Friday, December 9, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


Stile ed eleganza a San Valentino con i vini Volé Mosso Bianco e Volé Mosso Rosé di Feudo Maccari

Il vino perfetto per festeggiare la festa degli innamorati? Feudo Maccari, cantina siciliana della famiglia Moretti Cuseri propone un bianco di uve Grillo e un rosato di uve Nero D’Avola prodotti nelle terre di Noto, in Sicilia. Seduzione e raffinatezza dall’aperitivo al dolce, per un semplice brindisi o per uno speciale regalo che racconta di piacevole freschezza e aromi floreali e fruttati.

By L'Italiano , in Economia Rubriche , at 24/01/2022 Tag:

dalla Redazione Enogastronomica del Quotidiano l’Italiano

Noto (SR) – “Il vino aggiunge un sorriso all’amicizia e una scintilla all’amore” scriveva Edmondo De Amicis. Che sia da abbinare a una cena, per uno speciale brindisi o ancora per un regalo sinonimo di raffinatezza, il vino non può di certo mancare in occasione della festa più romantica dell’anno. Dalle terre di Noto, nella Sicilia Orientale, zona d’elezione per la coltivazione di Grillo e Nero D’Avola, giungono due vini che per eleganza e stile si prestano a festeggiare uno speciale San Valentino: sono il Volé Mosso Bianco e il Volé Mosso Rosé di Feudo Maccari, cantina dell’imprenditore toscano Antonio Moretti Cuseri, che ha portato nel mondo del vino una passione e una continua ricerca dell’alta qualità in alcune delle zone vinicole più vocate del Bel Paese.

Volé Mosso Bianco – floreale, brioso e fresco
Un IGP Terre Siciliane Bianco, raffinata espressione delle uve Grillo, vitigno a bacca bianca particolarmente diffuso in Sicilia e coltivato ad alberello su terreni esposti a sud nella Val di Noto a un’altitudine di circa 80 metri sul livello del mare. Lasciato lentamente fermentare a bassa temperatura e imbottigliato con un leggero residuo di anidride carbonica naturale e affinato in bottiglia per 3 mesi, il Volé Mosso Bianco è un vino leggermente frizzante, piacevole a tutto pasto. Di colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, presenta un perlage fine e persistente e al naso esprime aromi floreali che ricordano la rosa bianca e i fiori d’arancio. Un vino vivace e fresco, in bocca morbido e ben bilanciato, dal gusto fruttato e piacevole. Una bollicina sinonimo di delicatezza e raffinatezzaideale per l’aperitivo, ma adatta anche all’abbinamento cona antipasti e piatti di pesce.

Volé Mosso Rosé – fruttato, vivace e morbido
Un IGP Terre Siciliane Rosé prodotto da un’attenta selezione di uve Nero D’Avola, vitigno coltivato unicamente ad alberello, tra i suoli bianchi calcarei della Val di Noto, zona caratterizzata da ampie escursioni termiche, estati calde e ventilate unite a condizioni idriche stressanti che ne conferiscono caratteristiche particolari. Fermentato lentamente a bassa temperatura e imbottigliato con un leggero residuo di anidride carbonica naturale che lo rende piacevolmente frizzante, il Volé Mosso Rosé di Feudo Maccari è un rosato vivace e fruttatoelegante e divertente. Perfetto per un aperitivo romantico, ma adatto a tutto pasto e in particolare abbinato al pesce azzurro, si presenta di colore rosa tenue dai riflessi brillanti, con un perlage fine e persistente. Al naso è fragrante, con sentori di fiori rossi freschi e rosa, e aromi fruttati di lampone, fragola piccoli frutti rossi, in bocca è ampio e morbido, piacevolmente fresco ed equilibrato.

Nel cuore del Mediterraneo, la cantina Feudo Maccari nasce nel 2000, da un colpo di fulmine tra Antonio Moretti Cuseri e la Val di Noto, terra d’elezione del Nero D’Avola, dove l’imprenditore toscano coltiva oggi oltre 60 ettari di vigneti immersi in una natura che si esprime rigogliosa dai terreni fertili di terra calcarea, tra arance, limoni e olivi. Il centro di questa realtà vinicola siciliana è Maccari, che ospita il 70% degli appezzamenti del Feudo, tra vigneti storici e tradizioni radicate nel territorio che la famiglia Moretti Cuseri sa esprimere al meglio con ricerca, alte competenze, passione e attenzione ai dettagli in ogni vino prodotto a partire da questo fertile angolo di Sicilia Orientale.

Comments


Lascia un commento