Wednesday, April 17, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Roma. Teatro Tor Bella Monaca: OH CAPITANO, MIO CAPITANO – AGOSTINO DI BARTOLOMEI

Decimo appuntamento con la rassegna UILT Lazio 2023. Martedì 13 giugno ore 21 omaggio ad Agostino Di Bartolomei, indimenticato capitano giallorosso e condottiero della Roma scudettata nella stagione 1982/1983. L’associazione culturale SQPM APS presenta “OH CAPITANO, MIO CAPITANO – AGOSTINO DI BARTOLOMEI”, scritto e diretto da Carlo Selmi. Il ricordo dell’uomo Agostino, più che dello sportivo e la ricerca delle cause che lo portano a quell’estremo epilogo nel maggio del 1994. Un anti-eroe lontano dai clamori della popolarità. Un uomo schivo, saggio, carismatico dentro e fuori dallo spogliatoio che a un certo punto della sua vita dovette fare i conti con le sue fragilità.


di Nicola Colao per il Quotidiano l’Italiano

ROMA – La storia di Agostino Di Bartolomei mi rimbalzava nella testa da tempo. Non sono un tifoso propriamente detto e non ho in simpatia il mondo del calcio, dopo le vicende giudiziarie del 1980. Eppure quella fine tragica, inconciliabile con un carattere apparentemente forte, capace di essere il riferimento carismatico per tutti i compagni di squadra, assecondato dalla idolatria assoluta del popolo giallorosso, mi lasciava dubbioso e perplesso. La voglia di saperne di più ha ben presto preso il sopravvento e mi sono abbandonato ad una ricerca minuziosa dei particolari in cronaca, alla ricerca delle motivazioni che hanno condotto una solida roccia alla debolezza di uno scoramento portato alle estreme conclusioni. Si fecero tante illazioni e si cercò una spiegazione prima in un dissesto finanziario, poi nell’intervento di criminalità organizzata, e infine nel buio oscuro della depressione, per quella sospetta coincidenza della morte con il decimo anniversario della famosa sconfitta della Roma contro il Liverpool nella finale di Coppa Campioni del 1984; tutte ipotesi non dimostrate, né dimostrabili. Il pericolo di questo lavoro era quello di farne un racconto per addetti di calcio, mentre a me interessava studiare l’uomo nella sua dimensione familiare, dove l’ambito sportivo avesse una valenza minima. A questo scopo feci la prima lettura del testo alla presenza di sole donne, ritenendo che fossero a digiuno di sport e che comunque non conoscessero Di Bartolomei, proprio per saggiare la “digeribilità” del racconto che sospettavo potesse non suscitare la loro curiosità. Dubbi legittimi, visto che tutti i miei contatti si dichiaravano entusiasti di vedere una commedia sul Capitano, per sentirne le lodi calcistiche. Il responso di quella piccola platea e degli attori, mi ha confortato fugando ogni ombra e così questa nuova pièce arriva in sala alla mercé di quelli che mi onoreranno della loro presenza, sperando di stuzzicarne la curiosità. Il finale di questa storia è diverso, perché diversa è la visione che tutti, ma proprio tutti, avrebbero voluto vedere.

Sono particolarmente orgoglioso di avere in scena con me per la prima volta, Carmelo Savignano nel ruolo del presidente della Salernitana e di aver definitivamente corretto un dissapore originario. Si tratta di un bravissimo attore ed un valentissimo regista, che con entusiasmo si è messo alla prova in un genere da lui distante, senza mai manifestare perplessità e di questo lo ringrazio. Il resto del cast è patrimonio consolidato di S.P.Q.M.: Arianna Santella, una trascinante Marisa, che rientra, fortemente attesa, in palcoscenico dopo essere stata rapita da due meravigliose bimbe; Fabio Iadeluca un tormentato Agostino, anch’esso rubato alla prossima paternità, capace di sacrificare la sua folta barba e rivelandosi anche indispensabile per i supporti audio-video; infine Massimo Cecchini, nel ruolo di Camillo Anastasi, il tutor di Agostino, la mia solida certezza sul palcoscenico, da 36 anni, perché semplicemente non è pensabile andare in scena senza. Carlo

Note di regia

La vicenda umana del capitano della Roma dello scudetto 1983, Agostino Di Bartolomei, descritta negli ultimi anni della sua esistenza. Un racconto non dell’ambito sportivo, ormai arcinoto, quanto della descrizione dei rapporti familiari e delle cause che lo hanno condotto ad una fine talmente immeritata da essere stravolta in questa drammaturgia, fino a modificare il gesto estremo, come voglia di cancellare un epilogo di cui nessuno si è fatto capace e continua a non farsene una ragione dopo trent’anni.

Teatro Tor Bella Monaca

Sala piccola

–       Rassegna UILT Lazio 2023 – 

–        

SQPM APS

Presenta

OH CAPITANO, MIO CAPITANO – AGOSTINO DI BARTOLOMEI

 (genere: drammatico)

testo e regia di Carlo Selmi

con Carmelo Savignano, Arianna Santella, Fabio Iadeluca, Massimo Cecchini

costumi Maria Teresa Rieti

audio Armando Di Lenola

luci Fabio Di Lenola

Testatina rossa

Comments


Lascia un commento