Sunday, March 3, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


L’ARMA DEI CARABINIERI A BOSTON PER IL WORKSHOP “SMART FOREST IN SMART CITIES

i Il 4 e 5 dicembre prossimi si terrà a Boston il Workshop “SMART FOREST IN SMART CITIES” al quale prenderanno parte i Carabinieri, con una delegazione guidata dal Generale di Corpo d’Armata Andrea RISPOLI, Comandante del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFAA), attestatasi ormai nel panorama internazionale come una delle più complete ed efficaci strutture istituzionali di polizia ambientale.
I Carabinieri del CUFAA presenteranno a Boston il progetto SMART URBAN FORESTMONITORING, realizzato per il monitoraggio dello stato di salute del verde urbano in collaborazione con il MIT, il CREA (Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria) e l’Istituto di Metodologie per l’Analisi Ambientale del CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE. Il Progetto è attualmente in fase di
sperimentazione a Roma, nell’ambito del monitoraggio delle infestazioni da Cocciniglia
Tartaruga : un piccolo insetto che sta distruggendo le pinete e i viali, alberati con i pini,
della capitale italiana.


di Gianfranco Simmaco dalla Redazione Centrale per il Quotidiano l’Italiano

ROMA – L’ARMA DEI CARABINIERI A BOSTON PER IL WORKSHOP “SMART FOREST IN SMART CITIES”. Si consolida la presenza internazionale dell’Arma ad un anno dall’accordo con il MIT (Massachusetts Institute of Tecnology)
Il 4 e 5 dicembre prossimi si terrà a Boston il Workshop “SMART FOREST IN SMART CITIES” al quale prenderanno parte i Carabinieri, con una delegazione guidata dal Generale di Corpo d’Armata Andrea RISPOLI, Comandante del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFAA), attestatasi ormai nel panorama internazionale come una delle più complete ed efficaci strutture istituzionali di polizia ambientale.
I Carabinieri del CUFAA presenteranno a Boston il progetto SMART URBAN FORESTMONITORING, realizzato per il monitoraggio dello stato di salute del verde urbano in collaborazione con il MIT, il CREA (Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria) e l’Istituto di Metodologie per l’Analisi Ambientale del CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE. Il Progetto è attualmente in fase di sperimentazione a Roma, nell’ambito del monitoraggio delle infestazioni da Cocciniglia Tartaruga : un piccolo insetto che sta distruggendo le pinete e i viali, alberati con i pini,
della capitale italiana.
Il Workshop consolida la collaborazione tecnico-scientifica forestale tra l’Italia e gli USA, avviata nel 2018 con la partecipazione del CUFAA al 13° US – ITALY JOINT COMMISSION MEETING ON SCIENCE AND TECHNOLOGY (JCM ) e proseguita dapprima con gli scambi informativi e la condivisione di programmi, con le Agenzie Federali del NATIONAL PARK SERVICE e del NATIONAL FOREST SERVICE e poi con il prestigioso MASSACHUSETTS INSTITUTE OF TECHNOLOGY, una delle più importanti e autorevoli università del mondo, che ci consentirà, anche grazie alla volontà ed al lavoro di uomini e donne che credono nella ricerca, nell’ambiente e nel futuro, di conseguire un risultato di cui la comunità nazionale dovrà essere orgogliosa.
L’Accordo tra Carabinieri e Massachusetts Institute of Technology consolida la presenza internazionale dell’Arma e coniuga l’attività di ricerca, studio, analisi e sperimentazione del MIT con le esigenze di monitoraggio e controllo delle foreste che la
Legge ha delegato al CUFAA.

L’Arma dei Carabinieri consolida la sua presenza internazionale siglando un accordo con il Massachusetts Institute of Technology-MIT-Italy Program. Accordo che permetterà di sviluppare, insieme, un importante progetto dedicato al monitoraggio ambientale e alla sostenibilità. La collaborazione è entrata sin da subito nella fase operativa grazie al coinvolgimento del Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), partner scientifico dell’Arma per il comparto Forestale, e del MIT Senseable City Lab. I ricercatori del Crea e quelli del MIT lavoreranno insieme per coniugare le ricerche italiane con quelle statunitensi, sviluppate da MIT-Italy Program e MIT Senseable City Lab, sull’utilizzo di una tecnologia avanzata per il monitoraggio delle foreste.

Comments


Lascia un commento