Sunday, June 23, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Speciale Elezioni Europee 2024: Segui la Diretta

Trasmettiamo gli exit poll dai Paesi dell’UE. Segui la diretta delle Elezioni.Urne aperte per le elezioni europee 2024. Sabato 8…

By wp_3751190 , in In Evidenza Ultima ora , at 9 Giugno 2024 Tag: , , , ,

Trasmettiamo gli exit poll dai Paesi dell’UE. Segui la diretta delle Elezioni.
Urne aperte per le elezioni europee 2024. Sabato 8 Giugno dalle ore 15 alle 23 e il 9 Giugno dalle ore 7 alle 23 si vota per eleggere i prossimi rappresentanti al Parlamento Europeo. Nello specifico, la quota di europarlamentari che spetterà all’Italia nella prossima legislatura sarà di 76, su un totale di 720 membri.

Le elezioni europee del 2024 rappresentano un evento cruciale per l’Unione Europea, in quanto determineranno la composizione del Parlamento Europeo per i prossimi cinque anni.

In Italia si vota anche per le amministrative in 3.700 Comuni, tra cui Firenze, Bergamo e Bari, e per le regionali in Piemonte.

Elezioni Europee, come si vota?

Per votare è necessario essere cittadini italiani e aver compiuto diciotto anni. Laddove, si risieda in altri paesi all’interno dell’Unione europea e si è iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (Aire), è possibile votare nei seggi elettorali allestiti all’estero dalle sedi diplomatico-consolari italiane del Paese in cui risiedete. Se, invece, si risieda in un paese che non fa parte dell’Unione Europea, si potrà votare solamente recandosi nel proprio comune di appartenenza.

Per le elezioni europee è possibile votare per una sola lista e non è ammesso il voto disgiunto. L’elettore, nel momento del voto, ha facoltà di esprimere o meno una preferenza, fino a un massimo di tre preferenze. Nel caso in cui l’elettore voglia esprimere due o tre preferenze, queste devono essere di genere differente.

Circoscrizioni Elezioni Europee 2024

Nel nostro Paese, sono cinque le circoscrizioni elettorali europee, che hanno una dimensione sovra-regionale. Al loro interno i partiti hanno presentato una lista di candidati tra cui è possibile scegliere.

  • Nord occidentale (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia);
  • Nord orientale (Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna);
  • Centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio);
  • Meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia Basilicata, Calabria);
  • Insulare (Sicilia, Sardegna).

L’affluenza alle urne in Italia

In Italia i primi dati indicano un aumento rispetto alle ultime europee del 2019. Allora sabato alle 23 l’affluenza era stata del 20% circa, mentre quest’anno alle 19:00 di domenica 9 Giugno aveva votato il 40,85% degli aventi diritto.

Paesi Europei che hanno già votato

I Paesi Bassi sono stati i primi a votare in questo ciclo di elezioni europee. Il 6 Giugno, dalle 7:00 alle 21:00, si sono tenute le prime consultazioni dei 27 Stati chiamati a rinnovare i seggi del Parlamento europeo. Secondo i primi exit poll di Ipsos, uno dei più importanti centri di studio e di analisi di mercato, nei Paesi Bassi sarebbe stata in testa la lista di centrosinistra, composta dal Partito del lavoro e dai Verdi, ma anche l’estrema destra del Partito della libertà (Pvv), che ha vinto le recenti elezioni politiche olandesi e si appresta a formare un governo, avrebbe ottenuto un buon risultato. Nuove proiezioni assegnano ai partiti di destra la maggioranza dei seggi.

Secondo le prime proiezioni degli exit poll, in Austria la destra sovranista è in testa, mentre a Cipro il Partito popolare è bilanciato dalla sinistra. In Germania dalle prime proiezioni la maggioranza dei seggi è andata al Partito popolare europeo, ma al secondo posto si colloca la destra estrema di Alternative für Deutschland (Afd), che ha sorpassato il Partito socialista del cancelliere Olaf Scholz. Stesso vento a destra in Grecia.

Il 7 Giugno si sono aperte le urne in Irlanda e in Repubblica Ceca, che terrà aperto il voto anche l’8 Giugno. Sabato invece si entra nel vivo della contesa per il voto della maggioranza dei 373 milioni di elettori europei aventi diritto. Si aprono i seggi in Italia (dove il voto prosegue anche domenica 9), Lettonia, Slovacchia e Malta. In tutti gli altri paesi si vota solo domenica 9.

Comments


Lascia un commento