Tuesday, April 16, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Con l’arrivo della Primavera boom di presenze turistiche nell’Italia della Cultura e dell’Arte

Il boom di prenotazioni per il Belpaese è veramente una sopresa visti i precedenti anni di “magra” a causa del “covid”. Così anche per quest’inizio dell’anno l’Italia saluta e brinda in grande stile al ritorno del flusso turistico sulla Penisola.


di Gianfranco Simmaco per il Quotidiano l’Italiano

ROMA – Dal giorno di Capodanno in poi l’Istituto Statistico Italiano rende noto che l’Italia è in vetta tra le mete preferite per il turismo del 2023
Il boom di prenotazioni per il Belpaese è veramente una sopresa visti i precedenti anni di “magra” a causa del “covid”. Così anche per quest’inizio dell’anno l’Italia saluta e brinda in grande stile al ritorno del flusso turistico sulla Penisola.
Dopo un biennio di forte crisi dettata dall’emergenza sanitaria, inoltre si sta sviluppando un turismo “Nazional popolare” grazie ai milioni di italiani che hanno deciso di concedersi qualche giorno di vacanza per celebrare insieme ad amici e parenti i vari “Ponti” che si sono succeduti da inizio del 2023 a Pasqua, al 25 aprile, al 1 maggio e a quelli delle festività di giugno.
Secondo i dati Enit, l’Italia è il secondo Paese più ricercato dagli europei per trascorrere l’inizio del
nuovo anno, davanti a Portogallo, Francia e Regno Unito.
Il bilancio di Confindustria Alberghi, rilasciato puntualmente durante l’ultima settimana dell’anno,
ha confermato che sono circa l’80% le camere che danno il sold out per tutto il periodo compreso
tra Capodanno, l’Epifania (70%) e l’Immacolata (60%).
Tali numeri sono dettati dal forte incremento di presenze straniere che quest’anno hanno deciso
di trascorrere le proprie vacanze (da quelle natalizie in poi) sul suolo italiano; in particolare Roma che ha registrato il tutto esaurito con prenotazioni che hanno superato la quota del 70% delle camere disponibili con all’85%. per Milano e con il 75% per Firenze e con il 65% per altri centri quali Venezia, Napoli e Bologna.
In Sicilia, per esempio a Siracusa, è stata registra una crescita del 30% rispetto al 2019, seguita dal capoluogo siciliano. A Palermo, una tra le mete preferite da tanti turisti (sia italiani che esteri)
‘’I dati confermano la grande voglia di tornare a visitare le nostre destinazioni ma è il turismo
internazionale a fare la differenza confermando una crescita costante. Molto bene quindi il
mercato turistico dei primi mesi del 2023 che grazie anche alle presenze degli stranieri segna il sorpasso rispetto allo stesso periodo precrisi’
’. Lo afferma – senz’ombra di dubbi – Maria Carmela Colaiacovo, presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi.
Tra serate a teatro e frequentazioni nelle discoteche c’è chi preferisce poi trascorrere una giornata sulla neve.
Secondo alcune analisi presentate da Federalberghi, infatti, nonostante il notevole aumento dei
prezzi, la protagonista indiscussa resta sempre la montagna, la quale ha segnato circa il 30,4% di
viaggiatori italiani.
Il programma a disposizione è molto vasto: eventi in piazza, concerti sotto le stelle e fiaccolate
sono solo l’inizio delle proposte per questo Capodanno.
Tra le mete più gettonate non mancano il Piemonte e la Lombardia con Livigno e Sestriere con i
suoi snowpark più grandi di tutta Italia.
La Valle d’Aosta anche per la fase finale primaverile si è presentata tra le mete perfette per un’esperienza
totalmente suggestiva da vivere sui sentieri e sulle piste tra le montagne innevate di Courmayeur.
Per chi invece ha preferito il relax senza rinunciare al clima prima invernale e oggi primaverile, le mete
preferite sono state: le terme di Bormio, Prè Saint Didier in Val d’Aosta, terme di Merano a
Bolzano, terme di Aqui in Piemonte.
E se da una parte vi sono le preferenze per le piste innevate e chalet in montagna, dall’altra gli italiani non rinunciano alla possibilità di trascorrere le proprie feste nel clima mite delle terre di Sardegna, Sicilia, Puglia e Calabria, che possono contare su mari puliti e strutture in grado di accogliere turisti di ogni specie per qualsiasi periodo dell’anno.

L’invito al Caffé Letterario

Comments


Lascia un commento