Tuesday, April 16, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


New Conversation – Vicenza Jazz 2023. Dal 10 al 20 maggio uno dei principali festival nazionali, avrà per titolo “The Other Side, l’altra metà del jazz”

di Vittorio Pio per il Quotidiano l’Italiano VICENZA – Doveroso omaggio in rosa per la ventisettesima edizione di New Conversation-…


di Vittorio Pio per il Quotidiano l’Italiano

VICENZA – Doveroso omaggio in rosa per la ventisettesima edizione di New Conversation- Vicenza Jazz 2023. Dal 10 al 20 maggio uno dei principali festival nazionali, avrà per titolo “The Other Side, l’altra metà del jazz”, con una dedica sottintesa al mondo femminile nel jazz, con la presenza di artiste significative sia nazionali che internazionali, soprattutto delle ultime generazioni: le americane Nicole MitchellMyra Melford e Rachel Eckroth, la pianista greca Tania Giannouli, le francesi Anne Paceo e Joëlle Léandre, le sorelle Katia e Marielle Labèque, impegnate al piano in musiche di Debussy, Ravel, Schubert, Bernstein;molte italiane a iniziare da Zoe Pia e Monica Demuru in un affascinante incrocio letterario condiviso assieme a Cristiano Calcagnile, intorno alla figura di Pier Paolo Pasolini. Negli oltre cento concerti del programma artistico ideato da Riccardo Brazzale ci saranno, naturalmente, anche grandi presenze maschili: l’imprescindibile pianista Abdullah Ibrahim noto anche come Dollar Brand, fra i principali protagonisti del jazz sudafricano che alla soglia dei 90 anni è atteso da un palpitante piano solo, l’ineccepibile sassofonista Jan Garbarek, fra i capisaldi dell’estetica Ecm in quartetto con il percussionista Trilok Gurtu, il chitarrista Marc Ribot, e ancora Donny McCaslin, l’ultimo sassofonista al fianco di David Bowie, il portentoso batterista Hamid Drake alle prese con una accorato omaggio ad Alice Coltrane, il quartetto condiviso dal trombettista Fabrizio Bosso e Rosario Giuliani, il duo atipico fra Danilo Rea (piano) e Michel Godard (tuba), l’immaginifico chitarrista Marc Ribot ed altri ancora. Il Jazz Café Trivellato animerà la seconda serata festivaliera, confermandosi come punto di aggregazione di chi vive il jazz after hours. Il programma di questa sezione di Vicenza Jazz è ancora in via di definizione, ma per ora una novità è certa: i concerti si terranno nel Giardino del Teatro Astra (e in caso di maltempo all’interno del teatro stesso) e ci saranno concerti ogni sera, spesso con musiciste. Per tutte le altre info: www.vicenzajazz.org

Vittorio Pio

Jan-Garbarek
Abdullah Ibrahim

Comments


Lascia un commento