Wednesday, April 17, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


La Camera approva: 4 Novembre festa dell’Unità Nazionale!

A pervenire a questo risultato si è giunti dopo una lunga serie di interventi condotti in primis dall’on. Natino Aloi, dai parlamentari del gruppo dell’allora Movimento Sociale Italiano, poi Alleanza Nazionale, dall’UNUCI Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia e dalle altre associazioni combattentistiche e patriottiche

By L'Italiano , in Corpo Diplomatico Cronaca Italiana Cultura In Evidenza Politica Italiana Rubriche , at 04/03/2024 Tag: , , , , , ,

di Natino Aloi* per il Quotidiano l’Italiano

on. Natino Aloi

REGGIO CALABRIA – La Camera dei deputati ha approvato la legge sul riconoscimento del 4 NOVEMBRE come giornata della FESTA DELL’UNITÀ NAZIONALE.

Un provvedimento che colma una lacuna storica denunciata, in vari periodi, da tanti parlamentari ed anche dal sottoscritto, ritenendosi inconcepibile che la vittoria della Italia nella Prima Guerra mondiale, definita IV Guerra d’indipendenza, non venisse celebrata, con una giornata di festa che ricordasse il compimento dell’Unità nazionale realizzata attraverso il processo eroico e difficile del nostro Risorgimento.

La festa dell’Unità Nazionale, per tanto tempo non è più rientrata tra le festività nazionali, non era soppressa del tutto, ma era stata spostata alla prima domenica di novembre a partire dall’anno 1977 e da allora la data non è stata più considerata un giorno festivo.

A pervenire a questo risultato si è giunti dopo una lunga serie di interventi condotti in primis anche dal sottoscritto, dai parlamentari del gruppo dell’allora Movimento Sociale Italiano, poi Alleanza Nazionale, dall’UNUCI Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia e dalle altre associazioni combattentistiche e patriottiche

Il 4 novembre 1918 è il giorno in cui era entrato in vigore l’armistizio tra l’Italia e l’Impero austro-ungarico, ponendo così fine per il nostro Paese alla prima guerra mondiale. Al momento in questo giorno si celebra la “Festa dell’unità nazionale”, che però non è una vera e propria festività. Esistono infatti tre categorie in cui sono suddivise le festività e le giornate nazionali: i giorni festivi, le solennità civili e le giornate celebrative nazionali e internazionali.

La “Festa dell’unità nazionale”, celebrata il 4 novembre, è invece una delle sette solennità civili. Anche queste non sono festivi, ma durante le solennità civili sugli edifici pubblici possono essere esposte bandiere o simboli e possono essere organizzate cerimonie o iniziative, senza la riduzione degli orari di lavoro. Fino al 1976 il 4 novembre è stato un giorno festivo, ma dall’anno successivo ha smesso di esserlo: nel 1977 una legge sui giorni festivi aveva infatti stabilito che le celebrazioni della “Festa dell’unità nazionale” dovessero «avvenire nella prima domenica di novembre». Da tempo comunque queste celebrazioni si effettuavano durante ill 4 novembre, anche se quel giorno non era considerato un festivo quando non cadeva di domenica.

Da oggi tutto ciò è stato ripristinato alla data antecedente del 1977 con soddisfazione di quanti amano l’Italia, la Patria e le date storiche che l’hanno costituita!

Natino Aloi*

*Fortunato Aloi (detto Natino) è un politico italiano, uomo di cultura, storico e saggista. Docente negli istituti superiori. Dirigente missino e consigliere comunale e provinciale di Reggio Calabria, fu uno dei protagonisti nel 1970 della Rivolta di Reggio. Alle politiche del 1972 fu eletto deputato alla Camera per la lista del Movimento Sociale Italiano. Non rieletto nel 1976. Torna invece deputato nel 1983, fino al 1987. Nel 1994 torna alla Camera con Alleanza Nazionale e diviene sottosegretario all’Istruzione nel governo Berlusconi I. Rieletto nel 1996 è stato parlamentare fino al 2001 ricoprendo tra l’altro la carica di vice presidente della Commissione Agricoltura della Camera. Non ha riproposto la candidatura nel 2001.

Unità d’Italia – Il Presidente della Repubblica accompagnato dalle cariche istituzionali si reca a depositare la Corona sull’Altare della Patria davanti al sacrario del Milite Ignoto

Comments


Lascia un commento