Monday, April 15, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Vacanze in convento, ma di lusso 

Un tempo monasteri, conventi e torri antiche, oggi strutture di ospitalità ricercata. Per vacanze che rigenerano corpo e spirito.


di Nicola Colaodalla Redazione Turistica ed Enogastronomica del Quotidiano l’Italiano

CAMPELLO (PG) – Oggi sono luoghi di ospitalità ricercata, ma un tempo sono stati conventi e monasteri dedicati al culto. Sono immersi nella tranquillità di boschi, campagne, colline, dove la pace e il contatto con la natura regnano sovrani. E regalano la meraviglia di soggiornare nella storia. Il fascino antico e spirituale di luoghi che si evolvono in una nuova concezione dell’accoglienza, con i servizi di hotel di lusso. Ecco dove trovarli.

La stanza dell’affresco nell’antico convento trasformato in relais in Umbria

Il Relais Borgo Campello (PG), nella quiete e tra i paesaggi della verde Umbria e della valle di Spoleto, custodisce in quello che in passato era il Convento dei Santi Giovanni e Pietro, la preziosa Stanza dell’Affresco, dove soggiornare nella bellezza, ammirando l’affresco datato 1342 e attribuito al Maestro di Fossa della scuola della Basilica superiore di Assisi. Il Relais è uno splendido luogo di ospitalità diffusa e nel complesso del Convento vanta opere pittoriche importanti legate al periodo medievale e rinascimentale. Nelle celle abitate dai monaci oggi ci sono camere raffinate, altre si trovano nel Castello. Per rilassarsi c’è una Private Spa ricavata tra antiche mura, per deliziarsi il ristorante Sapori nel Borgo, e intorno distese di uliveti candidati a diventare Patrimonio UNESCO con tutta la fascia che va da Assisi a Spoleto. www.borgocampello.com

La suite ricavata nella cappella di culto nell’ex monastero della Sicilia

Un antico monastero benedettino nel cuore della campagna siracusana a pochi km dal mare è stato trasformato in una villa raffinata con tre edifici che rivelano bellissime camere e suite tra giardini e vista sul campo da golf. La perla di Borgo di Luce I Monasteri dei Mira Hotels & Resorts è la suite ricavata da una cappella di culto, una delle sorprendenti dimore di questa domus extraurbana dalla classicità antica dove in passato i Benedettini si dedicavano all’agricoltura e alla preghiera. Sono 102 le camere e suite elegantemente arredate, circondate da 200 ettari di parco e da limoneti, carrubi, natura mediterranea a 20 km dal mare, nella terra del Barocco siciliano.https://www.imonasterigolfresort.com/ 

La suite della torre che fu tribunale e prigione vista Dolomiti

Cinque antiche torri costituiscono il Romantik Hotel Turm di Fiè allo Sciliar (BZ), 5 stelle incastonato nel paesaggio incantato delle Dolomiti. La torre principale, sottoposta a tutela dei beni culturali e risalente al XIII secolo, nel corso della storia è stata prima torrione, poi tribunale e prigione ed infine ristorante. Il gioiello di questa originale struttura, in cui la storia si fonde con l’arte e con il design, è la Suite della Torre con vista a 360° sul panorama dolomitico. Un soggiorno suggestivo ed intimo è quello vissuto dagli ospiti in questa speciale camera disposta su due piani: al primo c’è il grande soggiorno con la stufa, il pavimento in legno di larice e il bagno con vasca, in alto la camera matrimoniale con il letto posizionato sul soppalco che si affaccia sul soggiorno.www.romantikhotels.com

Conventi e monasteri trasformati in hotel, in Emilia

In Emilia, terra di castelli che spuntano tra i paesaggi appenninici, di città d’arte e di antichi conventi, sono diverse le strutture religiose riconvertite in particolari luoghi di ospitalità tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, da scoprire con Visit Emilia, la Terra dello Slow Mix. L’antico monastero di Fontevivo (PR) è stato trasformato nell’albergo Relais Fontevivo – Fontevivo Relais | Visit Emilia – annesso alla celebre abbazia cistercense, un magnifico monumento di arte medievale. L’impianto architettonico di base è stato conservato e le camere sono state ricavate dalle vecchie celle. Qui si possono assaporare anche i piatti emiliani del Ristorante 12 Monaci, situato nell’antica Sala del Refettorio, che può ospitare fino a 200 coperti in un contesto unico. C’è anche un bellissimo chiostro. In Valtaro, il Seminario di Bedonia – Polo Museale Seminario Vescovile di Bedonia | Visit Emilia – inaugurato nel 1846, tutt’oggi centro di spiritualità, ma anche di cultura ed eventi, propone l’esperienza di dormire nelle stanze un tempo utilizzate dai seminaristi, un’oasi di pace immersa nella natura di un parco in cui si innalzano sequoie, cedri, pini neri e silvestri, abeti bianchi e rossi, ippocastani e tigli. Ospita al suo interno diversi musei e un planetario. www.visitemilia.com

I

Comments


Lascia un commento