Wednesday, April 17, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Previsto l’arrivo del “tapiro” nella “città fiorita” e dalle strade molto dissestate e impraticabili a Catanzaro nel centro storico antico

Il disinteresse dei politici per la città antica è reale quanto palpabile. Di Catanzaro e del suo cuore pulsante non importa a nessuno. La cittadinanza permane, purtroppo, in un silenzio che prelude al diritto di vedere interventi rapidi senza esclusioni di maggioranza e opposizione, tutti coinvolti, dunque, persino i residenti. Il capoluogo di Regione si distrae attraverso note stampa riferite a ciò che e’ mio e ciò che è tuo, come in un match assoluto che premia i vincitori del nulla, intanto il degrado innalza scarso senso civico, ma la pretesa di accaparrarsi ogni primato regionale illude ancora i vari campanilismi.


di John Nisticò dalla Redazione Catanzarese del Quotidiano l’Italiano

CATANZARO – Tra le sculture piu’ evidenti negli angoli del centro, questa e’ la tipologia più cruenta che si impone a noi quale abbandono di un realismo medievale.

Lo scatto risale ad un mese fa circa, ad oggi e’ avvenuta solo la raccolta del materiale “scollatosi” per l’ incuria e la trascuratezza attuale che ci offre a nudo buche “profonde”.

Questa Epifania tutte le feste se porta via, ma i problemi celati dagli effetti speciali solo su Corso Mazzini, permangono sui tre colli nei secoli dei secoli, come a voler legittimare tale stato delle cose.

La cittadinanza permane, purtroppo, in un silenzio che prelude al diritto di vedere interventi rapidi senza esclusioni di maggioranza e opposizione, tutti coinvolti, dunque, persino i residenti. Il capoluogo di Regione si distrae attraverso note stampa riferite a ciò che e’ mio e ciò che è tuo, come in un match assoluto che premia i vincitori del nulla, intanto il degrado innalza scarso senso civico, ma la pretesa di accaparrarsi ogni primato regionale illude ancora i vari campanilismi.

l’immagine di una strada urbana del centro storico lasciata nelle condizioni in cui è stata scattata la foto

Il clima sociale diffuso per tutti i quartieri risulta deprimente, i condottieri assegnati alle poltrone si concorrono a linotipisti, mentre il destino dei catanzaresi intorno al “centro” si rimette al solito giro di boa. Se la burocrazia e il sopralluogo fossero all’ altezza dei seri problemi più volte documentati, non dovremmo ulteriormente affaticarci per smuovere i responsabili esposti per quanto “eletti”.

Il governo di una città “isolata” e ultima come la nostra non e’ affatto cosa facile, tenendo, però, in considerazione massima l’impossibilità che essere sia lo stesso che apparire.

Un esempio tipico – ma potremmo documentarne tantissimi altri della “città fiorita”
L’assegnazione del Tapiro d’Oro agli attapirati consiglieri che non riescono ad eleggere il Presidente del Consiglio è nella dirittura di arrivo
le foto sono eloquenti e testimoniano la veridicità dello stato in cui versano queste arterie della città antica proprio nel cuore che dovrebbe essere preservato e sostenuto come fonte di attrazione non solo per i cittadini, ma anche per i turisti
John Nisticò dopo il primo turno elettorale ha compreso la differenza tra le persone che amano realmente Catanzaro occupandosi dei reali problemi urbani e ha preso le distanze da chi invece intende solo gestire il potere senza però impiegarlo per la soluzione delle tante distonie

Comments


Lascia un commento