Wednesday, June 19, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


FP CGIL Polizia Penitenziaria – Carcere di Pavia e Carcere di Nuoro. Un detenuto si scaglia contro poliziotto con un punteruolo alla gola e poi gli lancia una sedia in testa dopo essere stato allontanato da altri detenuti – Detenuto senegalese non vuole rientrare in cella e sferra un violento pugno al torace dell’Agente di Polizia Penitenziaria

Mirko Manna, Nazionale FP CGIL Polizia Penitenziaria: “I gesti di violenza nelle carceri Italiane si susseguono incessantemente. E’ ovvio che i regolamenti previsti, non reggono alla situazione di fatto che si è venuta a creare. Per questi fatti di Vigevano di ieri, ma vale anche per tutti gli altri che avvengono quotidianamente, è urgente che si trovino nuove strategie e nuove procedure. Esistono da tempo, collaudati strumenti tecnologici. In questi casi è urgente dare esecuzione ai trasferimenti. I consigli di disciplina, che pure devono essere tempestivi, si potranno svolgere anche in videoconferenza. Sarà una delle proposte che sottoporremo al Governo nei prossimi incontri”.


di Gianfranco Simmaco per il Quotidiano l’Italiano

PAVIA – “Detenuto minaccia con un punteruolo alla gola un Poliziotto Penitenziario. Ennesima aggressione di un detenuto nei confronti della Polizia Penitenziaria nel carcere di Pavia. Stavolta un detenuto extracomunitario, rifiutandosi di rientrare in cella, si è scagliato contro il Poliziotto penitenziario in servizio nella Sezione bloccandolo con un braccio mentre con l’altra mano lo minacciava con un punteruolo puntato alla gola del Poliziotto”.

Lo rende noto Calogero Lo Presti della FP CGIL Polizia Penitenziaria Regione Lombardia: “Il detenuto è stato allontanato dal Poliziotto dagli altri detenuti che sono intervenuti, ma l’aggressore è comunque riuscito a prendere una sedia e a lanciarla sulle testa del Poliziotto che è stato accompagnato in ospedale per le cure e pare gli verranno messi dei punti su un taglio alla nuca”.

Daniele Pirri Funzionario FP CGIL Pavia: “Il carcere di Pavia è in forte carenza di lavoratrici e lavoratori della Polizia Penitenziaria, ci sono in totale in servizio 221 Poliziotti su 285 previsti, ma nel turno serale spesso ci sono meno di 10 Agenti a gestire quasi 650 detenuti (con un sovraffollamento reale vicino al 130%)  di cui quasi il 60% è composto da detenuti di nazionalità straniera.”

Mirko Manna della FP CGIL Nazionale: “Il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria pensa di nascondere le aggressioni quotidiane contro gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria pensando forse che la situazione migliorerà magicamente. Ma la situazione sta peggiorando, nel disinteresse totale del Governo e della dirigenza penitenziaria. Davvero non ci sono parole per descrivere una tale inerzia”.

La FP CIGL Polizia Penitenziaria – conclude Manna – esprime la propria vicinanza e i più sinceri auguri di pronta guarigione all’agente vittima dell’aggressione. Riteniamo fondamentale sostenere e proteggere gli operatori di Polizia Penitenziaria che svolgono un ruolo essenziale nella sicurezza e nella gestione dei detenuti”.

FP CGIL Polizia Penitenziaria – Carcere di Nuoro, detenuto senegalese non vuole rientrare in cella e sferra un violento pugno al torace dell’Agente di Polizia Penitenziaria.

NUORO – “Questa mattina nel carcere di Nuoro, in detenuto senegalese ha colpito con un violento pugno al petto un Agente di Polizia Penitenziaria e gli ha causato difficoltà a respirare tanto che ha avuto un breve mancamento”. 

Lo comunica Sandro Atzeni Coordinatore Regionale Sardegna che aggiunge: “L’agente è stato prontamente trasferito all’infermeria del carcere dagli altri colleghi intervenuti immediatamente, dove gli sono state fornite le cure di primo soccorso necessarie. Successivamente, è stato inviato al pronto soccorso di Nuoro, dove attualmente è in attesa di una lastra pettorale per valutare eventuali lesioni interne”.

Giacomo Mascia della FP CGIL Polizia Penitenziaria Regione Sardegna: “Il detenuto, ubicato presso la terza sezione Comuni, durante il rientro dal cortile dopo le attività all’aria aperta, ha manifestato resistenza nel rientrare nella propria camera detentiva, desiderando prolungare la conversazione con gli altri detenuti di fronte alle celle. Nonostante i ripetuti richiami da parte del collega, il detenuto ha continuato a resistere sferrando il pugno al torace del poliziotto”.

Aggiunge Mirko Manna della FP CGIL Nazionale; “Va sottolineato che il Carcere di Nuoro sta attualmente affrontando una carenza di personale non indifferente: mancano sessanta Poliziotti rispetto ai 205 previsti, con carenze soprattutto tra il ruolo degli Ispettori e dei Sovrintendenti come abbiamo potuto verificare la scorsa settimana quando, come FP CGIL, abbiamo effettuato le visite nelle carceri della Sardegna. Considerando l’arrivo dell’estate e le previsioni di un periodo particolarmente impegnativo, si richiede l’immediato invio di almeno 20 unità di personale al fine di consentire un adeguato piano ferie estivo per le donne e gli uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria”.

La FP CIGL Polizia Penitenziaria – conclude Manna – desidera esprimere la propria vicinanza e i più sinceri auguri di pronta guarigione all’agente vittima dell’aggressione. Riteniamo fondamentale sostenere e proteggere gli operatori di Polizia Penitenziaria che svolgono un ruolo essenziale nella sicurezza e nella gestione dei detenuti”.


Polizia Peniteniaria, un plotone di addetti in parata
Polizia Penitenziaria Sindacato Logo

Comments


Lascia un commento