Sunday, May 19, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


In occasione dei 75 anni della Costituzione italiana, si terrà a presso Palazzo Farnese a Caprarola venerdì 2 giugno alle ore 9,30 il convegno: “Luigi Einaudi, la tutela del paesaggio e del patrimonio storico-artistico”.

Il convegno, ricco di interventi e articolato in due sessioni, è frutto della collaborazione tra il
Comitato Caprarola per Luigi Einaudi, la Direzione Regionale Musei Lazio, diretta da Stefano
Petrocchi, il Comune di Caprarola, rappresentato dal Sindaco Angelo Borgna, e la Fondazione
Luigi Einaudi di Torino, rappresentata dal Presidente Domenico Siniscalco.


di Nicola Colao per il Quotidiano l’Italiano

ROMA – Venerdì 2 giugno alle ore 9,30, in occasione dei 75 anni della Costituzione italiana, si terrà a
presso Palazzo Farnese a Caprarola il convegno: “Luigi Einaudi, la tutela del paesaggio e del
patrimonio storico-artistico”.
Il convegno, ricco di interventi e articolato in due sessioni, è frutto della collaborazione tra il
Comitato Caprarola per Luigi Einaudi, la Direzione Regionale Musei Lazio, diretta da Stefano
Petrocchi, il Comune di Caprarola, rappresentato dal Sindaco Angelo Borgna, e la Fondazione
Luigi Einaudi di Torino, rappresentata dal Presidente Domenico Siniscalco.
Le parole “tutela del paesaggio e del patrimonio storico artistico” (art.9 della Costituzione
italiana) – contenute nella parola-chiave ambiente, che abbraccia le dimensioni naturalistica,
urbanistica, di spazio, di territorio e salute, di sviluppo sostenibile, – guidano i vari interventi,
che con linguaggi diversi mettono in evidenza l’attualità della Costituzione e le
approfondiscono nel rapporto “speciale” che Luigi Einaudi ebbe con Caprarola.
Caprarola, scelta da Luigi Einaudi come residenza “estiva” per il settennio della Repubblica,
divenne, per la continua presenza del Presidente e Donna Ida nella Palazzina, ben presto
residenza “esterna” al Quirinale.
La continua presenza fu “strumentale” non solo per il recupero delle fontane e dei giardini
di Palazzo Farnese in stato di abbandono, per tutelare il paesaggio con un piano Regolatore
del maggior urbanista dell’epoca, Luigi Piccinato, ma anche per conoscere i bisogni, le
difficoltà del vivere quotidiano e per dare avvio a tutte quelle opere che permisero di
migliorare le condizioni di vita della popolazione.
Luigi Einaudi è ancora nella memoria dei cittadini come il Presidente che amava le colline di
castagni secolari, di vigneti e noccioleti e al quale piaceva studiare, passeggiare e …. fare
l’orto nel parco giardino di Palazzo Farnese.
La giornata proseguirà alle 15,30 con la visita di Palazzo Farnese, del Parco Giardino e della





 

Comments


Lascia un commento