Tuesday, April 23, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


A maggio il TBM presenta una mostra d’arte allestita nell’accogliente foyer, diversificando la consueta programmazione tra l’esposizione e le rappresentazioni teatrali dedicate agli adulti e ai bambini. Ecco la settimana più ricca a livello artistico

Sabato 6 maggio sarà inaugurata la mostra di pittura nel Foyer del TBM – “L’arte tra pittura e stili diversi” in programmadal 2 al 31 maggio. Le artiste Roberta Pianu e Tatiana Balchesini con le loro opere affrontano temi quali la vastità, la selvaticità degli spazi grandi, delle cascate, ma anche l’abbraccio rassicurante della vecchia Roma sparita di un secolo fa, negli acquerelli di Ettore Roesler Franz. Nasce da qui, sia nella stessa artista, Roberta Pianu, sia nell’altra pittrice Tatiana Balchesini, con diverse espressioni pittoriche, che accomunano e risvegliano in noi le sensazioni più intime dell’anima, il tema della mostra “Stili diversi”. L’esposizione nasce con l’urgenza e la speranza di lasciare in ognuno il desiderio di continuare ad ammirare l’arte in ogni sua forma e colore.


di Gianfranco Simmaco per il Quotidiano l’Italiano

ROMA – Il mese entrante offre al pubblico affezionato del TBM una mostra d’arte allestita nell’accogliente foyer, offrendo una diversificazione all’interno della consueta programmazione. Dal 2 al 7 maggio tra l’esposizione e le rappresentazioni teatrali dedicate agli adulti e ai bambini la settimana sarà più ricca a livello artistico

Sabato 6 maggio sarà inaugurata la mostra di pittura nel Foyer del TBM  “L’arte tra pittura e stili diversi” in programmadal 2 al 31 maggio. Le artiste Roberta Pianu e Tatiana Balchesini con le loro opere affrontano temi quali la vastità, la selvaticità degli spazi grandi, delle cascate, ma anche l’abbraccio rassicurante della vecchia Roma sparita di un secolo fa, negli acquerelli di Ettore Roesler Franz. Nasce da qui, sia nella stessa artista, Roberta Pianu, sia nell’altra pittrice Tatiana Balchesini, con diverse espressioni pittoriche, che accomunano e risvegliano in noi le sensazioni più intime dell’anima, il tema della mostra “Stili diversi”. L’esposizione nasce con l’urgenza e la speranza di lasciare in ognuno il desiderio di continuare ad ammirare l’arte in ogni sua forma e colore.

L’esposizione resterà visibile dal lunedì alla domenica dalle 10.30 alle 19.30

Da giovedì 4 a sabato 6 maggio segue “Ettore e Achille” – Il duello malinconico del viver breve, produzione Associazione Culturale Il Salto. L’adattamento dall’Iliade è di Esper Russo che cura anche la regia e guida Archita Giuseppe Russo e Leonardo Silla. Ettore e Achille. Il duello malinconico del viver breve, non è uno spettacolo, si muove sul crinale tra l’epico e il poetico, tra il poema e il lirico, tra il classico e il romantico esistenzialista. Là dove finisce Omero comincia Holderlin, Leopardi, Nietzsche; dalla voce naturale alla voce microfonata del “non io”. La solitudine dei due eroi di fronte al loro comune destino di breve vita, è esaltata dalle loro figure in solitario ed è un crescendo d’intensità fino al loro furente duello. Un duello malinconico per la loro gioventù spezzata, uno scontro verbale in cui Ettore e Achille violentemente vogliono distinguersi l’uno dall’altro e in tal modo emergono le loro profonde differenze. Luci Tiziana Biscontini; Coreografie Matilda Russo.

“Fauno”, produzione Baracca Vicidominiè in programma solo nella serata di venerdì 5 maggioNicola Vicidomini, il più grande comico morente, scrive e interpreta insieme a Miriam Vicidomini, Fauno. Lo spettacolo, che ha registrato continui sold out al teatro Vascello di Roma, è assimilabile a una possessione visionaria, autentico attentato all’uomo e al retaggio strutturale della sua narrazione, oscena apparizione di un Satiro con gambe caprine e zoccoli, puro sberleffo del senso teoretico. “La comicità non è un riflesso del sociale, è manifestazione indecente, dionisiaca e amorale che sconquassa l’ordine proiettato dall’uomo sulle cose, (…) un cortocircuito tra quel caos meraviglioso che è la natura e il senso che la razza umana gli ha arbitrariamente proiettato”. Musiche Piero Umiliani; Maschere e installazioni DEM.

Sabato 6 e domenica 7 maggio sul palco del TBM andrà in scena “Viva la guerra”Readarto Centro Teatrale Artigiano produzioni. Scritto e diretto da Andrea Bizzarri, la rappresentazione vede in scena Alida SacoorRoberto BagagliGuido GoitreAndrea Bizzarri e Matteo Montapert, i quali racconteranno il dramma della resistenza. 1944. Quattro giovani salgono sulle montagne laziali per iniziare la loro resistenza. Dall’alto di una vecchia stalla in cui sono rifugiati, attendono l’arrivo di un treno tedesco carico di armi e munizioni che, raggiunta Roma, rifornirà gli occupanti, già da mesi impegnati in un’aspra guerriglia contro gli attivisti partigiani. Il loro compito è far saltare quel treno, prima che raggiunga la Capitale. Il gruppo è unito, punta dritto alla meta, ma è giovane. E allora può succedere che la convinzione traballi, che qualcuno confonda gli ideali politici e pensi che forse si stava meglio quando si stava peggio. Oppure, che ci si ritrovi ammaliati dall’inaspettata presenza di una donna, bella, attraente e misteriosa che, di colpo, cambia tutte le carte in tavola; ricordandoci, alla fine, di essere pur sempre uomini. Un’opera sulla leggerezza, scritta ed allestita con freschezza ed energia, per rivivere l’ultima guerra da un’ottica inedita, quella goliardica e disimpegnata della giovinezza. Costumi Lucia Mirabile; Scene Sandro Ippolito.

“Il Re senza corona” Viaggio musicale tra fiabe e filastrocche di Gianni Rodari chiude la settimana al TBM. Domenica 7 maggio lo spettacolo prodotto da Seven Cults, coinvolgerà i bambini dai 6 anni in su. Roberto Zorzut si occupa della regia e guida Alessandra CavallariElena Stabile e Claudia Fontanari che sul palco animeranno le storie. Piccolo musical tra fantasia e realtà immaginata o immaginifica, paradossi, eventi imprevisti, personaggi anticonformisti e paesaggi fantastici. Un omaggio, all’attenta e puntuale capacità d’osservazione e profondità di riflessione di Rodari della realtà contemporanea all’insegna dell’ironia, dell’eleganza, del gusto della rima. Musicisti Roberto Disma; Movimenti coreografici Michèle Sigillo; Scene Roberta Gentili; Luci Roberto Zorzut; Costumi Valentina Cardinali.

Nelle prime due immagini foto di scena di “Viva la Guerra”
l
Nella seconda coppia di immagini “Fauno”
Nella terza coppia di foto: “Ettore e Achilelle ne IL SALTO”

Comments


Lascia un commento