Sunday, March 3, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Gianni Morandi a Le Castella: Lo show canoro ha appassionato e divertito i presenti grazie alle canzoni ma anche al dialogo col pubblico

Del resto Gianni è uno che non si tira indietro: per il ferragosto ha soggiornato in un noto resort del circondario, quindi partecipato a un falò in suo onore, fatto il bagno di notte, concesso foto e autografi a volontà, postato dei video che rappresentano una potente cartolina turistica di quella bellezza che la Calabria avrebbe da offrire in abbondanza.


di Vittorio Pio per la Redazione Spettacoli del Quotidiano l’Italiano

LE CASTELLA (KR) – Quella di ieri sera a Le Castella ancora più che essere l’unica tappa calabrese (perfetta l’organizzazione di GF Entertainment ed EsseConcerti con il contributo del Comune di Isola Capo Rizzuto), di questo nuovo tour di Gianni Morandi è stata l’apologia di un artista unico, un fuoriclasse di semplicità ed umanità che fa legittimamente categoria a sé, al punto che le sue canzoni e quella inscalfibile immagine di eterno ragazzo, fanno parte della cultura nazionale e della vita di quasi tutti. Un carriera di oltre sessant’anni, passata fra mille trionfi e qualche inevitabile down, tutti all’insegna di quella vitalità ed energia che ieri sera ha mostrato ancora una volta sul palco di fronte al molo crotonese, per un pubblico entusiasta ed emotivamente molto partecipe.

Del resto Gianni è uno che non si tira indietro: per il ferragosto ha soggiornato in un noto resort del circondario, quindi partecipato a un falò in suo onore, fatto il bagno di notte, concesso foto e autografi a volontà, postato dei video che rappresentano una potente cartolina turistica di quella bellezza che la Calabria avrebbe da offrire in abbondanza. Il concerto prende quasi subito le sembianze di una festa colorata e gioiosa: la sempre attualissima Se perdo anche te è solo il terzo pezzo in scaletta, e con Occhi di Ragazza la n.5, la platea ha un sussulto e si lascia andare definitivamente. Certo il pubblico è costituito per la maggior parte da quei fan che sono cresciuti con lui e adesso hanno gli occhi lucidi, ma Gianni saluta anche quei ragazzi arrivati lì grazie ai racconti di nonne e bisnonne.

Gustosi gli aneddoti dal palco: Morandi racconta con dovizia di particolari il suo primo amore, l’epoca dei juke-box, i giri in motoretta, gli incontri poi rivelatisi fondamentali, il sapore di un tempo andato ed ormai irripetibile senza però appesantirlo.Una patina di nostalgia che viene spazzata via anche dalla freschezza degli arrangiamenti nei confronti di brani che, più che essere lontani nel tempo, sono dei classici intramontabili nella loro modernità. La scaletta è molto ben calibrata dal chitarrista e direttore musicale Luca Colombo, che ha impresso un sound che ammicca al soul e nell’ottimo gruppo dei musicisti pescati al di fuori dei soliti giri, spiccano la giovane trombettista Camilla Rolando ed il trittico di vocalist a supporto: Alessandra Kidra, Silvia Olari e Roberto Tiranti, evidenziano personalità vocali di valore assoluto che si amalgamano alla perfezione con il timbro inconfondibile di Gianni: forse la sagoma si muove con un pizzico di ragionevole difficoltà in più, ma la sua voce è prodigiosa per quanto praticamente intatta nell’affrontare i gioielli degli anni ’60, (Se puoi uscire una domenica sola con me, Andavo a cento all’ora, GoKart Twist, Bella Belinda), in scintillante medley, l’accorato omaggio a Lucio Dalla con una bella sequenza che mette vicini Vita, Futura e Caruso, per quello che fu uno dei tour più belli nella storia della canzone d’autore. In mezzo il trionfo di Sanremo con Tozzi e Raf, la finestra sul presente con Tommaso Paradiso per Una vita che ti sogno, e poi la persistente collaborazione cucita su misura da Lorenzo Cherubini in Jovanotti che ha portato benefici ad entrambi e non solo per il podio sanremese del 2022. Fatti mandare dalla mamma (“un brano che mi perseguiterà fino all’oltre-tomba scherza lui”), In ginocchio da te, Uno su mille, Scende la pioggia e la conclusiva, contagiosa Evviva, chiudono questa notte di grandi sogni e voglia di esserci ancora, con Gianni che saluta tutti e fissa un nuovo appuntamento per il futuro: ma che bellezza.

Vittorio Pio

Notte di grandi sogni e voglia di esserci ancora, con Gianni che saluta tutti e fissa un nuovo appuntamento per il futuro: ma che bellezza.

Comments


Lascia un commento