Sunday, April 21, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Calcio – Serie B – Catanzaro – Modena. Aquile contro canarini: i giallorossi volano basso e i gialloblu escono vincitori dalla gabbia del Ceravolo

In tutto si è giocato almeno cento minuti effettivi tra tempi regolamentari e minutaggi di recupero. Il Modena all’80’ aveva commesso almeno 25 falli contro i 9 dei padroni di casa, il che la dice tutta sulla tecnica adottata dalla squadra di mister Bianco per sfuggire agli artigli delle Aquile. Ci è sembrato di rivedere la partita di Como, dove però il pareggio non è mai arrivato. Anche questa partita non ci è piaciuta ed è forse arrivato il momento per il comandante Vivarini di rivedere certi schemi. I piani del Catanzaro risultano prevedibili e controllabili. Ogni volta che un giallorosso si ritrovava la palla tra i piedi doveva superare il controllo di raddoppi e triple marcature…


di Riccardo Colao (Direttore del Quotidiano l’Italiano)

CATANZARO Ogni volta che si alza il sole soprattutto nei giorni in cui si disputano le partite del Campionato di Calcio di serie B, non importa che si indossi una maglia giallorossa o una maglia gialloblu, non importa che si tenga al Catanzaro o che si tifi per il Modena (in qesto caso) l’importante è che si cominci a correre…a trottare… a movimentarsi per raggiungere il luogo dove si svolgerà l’evento…

Ed è esattamente quello che han fatto i tanti meravigliosi, stupendi, tifosi delle Aquile che già a metà della mattinata di oggi, sabato 4 novembre, erano riusciti a staccare, al botteghino, la bellezza di 9615 biglietti come ci comunica il collezionista e amico Rino Rubino, per la dodicesima giornata del torneo 2023-24.

C’era voglia e tanto bisogno – scriviamolo a cuore aperto – di cercare, e di trovare il riscatto dopo l’episodio di Como nel quale, se è pur vero che i lariani han prodotto tante azioni ed occasioni di gol, se non fosse stato per l’invenzione del rigore , visto dal fenomeno paranormale De Santis di Ladispoli, che compie il miracolo della trasformazione del fallo in attacco in uno a difesa del nulla (il pallone era quasi al limite del giocabile), forse lo 0 a 0 sarebbe stato il risultato più giusto.

Ma come sia inutile piangere e recriminare su ciò che è solo archivio per le statistiche riteniamo invece sia altrettanto necessario farlo per quello che si è potuto vedere oggi al Ceravolo.

Prima però qualche annotazione e un paio di domande al mister Vivarini al quale riconosciamo competenza, professionalità e umiltà.

Il primo tempo è stato dominato dai giallorossi per quantità di possesso palla. Un 61% contro il 39% degli ospitati. Tuttavia quella minoranza di percentuale ha permesso al Modena, con sei titolari assenti, di tornare negli spogliatoi con il pareggio di 1 a 1. Premesso che al gol di Vandeputte è seguito quello di Manconi e che mentre la rete catanzarese è arrivata a termine di una bella azione corale, quella dei canarini è stata propiziata da un errore di Ghion che ha concesso la ripartenza agli avversari. Poi siccome la fortuna è cieca e la sfiga ci vede benissimo per colmo della sfortuna la “minchiata” di Ghion ha prodotto il gol del pareggio.

Sono situazioni alle quali stiamo assistendo da un bel po’ di partite e possono essere utili a risultato messo in cassaforte …men che meno al momento in cui si combatte contro formazioni che hanno compreso come mettere in difficoltà il Catanzaro agendo con il baricentro alto e un pressing forsennato per indurre Vandeputte e compagni a non ragionare con serenità…

Nel secondo tempo le cose non sono cambiate di molto. A dire il vero il Modena ha cercato persino di veleggiare da nave corsara e c’é riuscita nei minuti di recupero col gol di Bozhanaj. Troppi passaggi all’indietro da parte del Catanzaro… troppe fasi molto ragionate … poche le ripartenze capaci di fare male e di affondare… E quando è uscita la coppia Iemmello-Donnarumma che aveva in qualche modo evidenziato cose egregie si è capito che per il Catanzaro sarebbe giunta la pareggite … risultato tutto sommato giusto vista la scarsa aggressività delle Aquile men che meno si poteva presumere che si sarebbe addirittura perso….

In tutto si è giocato almeno cento minuti effettivi tra tempi regolamentari e minutaggi di recupero. Il Modena all’80’ aveva commesso almeno 25 falli contro i 9 dei padroni di casa, il che la dice tutta sulla tecnica adottata dalla squadra di mister Bianco per sfuggire agli artigli delle Aquile. Ci è sembrato di rivedere la partita di Como, dove però il pareggio non è mai arrivato. Anche questa partita non ci è piaciuta ed è forse giunto il momento per il comandante Vivarini di rivedere certi schemi. I piani del Catanzaro risultano prevedibili e controllabili. Ogni volta che un giallorosso si ritrovava la palla tra i piedi doveva superare il controllo di raddoppi e triple marcature…

Poi dopo la traversa di Ambrosino che avrebbe potuto regalare finalmente la vittoria si è spalancarti invece il gol del raddoppio modenese che è costato la seconda sconfitta interna. E a questo punto ci sarebbe da mandare a fare in culo tutto e tutti, anche se il Calcio è ricco di episodi similari. Chissà forse hanno ragione coloro che sostengono che il Catanzaro debba puntare solo a salvarsi … e altro che puntare in alto!

Come di consueto concludiamo con l’invito a proseguire la lettura della cronaca registrata del match ove i particolari annotati dal collega Lorenzo Fazio, restituiranno la visione complessiva Agli amici lettori del quotidiano l’Italiano che seguono le vicende del Catanzaro Calcio, e che ci leggono a Catanzaro come in tutto il mondo dove sono residenti italiani, rivolgiamo il più sereno “Arrivederci” al prossimo incontro che verrà disputato in “laguna” contro il Venezia che poteva assumere il sapore di un pre-spareggio e che invece si staglia come un nuovo possibile ostacolo difficile da superare! Sotto a chi tocca e intanto…

Giallorossamente vostro,

Riccardo Colao

I convocati per Como – Catanzaro
i numeri di maglia attribuiti ai calciatori della rosa al servizio di mr. Vivarini
I33 i precedenti totali tra Catanzaro e Modena 💪
Sei le vittorie dei giallorossi contro le tredici dei canarini.
La distinta dell’incontro Catanzaro – Modena

CATANZARO – MODENA ORE

di Lorenzo Fazio dallo Stadio “Ceravolo” per il Quotidiano l’Italiano

Exif_JPEG_420

CATANZARO L’US Catanzaro, insieme alla Lega Serie B e le altre associate, sostiene la campagna di sensibilizzazione alla lettura tra i più giovani #ioleggoperchè. Dal 4 al 12 novembre, ci si puòi recare nelle librerie e donare un libro alle biblioteche delle scuole della Città. Bellissima questa iniziativa che lega lo Sport ed in particolare il mondo del Calcio alla Cultura. E dopo questa breve nota che piacerà sicuramente al nostro Direttore Riccardo Colao, passiamo alle fasi dell’incontro odierno tra Catanzaro e Modena. non prima di aver ricordato i:

PRECEDENTI IN CASA
Il computo dei match disputati sul terreno casalingo tra Catanzaro e Modena sono stati 16 con le Aquile in vantaggio nel computo delle vittorie per 6-2, 8 i pareggi. Le reti invece riportano numeri di 18-12 sempre a favore del Catanzaro; l’ultimo match si è svolto il 25 Febbraio 2006 in occasione della 30° giornata del torneo di Serie B 2005-06 e terminato per 1-0 a favore dei giallorossi grazie alla rete su rigore di Giorgio Corona al 56′; penalty decretato per fallo in area commesso sul centravanti. Vittoria che illude i tifosi speranzosi nel miracolo salvezza; tuttavia nelle restanti 12 partite le Aquile mieteranno solo un altra vittoria con il contorno di 11 pesanti sconfitte; condizione che condurrà al cambio in panchina e alla retrocessione.

Dirige il match l’arbitro Di Bello di Brindisi, assistito da Lo Cicero di Brescia e Ceccon di Lovere. Quarto uomo Bordin di Bassano del Grappa. Partita molto combattuta nei primi 45 minuti. Parte molto aggressivo il Modena,  con assenze di Gargiulo, Gagno, Cauz, Falcinelli, Strizzolo, Gerli).

Poi è il Catanzaro a trovare il vantaggio con Vandeputte su assist di Stoppa. Reagisce bene la formazione ospite che attorno alla mezz’ora trova il pari con Manconi, con un sinistro preciso che non lascia scampo a Fulignati. Ttto parte da errore di Gio ce saglia il retropassaggio.

Possesso palla nettamente a favore dei padroni di casa, ma il Modena ha aggredito con vigore gli avversari, nonostante le numerose assenze.

19′ GOL! CATANZARO- Modena 1-0! Jari VANDEPUTTE! Ripartenza di Stoppa sulla fascia destra che crossa in mezzo dove l’esterno ci prova al volo e trafigge Seculin!

27′ GOL! Catanzaro-MODENA 1-1! Pareggio di Jacopo MANCONI! L’attaccante degli ospiti parte in contropiede liberato da Tremolada, resiste alla marcatura di Scognamillo e in area libera un sinistro preciso sul secondo palo!

32′ Punizione dalla trequarti per il Catanzaro: i padroni di casa provano uno schema, ma il tentativo di Donnarumma viene intercettato da Seculin.

33′ Nell’occasione c’è stato uno scontro fortuito tra Donnarumma e Guiebre. Ha la peggio l’attaccante , che sanguina copiosamente dal naso.

Nella ripresa poco da segnalare.

Accade quasi tutto nei minuti di recupero:

90’+4′ OCCASIONE CATANZARO! Ambrosino si libera bene di un difensore e lascia partire un missile da fuori area: traversa!

90’+5’GOL! Catanzaro-MODENA 1-2! Bellissimo gol di Kleis BOZHANAJ! Sul rovesciamento di fronte, palla al giovane albanese che lascia partire uno splendido destro sul quale Fulignati non può nulla.

Il Catanzaro perde per la seconda volta in casa (questa volta forse immeritatamente rispetto a quella persa col Parma) e a questo punto qualcuno dovrà rendere conto di queste prestazioni che non sono piaciute a nessuno anche se la tifoseria continua a sostenere i propri beniamini.

Lorenzo Fazio

TAVELLINO DI CATANZARO – MODENA 1 – 2

CATANZARO (4-4-2): Fulignati; Veroli, Scognamillo, Brighenti, Oliveri; Vandeputte, Ghion (83′ D’Andrea), Pontisso (71′ Pompetti), Stoppa (71′ Sounas); Iemmello (58′ Ambrosino), Donnarumma (58′ Biasci). A disp.: Sala, Krastev, Krajnc, Miranda, Katseris, Situm, Brignola. All.: Vivarini

MODENA (3-5-2): Seculin; Riccio, Zaro, Ponsi (73′ Pergreffi); Oukhadda, Duca, Magnino, Palumbo, Guiebre (60′ Bonfanti); Tremolada (73′ Bozhanaj), Manconi (83′ Cotali). A disp.: Vandelli, Leonardi, Vukusic, Battistella, Mondele, Giovannini, Abiuso. All.: Bianco

ARBITRO: sig. Di Bello di Brindisi – Assistenti: Alessandro Lo Cicero e Marco Ceccon – IV ufficiale: Bordin;

VAR: Di Martino; Avar: Volpi

RETI: 19′ Vandeputte, 27′ Manconi, 95′ Bozhanaj

NOTE: ammoniti Manconi, Ponsi, Palumbo, Bozhanaj, Scognamillo, Brighenti. – Angoli 2-2; Recperi 4′ pt; 6′ st

Catanzaro – Modena nella visione dell’Area US Catanzaro 1929

Comments


Lascia un commento