Wednesday, June 12, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Proteste pro Gaza in università Usa, il Wall Street Journal: “Attivisti esterni hanno addestrato studenti”

(Adnkronos) – La recente ondata di proteste filo-palestinesi nei campus universitari americani "è arrivata all’improvviso e ha scioccato la nazione….

By L'Italiano , in Ultima ora , at 5 Maggio 2024 Tag:

(Adnkronos) – La recente ondata di proteste filo-palestinesi nei campus universitari americani "è arrivata all’improvviso e ha scioccato la nazione. Ma le tattiche politiche alla base di alcune manifestazioni sono state il risultato di mesi di formazione, pianificazione e incoraggiamento da parte di attivisti di lunga data e gruppi di sinistra". A rivelare il retroscena sulle occupazioni anti Israele ormai diffuse in gran parte delle università Usa è il Wall Street Journal, che spiega come "attivisti esterni" al mondo studentesco avrebbero di fatto "addestrato" e preparato i giovani universitari a infiammare i campus della nazione. Una rete composta da attivisti esperti, esponenti di gruppi di sinistra e network radicali che avrebbero formato gli studenti in vista dei disordini e delle occupazioni attraverso seminari di pianificazione delle proteste, ma anche con indicazioni sugli slogan da utilizzare o consigli sui social su come affrontare sit in e manifestazioni, tra abiti comodi da indossare, acqua da portare, barrette energetiche da mangiare, foulard per coprire il volto e qualche indicazione sul da farsi in caso di arresto di un compagno di lotta. Mesi prima che i disordini scoppiassero nel campus, racconta il Wall Street Journal, i giovani leader delle proteste pro Gaza della Columbia University di New York avevano ad esempio consultato "esponenti del National Students for Justice in Palestine" (Nsjp) ed "ex esponenti delle Black Panthers", (prendendo "appunti dai più esperti e analizzato come l’università aveva risposto in passato ad altre proteste", aveva raccontato una delle portavoci dei manifestanti, Sueda Polat) mentre nel marzo scorso gli studenti, dopo aver "ospitato persone che avevano esaltato il massacro del 7 ottobre" per mano di Hamas, avevano organizzato un seminario online sul tema. Del resto "sei manifestanti su dieci" tra le centinaia arrestati nei campus, ricorda il Wall Street Journal, non sarebbero studenti. Tra i tanti finiti in manette, "anarchici quarantenni" ma anche "contestatori seriali" e "agitatori antisemiti". A quanto riporta ancora il quotidiano statunitense, sempre più presente via social nei mesi precedenti alle proteste, tra consigli tattici e slogan da lanciare, la Nsjp, organizzazione presente in tutta la nazione poi sospesa in alcuni college teatro degli scontri. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Comments


Lascia un commento