Friday, April 19, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


FP CGIL Polizia Penitenziaria – Carcere di Taranto, detenuto ergastolano ha fratturato la mascella di un Poliziotto in servizio sferrandogli numerosi pugni al volto. Poliziotto ricoverato d’urgenza per ricostruzione maxillofacciale.

Cosimo Sardelli Segretario Generale FP CGIL Taranto: ”Avevamo già segnalato la pericolosità di questo detenuto. Davvero incomprensibile il trasferimento di questo ergastolano che non sarebbe dovuto venire a Taranto presso una Casa Circondariale ma doveva essere associato ad una Casa di Reclusione”.


di Ivan Trigona per il Quotidiano l’Italiano

TARANTO – “Questa mattina, nel carcere di Taranto, un detenuto ergastolano ha fratturato la mascella di un Poliziotto in servizio sferrandogli numerosi pugni al volto. Il Poliziotto è stato immediatamente ricoverato d’urgenza nell’ospedale “Francesco Miulli” di Acquaviva delle Fonti, specializzato nella ricostruzione maxillofacciale”.

Lo riferisce Luca Lionetti Dirigente sindacale FP CGIL Polizia Penitenziaria Taranto: “Il detenuto, già protagonista di numerose aggressioni contro il personale di Polizia Penitenziaria, era stato trasferito a Taranto più di un mese fa dalla regione Campania”.

Cosimo Sardelli Segretario Generale FP CGIL Taranto: ”Avevamo già segnalato la pericolosità di questo detenuto. Davvero incomprensibile il trasferimento di questo ergastolano che non sarebbe dovuto venire a Taranto presso una Casa Circondariale ma doveva essere associato ad una Casa di Reclusione”.

Mirko Manna, Nazionale FP CGIL Polizia Penitenziaria: “Il carcere di Taranto, intitolato a “Carmelo Magli”, Poliziotto penitenziario ucciso nel 1994 in un agguato mafioso, è una delle più sovraffollate d’Italia e dovrebbe ospitare 500 detenuti mentre ora ne contiene circa 800, con un corrispettivo tasso di affollamento del 157%. Rispetto a gennaio 2022, ha visto un incremento di 150 detenuti in più che corrispondono ad un incremento di oltre il 23%. Inoltre, sembrerebbe che il trasferimento sia stato di fatto motivato per permettere al detenuto una occasione di lavoro per aiutarlo nel suo cammino di recupero alla società civile. Urgono immediate spiegazioni da parte del DAP e del PRAP su questo trasferimento e preannunciamo uno stato di mobilitazione del personale per un altrettanto immediato sfollamento dell’Istituto”.

Polizia Peniteniaria, durante il servizio nelle patrie galere
Polizia Penitenziaria Sindacato Logo

Comments


Lascia un commento