Friday, April 19, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Rappresentanza di interessi: dopo la conferenza stampa della Premier Giorgia Meloni nasce la preoccupazione della FERPI 

“Auspichiamo che l’onda emotiva generata da una associazione non corretta tra l’attività legittima dei rappresentanti di interessi con altre categorie, innescata prima dal caso Anas e poi dalle parole della Premier, non condizionino i lavori in corso. Esiste infatti il rischio concreto che si utilizzi un approccio restrittivo, con la sola definizione di divieti e controlli sull’attività di lobby, neutralizzando il valore che l’attività di rappresentanza degli interessi può portare al miglioramento del processo democratico e nella sfida di modernizzazione del nostro Paese”.

By L'Italiano , in Cronaca Italiana Economia Rubriche , at 05/01/2024 Tag: , , ,

di Gianfranco Simmaco per il Quotidiano l’Italiano

ROMA –  Dispiaciuti e preoccupati”. Questa la prima reazione della FERPI – Federazione Relazioni Pubbliche Italianaalle parole utilizzate dalla Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa di fine anno, in cui mette sullo stesso piano affaristi e lobbisti che, “con questo Governo non passano un bel momento”.

“Lavoriamo da anni – aggiunge la FERPI – per contribuire a modificare una narrazione distorta della professione del lobbista, che viene associata spesso in modo errato all’attività di affaristi e corruttori”. “I lobbisti invece si muovono in trasparenza seguendo le regole, contribuiscono a portare all’attenzione delle istituzioni le istanze legittime dei tanti soggetti che rappresentano (aziende, organizzazioni del terzo settore, enti) e supportano con la loro conoscenza di dati e di scenario i decisori nella definizione delle politiche pubbliche. Sono parte integrante del processo democratico”.

Da qui anche l’impegno, che parte da lontano, della Federazione dei Relatori Pubblici per la definizione di una legge che ne disciplini e riconosca l’attività come avviene in tanti altri Paesi.

La dichiarazione della Premier, peraltro, cade in un momento molto particolare, mentre è in corso un’indagine conoscitiva in materia di attività di rappresentanza di interessi da parte della Commissione Affari Costituzionali della Camera, a cui FERPI contribuirà nell’elaborazione del documento conclusivo.

“Auspichiamo – conclude la FERPI – che l’onda emotiva generata da una associazione non corretta tra l’attività legittima dei rappresentanti di interessi con altre categorie, innescata prima dal caso Anas e poi dalle parole della Premier, non condizionino i lavori in corso. Esiste infatti il rischio concreto che si utilizzi un approccio restrittivo, con la sola definizione di divieti e controlli sull’attività di lobby, neutralizzando il valore che l’attività di rappresentanza degli interessi può portare al miglioramento del processo democratico e nella sfida di modernizzazione del nostro Paese”.

Ferpi
Ferpi
testatina

Comments


Lascia un commento