Wednesday, April 17, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


“Il Gattopardo – I sessant’anni del film tra arte, media e società” è il titolo del nuovo libro dello storico e critico cinematografico siciliano Antonio La Torre Giordano.

La pubblicazione, edita in occasione del sessantesimo anniversario dell’uscita nelle sale cinematografiche della pellicola di Luchino Visconti tratta dall’omonimo romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, si inserisce nell’ambito delle attività di promozione e valorizzazione dei materiali cinematografici cartacei e audiovisivi condotta nel 2023 da “ASCinema – Archivio Siciliano del Cinema” che vede alla guida lo stesso autore.  


di Gianfranco Simmaco– dalla Redazione Musica & Spettacoli del Quotidiano l’Italiano

“Il Gattopardo – I sessant’anni del film tra arte, media e società” è il titolo del nuovo libro dello storico e critico cinematografico siciliano Antonio La Torre Giordano.

La pubblicazione, edita in occasione del sessantesimo anniversario dell’uscita nelle sale cinematografiche della pellicola di Luchino Visconti tratta dall’omonimo romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, si inserisce nell’ambito delle attività di promozione e valorizzazione dei materiali cinematografici cartacei e audiovisivi condotta nel 2023 da “ASCinema – Archivio Siciliano del Cinema” che vede alla guida lo stesso autore.  

Il volume, pubblicato da Lussografica, è un invito a immergersi nell’opera e nel contesto che l’ha resa un pilastro del cinema mondiale.

Capolavoro assoluto della settima arte e tra i film più iconici nella storia, “Il Gattopardo” è analizzato dalla lente esperta di Antonio La Torre Giordano, che si sofferma con grande attenzione sull’eredità e sull’influenza culturale dell’opera.

La pubblicazione ne esplora la grandezza artistica e l’impatto socio–culturale che ha lasciato un’impronta indelebile nel cinema mondiale.

Con appassionata dedizione, lo storico e critico cinematografico offre un’analisi completa che si colloca ben oltre la semplice visione, scrutando le sfumature, i contesti e i significati più profondi che animano la pellicola.

“Luchino Visconti – afferma l’autore – ha sapientemente portato alla vita la maestosità del romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, trasformandolo in un’esperienza visiva e narrativa inedita”.
Nel suo nuovo libro, Antonio La Torre Giordano esplora la complessità dell’opera del regista milanese, rivelando nuove prospettive sulle interpretazioni, i simbolismi e i molteplici significati che l’attraversano.

Tra i punti di forza del libro, ci sono la diversità delle chiavi di lettura offerte al lettore e la capacità di suscitare riflessioni appassionate e profonde sul senso e sul valore dell’inestimabile eredità lasciata.

L’arte, i media e la società si intrecciano in un’unica analisi, proponendo una prospettiva ampia e articolata sull’influenza de “Il Gattopardo” nel panorama culturale, attraverso una ricerca meticolosa e dettagliata che svela le relazioni complesse tra il film, il contesto storico e le dinamiche sociali dell’epoca e odierne.
Il risultato è una lettura coinvolgente che rappresenta un’opportunità unica per entrare nell’universo di un capolavoro che ha segnato un’epoca per il cinema mondiale: un invito rivolto soprattutto a coloro che apprezzano la bellezza intrinseca in opere d’arte senza tempo.

“Questo libro – afferma l’autore – rappresenta un viaggio nell’anima del capolavoro cinematografico che ha attraversato il tempo e le generazioni, ma in chiave desacralizzante”.
“Attraverso la critica e l’indagine storica – precisa Antonio La Torre Giordano – ho cercato di offrire ai lettori un’analisi minuziosa e aggiornata su come il film abbia plasmato la cultura e la società, risultandone, al contempo, plasmato esso stesso, lontano dai consueti struggimenti leziosi”.
Per lo storico e critico cinematografico, intanto, è in arrivo un prestigioso riconoscimento.
Il prossimo 29 ottobre, infatti, riceverà il premio per un’altra sua opera edita da Lussografica nell’ambito dell’azione culturale di “ASCinema – Archivio Siciliano del Cinema”, dal titolo “Il testamento fantastico. Cinema espressionista tedesco”, quale “Migliore saggio cinematografico dell’anno”, in occasione del Fano International Film Festival 2023.

Antonio La Torre Giordano
Burt Lancaster durante una pausa sul set

Comments


Lascia un commento