavia non è facile giocare a viso aperto con chi dimostra di possedere doti tecniche similari…

A scrivere il vero è il Pisa a rischiare di andare in vantaggio. Prima per la distrazione di Fulignati, che si vede intercettare un passaggio, a cui rimedia in extremis e poi con un paratone dello stesso su calcio al volo di Gliozzi. Cosa aggiungere se non che tutti (locali ed ospiti) si son dati un gran da fare per creare spettacolo ma che nessuno è riuscito a trovare la via del gol. Dopo la mezz’ora” parte la sagra dei “santini” gialli. Il primo se lo becca Krajnc prima e il secondo Canestrelli (lui da diffidato salterà il match contro il Palermo).

E col punto dell’ics momentaneo il Catanzaro (alla fine del p.t.) pareva essersi seduto a quota 28 dietro la Cremonese vincente contro il Venezia.

SECONDO TEMPO – I Giallorossi trovano il gol proprio quando perdono il centravanti – bomber e capitano Pietro Iemmello. Lo “zar” cede il trono ad Ambrosino e questi trova il modo per realizzare uno splendido gol. Proviamo a riassumerlo: Vandeputte dopo che Biasci non era arrivato sul pallone in precedenza, riesce a effettuare un controcross e gira il pallone al centro dove l’appena entrato Ambrosino (30 secondi dal suo ingresso in campo) batte Nicolas sulla sua destra!

E al Pisa non resta che gettarsi nell’arrembante carica in stile “settimo cavalleggeri” per ritrovare il pareggio. Dall’altra parte della barricata esplode tutta la retroguardia giallorossa che spegne i tentativi di bruciare le polveri avversarie. Fulignati si esibisce in balzi tempestivi ed evita che la palla possa rotolargli in fondo alle reti, mentre “Morgan” Brighenti uncina a più non posso i vari spiragli creati dal solito Gliozzi. Il “gladiatore” Scognamillo pone riparo alle sbavature, Katseris corre come un dannato e sia Sounass che Vandeputte sostengono il centrocampo lanciati nella ribalta del fuorigioco. Sono proprio i greci a creare i maggiori ostacoli e pericoli ai pisani che come la torre pendono rovinosamente verso la sconfitta finale.

A otto minuti dalla fine del tempo regolamentare è Katseris a creare lo sviluppo del raddoppio: è l’82; il greco, che possiede il dono dell’ubiquità sul manto del Ceravolo, se ne va sulla destra e spara con violenza verso la porta difesa da Nicolas; il pipelet pisano respinge ma il pallone impatta al collega terzino difensore e carambola in fondo al sacco!

Sul 2 a 0 resta ben poco da dire ma i calciatori nerazzurri guidati da Aquilani non cavano un ragno dal buco e tornano nella città della Torre pendente con la settima sconfitta storica subita dai giallorossi in casa.

Il Catanzaro ha vinto meritatamente. Cinico e spietato ha matato una formazione che merita rispetto perché ha giocato ad armi pari ma sotto il profilo tecnico non è mai stata superiore.

Al termine della partita il Catanzaro si ritrova ancora una volta momentaneamente terzo (con 30 punti) ma quel che è più interessante a soli tre punti dal Venezia che (come abbiamo anticipato) le ha buscate dalla Cremonese che si è fermata a 29!

Come di consueto suggeriamo ai lettori di riemozionarsi con la cronaca registrata del match ove i particolari annotati dal collega Lorenzo Fazio, garantiscono spunti interessanti. Agli amici e gentili lettori del quotidiano l’Italiano che seguono le vicende del Catanzaro Calcio e delle altre società che gareggiano, e che ci leggono in tutto il mondo dove sono residenti italiani, rivolgiamo il più cordiale “Arrivederci” al prossimo incontro che si disputerà allo stadio “Cino e Lillo Del Duca” dove attende l’Ascoli che non sta attraversando un buon momento (oggi ha perso in casa contro lo Spezia per 2 a 1) e si ritrova penultimo in graduatoria. Per il Catanzaro è una ghiotta occasione di recuperare ancora terreno sulle prime della classe…

Nell’attesa che trascorrano i giorni intermedi – salutiamo col tradizionale

Giallorossamente vostro,

Riccardo Colao

I convocati per Como – Catanzaro
i numeri di maglia attribuiti ai calciatori della rosa al servizio di mr. Vivarini
I protagonisti al fischio d’inizio di Catanzaro – Pisa
La distinta dell’incontro Catanzaro – Pisa
L’arbitro Davide Ghersini

CATANZARO – PISA

VOLANO LE AQUILE GIALLOROSSE SULL’ALTO DELLA TORRE DI PISA

di Lorenzo Fazio – Cronaca del Match – Minuto per Minuto per il Quotidiano l’Italiano

CATANZARO – -Squadre in campo, si parte alle 16.15! Sesta sconfitta in campionato per il Pisa che scivola al tredicesimo posto. Dopo un primo tempo equilibrato con qualche buona occasione per Gliozzi, il Catanzaro aspetta la sua preda, morde e colpisce sfruttando gli errori degli avversari. Il vantaggio arriva con Ambrosino, subentrato da pochi secondi nella ripresa al posto di Iemmello. La squadra di Aquilani prova ad attaccare a testa bassa, ma non riesce a riequilibrare il risultato. All’82’ la rete che chiude i conti è un autogol di Marin. Prosegue il momento positivo dei giallorossi che compiono un ulteriore balzo in classifica. Ma passiamo alle fasi salienti:

3’OCCASIONE PISA! Subito vicini al vantaggio i toscani, cross basso di Piccinini per Gliozzi che di prima intenzione sfiora il palo alla sinistra di Fulignati! 4’Vanifica un buon contropiede il Catanzaro con Iemmello che si attarda nel controllo del pallone sulla trequarti avversaria e viene rimontato dalla difesa del Pisa

8’Cross di Tramoni a cercare Gliozzi, il pallone arriva docile tra le braccia di Fulignati 11’OCCASIONE CATANZARO! Un rimpallo favorisce Biasci che a tu per tu calcia addosso Nicolas il quale devia la sfera in calcio d’angolo! 17’Ritmi bassi in questo momento, dopo un avvio con una grande occasione per entrambe le squadre

20′ Sta provando il Catanzaro a testa bassa a trovare un varco tra la difesa del Pisa

23′ Staff medico in campo per soccorrere Iemmello, qualche problema per l’attaccante del Catanzaro. 25′ Rientra in campo Iemmello ma vanno monitorate le sue condizioni, non sembra al meglio l’ex attaccante del Sassuolo – 28’Iemmello! Riceve al limite dell’area e conclude verso la porta, tiro respinto da un difensore e successiva carambola su Sounas con la sfera che poi viene controllata da Nicolas

33’Primo giallo del match, fallo di Krajnc a centrocampo e Ghersini mette mano al taccuino

36’RISCHIA FULIGNATI! Il portiere del Catanzaro sbaglia in impostazione e rinvia sui piedi di Valoti che però non riesce a controllare!

36’Primo ammonito anche nel Pisa, giallo per Canestrelli

41’ANCORA GLIOZZI! Esterno in verticale di Estevez per il centravanti del Pisa che di prima chiama alla gran parata Fulignati!

43’Ricade male Biasci, l’attaccante del Catanzaro viene soccorso dallo staff medico

45’Due minuti di recupero

45’+2’FINISCE IL PRIMO TEMPO! Reti inviolate all’intervallo tra Catanzaro e Pisa!

52′ Esce Iemmello, evidentemente non al massimo dopo il problemino del primo tempo. Dentro Ambrosino al suo posto

53′ GOL! CATANZARO-Pisa 1-0! Gol lampo proprio di Ambrosino! Contro cross di Vandeputte dopo che Biasci non era arrivato sul pallone in precedenza, non sbaglia invece Ambrosino che dopo nemmeno 30 secondi dal suo ingresso in campo batte Nicolas!

OCCASIONE CATANZARO! Conclusione di Stoppa dopo lo slalom di Sounas, Nicolas si distende e respinge

82′ GOL! CATANZARO-Pisa 2-0! Autorete sfortunata di Marin! Katseris se ne va sulla destra e conclude verso la porta, Nicolas respinge addosso al suo compagno che devia involontariamente il pallone in fondo al sacco!

85’Punizione battuta da Canestrelli, respinge con il corpo Scognamillo – 86’Due cambi nel Catanzaro: fuori Ghion per Pontisso e Sounas per Oliveri. Sostituzioni terminate anche per Vivarini18:02 90’Vignato si coordina in girata dal limite dell’area, palla alta

Poi l’arbitro assegna altri 4 minuti di recupero per fischiare al termine di questo tempo la fine dell’incontro. Catanzaro batte Pisa 2 a 0!

Lorenzo Fazio

Catanzaro – Pisa – Il tabellino

Catanzaro: Fulignati, Scognamillo, Katseris, Krajnc, Brighenti, Ghion (86′ Pontisso), Pompetti (72′ Verna), Sounas (86′ Oliveri), Vandeputte, Biasci (72′ Stoppa), Iemmello (52′ Ambrosino). A disp. Sala, Borrelli, Krastev, D’Andrea, Brignola, Veroli, Miranda, Ambrosino. All. Vivarini

Pisa: Nicolas; Esteves, Canestrelli, Hermannsson, Beruatto (64′ Barbieri); Marin, Piccinini; Tramoni (81′ Masucci), Valoti (64′ Arena), Mlakar (72′ Vignato); Gliozzi (64′ Moreo). A disp. Loria, Leverbe, Caracciolo, D’Alessandro, Nagy, Veloso, Barberis. All. Aquilani
Arbitro: Davide Ghersini di Genova ha diretto l’incontro coadiuvato da  Edoardo Raspollini di Livorno e Daisuke Emanuele Yoshikawa di Roma1, IV ass. Gianluca Renzi di Pesaro mentre nelle postazioni Var lo hanno assistito Luigi Nasca di Bari e Orlando Pagnotta di Nocera Inferiore
Reti: 52′ Ambrosino, 82′ aut. Marin
Ammoniti: Krajnc, Canestrelli, Ambrosino, Verna
Note: Recupero 2′ pt, 4′ st.

Immagine Area US Catanzaro 1929

Comments


Lascia un commento