Thursday, June 20, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Clima anomalo e primavera in anticipo, le previsioni meteo di oggi sull’Italia

(Adnkronos) – Clima anomalo, sole premaverile e temperature oltre la media. E' un febbraio all'insegna del cambiamento climatico quello che…

By L'Italiano , in Ultima ora , at 16 Febbraio 2024 Tag:

(Adnkronos) – Clima anomalo, sole premaverile e temperature oltre la media. E' un febbraio all'insegna del cambiamento climatico quello che stiamo vivendo minacciato, forse, solo da un vortice di passaggio al Centro-Sud con piogge sparse dopo il weekend. Una sorta di Pasqua in anticipo, insomma, almeno sul fronte meteo. Questo il quadro meteo delineato dagli esperti per la giornata di oggi, 16 febbraio 2024, e per i giorni a venire.  Stiamo vivendo dunque una ‘Nuova Pasqua di febbraio’? Antonio Sanò, fondatore del sito www.iLMeteo.it, ricorda che a Pasqua è già primavera, ci sono le prime gite fuori città e al mare; durante questa festività si inizia poi a progettare le vacanze estive, riaprendo anche le case delle località di villeggiatura. E in effetti in queste ultime giornate di febbraio 2024 tutto è stato anticipato: moltissime persone si sono già riversate al mare o in collina per un veloce pic-nic, come durante il Lunedì dell’Angelo. D’altronde sembra di essere già a fine marzo con termiche primaverili (mediamente intorno ai 25°C): anche un anno fa il 22 marzo 2023 ci furono 25 gradi sul Lago di Garda, 23 a Bolzano e 22 a Milano, Brescia e Padova. E’ normale che dopo l’Equinozio di Primavera, con le ore di luce che iniziano a superare le 12 in totale, il clima si scaldi un po’: non è normale trovare queste temperature, dal sapore pasquale, per San Valentino.  Con questo clima impazzito si è già raggiunto, poi, il ‘limite di non ritorno’ a livello globale: nel 2023 la temperatura ha superato di 1,48°C il valore di riferimento pre-industriale, un record di caldo estremo. Gli Accordi sul Clima di Parigi indicavano nel 2015 la soglia di +1,5°C come limite consigliato da non superare: ebbene, dopo 8 anni ci siamo già arrivati. Gli scienziati a Parigi non escludevano questo drammatico scenario tra il 2030 e il 2040: la campanella dell’allarme meteo ha suonato con almeno 10 anni di anticipo. Con il ‘limite di non ritorno’ raggiunto, dobbiamo scongiurare che la crisi continui nei prossimi anni attraverso interventi di mitigazione climatica: altrimenti, con anomalie costanti di almeno +1,5°C, ci sarà un aumento di ondate di calore, incendi boschivi, inondazioni, frane e valanghe.  Nel dettaglio si stima che aumenterebbe del 100% la probabilità di eventi estremi con 350 milioni di persone colpite dalla siccità entro il 2100; i ghiacci polari dell’Artico fonderebbero in modo totale in estate almeno 1 volta ogni 100 anni, 700 milioni di persone sarebbero esposte a estreme e mortati ondate di calore almeno 1 volta ogni 20 anni, 46 milioni di persone verrebbero colpite dall’innalzamento del livello del mare (circa mezzo metro) entro il 2100. Anche la fauna e la flora verrebbero messe K.O.: il 70% dei coralli potrebbe scomparire entro il secolo, perdendo anche tutto l’ecosistema associato. Insomma il limite raggiunto l’anno scorso (+1,48°C a livello globale) è più di un campanello d’allarme: siamo al limite di non ritorno. Pensare alle vacanze pasquali, con gite fuoriporta a San Valentino, è solo una goccia in mezzo al mare, un mare però sempre più caldo: anche questo inizio del 2024 ha confermato che gli oceani sono ‘bollenti’, su valori termici da record; tutto questo calore inciderà anche sulle prossime stagioni che si prevedono ancora una volta torride ed estreme a livello globale. Intanto, per quel che conta, anche le prossime ore saranno calde di giorno, almeno fino a domenica con tempo asciutto quasi ovunque: dalla prossima settimana non è escluso invece il passaggio di un vortice al Centro-Sud con piogge sparse, ma anche con qualche temporale in stile estivo viste le temperature degli ultimi giorni. Il clima è cambiato, benvenute vacanze pasquali a Febbraio. Venerdì 16. Al nord: sole e clima gradevole salvo nebbie in pianura. Al centro: bel tempo salvo nubi in aumento sul versante tirrenico e in Sardegna. Al sud: bel tempo mite con massime fino a 23 gradi. Sabato 17. Al nord: asciutto, ma con cielo spesso molto nuvoloso o anche coperto. Al centro: bel tempo prevalente salvo più nubi sulle Tirreniche. Al sud: bel tempo con temperature miti. Domenica 18. Al nord: nuvoloso con schiarite. Al centro: poco nuvoloso. Al sud: soleggiato. Tendenza: tornano le piogge da lunedì e martedì, poi da Venerdì. —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Comments


Lascia un commento