Sunday, April 14, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


ITC2000 – Teatri Molisani – CHE CI FACCIO QUI.. IN SCENA – giovedì 27 luglio – ore 21- TEATRO TOR BELLA MONACA – ROMA

Le storie più straordinarie sono quelle che ci passano a fianco senza che ne accorgiamo. Spesso sono così piccole che bisogna andare a cercarle tra le tante cose che non valgono nulla. Il racconto televisivo neorealistico di Domenico Iannacone si cala nel teatro di narrazione e trasforma le sue inchieste giornalistiche in uno spazio intimo di riflessione e denuncia. Il palcoscenico diventa luogo fisico ideale per portare alla luce quello che la televisione non può comunicare.


di Gianfranco Simmaco dalla Redazione Musica & Spettacolo del Quotidiano l’Italiano

ROMA – Un nuovo imperdibile appuntamento al Tor Bella Monaca Arena Estate.

Il 27 luglio arriva sul palco Domenico Iannaccone con Che ci faccio qui.. in scena.

Con le musiche dal vivo e sonorizzazioni di Francesco Santalucia e le installazioni video e videomapping di Raffaele Fiorella.
Le storie più straordinarie sono quelle che ci passano a fianco senza che ne accorgiamo. Spesso sono così piccole che bisogna andare a cercarle tra le tante cose che non valgono nulla. Il racconto televisivo neorealistico di Domenico Iannacone si cala nel teatro di narrazione e trasforma le sue inchieste giornalistiche in uno spazio intimo di riflessione e denuncia. Il palcoscenico diventa luogo fisico ideale per portare alla luce quello che la televisione non può comunicare.

Le storie così riprendono forma, si animano di presenza viva e voce e tornano a rivendicare il diritto di essere narrate. Iannacone rompe le distanze, prende per mano lo spettatore e lo accompagna nei luoghi che ha attraversato, lo spinge a condividere le emozioni, i ricordi, la bellezza degli incontri e la rabbia per quello che viene negato.

Il teatro di narrazione diventa in questo modo anche teatro civile in grado di ricucire la mappa dei bisogni collettivi, dei diritti disattesi, delle ingiustizie e delle verità nascoste. Mentre le immagini aprono squarci visivi, facendoci scorgere volti, case, periferie urbane ed esistenziali, le parole dilatano la nostra percezione emotiva e ci permettono di entrare, come una voce sotterranea, nelle viscere del Paese. 

Domenico Iannaccone

Comments


Lascia un commento