Tuesday, April 23, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Tesori d’Italia ha presentato “Verso Expo 2025 Japan” presso il Senato della Repubblica – Un progetto bilaterale tra Italia e Giappone in vista di Expo 2025 e oltre

Venerdì 31 marzo alle 11:00 nella sala Caduti di Nassirya del Senato della
Repubblica, Tesori d’Italia ha presentato alle istituzioni, ufficializzandolo, il progetto “Verso
Expo 2025 – Japan”, un programma che apre le porte ad una collaborazione basata sulla
cooperazione tra l’Italia e il Giappone per dare ampia visibilità e opportunità alle aziende
del settore food, wine, fashion, design, tecnologia, e non solo.


di Nicola Colao dalla Redazione Economica del Quotidiano l’Italiano

ROMA – Nella sala Caduti di Nassirya del Senato della Repubblica, Tesori d’Italia ha presentato alle istituzioni, ufficializzandolo, il progetto “Verso Expo 2025 – Japan”, un programma che apre le porte ad una collaborazione basata sulla cooperazione tra l’Italia e il Giappone per dare ampia visibilità e opportunità alle aziende del settore food, wine, fashion, design, tecnologia, e non solo.
Tesori d’Italia è un progetto ambizioso di promozione bilaterale per lo sviluppo degli scambi
culturali tra l’Italia e il Giappone spinto dalla voglia di valorizzare le eccellenze di entrambi i
Paesi per farli conoscere nel mondo attraverso sostegni e incentivi, eventi, marketing, azioni
mirate e attraverso il metaverso. Un modello collaudato nel corso degli anni col metodo del
“fare sistema” avendo a fianco le istituzioni, le imprese, le agenzie di comunicazione, la
stampa di tutto il mondo verso un’unica meta. Un insieme di azioni per dare massima
visibilità e sviluppo al nostro Paese.
Expo 2025 non sarà il punto di arrivo ma il punto di partenza per le aziende che vorranno
farsi conoscere in tutto il mondo avendo a fianco professionisti, istituzioni e una serie di
servizi volti a incrementare la loro visibilità.
Durante l’incontro in Senato si è parlato anche della prossima apertura a Tokyo di Galleria
Italia, con piena disponibilità dell’Ambasciata e di tutti gli Enti per il sostegno di Tesori d’Italia
che farà da sprone e da modello per nuovi progetti ambiziosi che rafforzino ulteriormente la
presenza italiana in Giappone e nel mondo.
Primo a collegarsi dal Giappone l’Ambasciatore d’Italia a Tokyo Gianluigi Benedetti che
ha affermato: “Sono molto lieto di prendere parte a questa iniziativa e ringrazio Riccardo
D’Urso con il suo brand di sistema ‘Tesori d’Italia’ per l’internazionalizzazione attraverso il
progetto ‘Verso Expo 2025 – Japan’ che promuove il Made in Italy con attività di sostegno e
incentivi offerti alle aziende italiane all’estero e soprattutto in Giappone. Il progetto favorisce
lo sviluppo di nuove opportunità di collaborazione e aiuta e rafforza l’azione dell’Ambasciata
e del sistema paese nell’ambito dei rapporti culturali ed economici dei due Paesi. Si rende quindi imperativo dare pieno sostegno da parte dell’Ambasciata Italiana e di tutti gli enti
preposti affinché le aziende abbiano la massima visibilità e traggano benefici da questo
progetto ambizioso
”.
Durante la seduta, Antonello Aurigemma Presidente del Consiglio Regione Lazio ha
dichiarato: “Questi appuntamenti sono molto importanti in fase preventiva. Il nostro Made in
Italy muove oltre 2.200 miliardi di dollari l’anno ma è un settore che non viene attentamente
sviluppato. Il settore vinicolo ad esempio, è un’eccellenza mondiale, in Italia abbiamo una
produzione del 50% sull’intera filiera mondiale, ma incassiamo solo la metà della nostra
produzione totale. Abbiamo il settore manifatturiero che è stato svenduto all’estero. Abbiamo
eccellenze in tutti i settori. Le istituzioni devono supportare adeguatamente le aziende per
metterle in grado di vendere le proprie capacità nel mondo. Dobbiamo approfittarne e
instaurare una commissione per promuovere le aziende italiane in occasione di Expo 2025”.
Ha poi proseguito Elena Sgarbi Commissario Generale per l’Italia a Expo Osaka 2025:
“L’importanza per il sistema paese non poggia solo sui sei mesi della durata dell’evento
Expo 2025, bisognerà garantire organicità, continuità. Il sistema paese deve essere
presentato nella maniera migliore e dare poi continuità al progetto. Ritengo sia molto utile
Expo 2025 per il nostro Paese. Expo 2025 sarà dal 13 aprile al 13 ottobre con un numero
previsto di 28 milioni di visite. La location è un’isola artificiale nella baia di Yumeshima, di
fronte a Osaka, in un incontro tra cielo, mare e terra. Il tema sarà: ‘Progettare società future
per le nostre vite’. Saranno 3 le aree tematiche che si svilupperanno, suddivise in 8 progetti
all’interno di Expo realizzati attraverso ONG, Istituzioni, Imprese, con un chiaro segnale sui
focus: saving life – dedicato alla lotta alle malattie infettive e all’allungamento delle
aspettative di vita; power life – rafforzamento della vita dal punto di vista dell’educazione e
del lavoro e attraverso l’utilizzo di intelligenza artificiale e robot; connecting life –
connessione delle vite attraverso la promozione del cross-culturale e dell’innovazione.
Grande risalto sarà dato anche alla neutralità carbonica, al digitale e alla mobilità con un
occhio di riguardo al metaverso, per permettere a chiunque di connettersi e partecipare
all’evento, anche non in presenza
”.

Nell’immagine fornita dall’Ufficio Stampa della Manifestazione un momento della conferenza stampa tenuta da Tesori-d-Italia presso la Sala Caduti di Nassyria al Senato della Repubblica. Nella foto si riconoscono -Marco Poletti-Riccardo D’Urso-Elena Sgarbi ©

Il collegamento è poi proseguito con Agostino Coppola, Presidente di ACIF
Associazione Cuochi Italiani in Francia, che ha affermato di voler collaborare per la
realizzazione di tantissimi eventi nella regione francese, per espandere la visibilità di Tesori
d’Italia e della cooperazione tra Italia e Giappone. Sempre dalla Francia, in collegamento via
skype, Chef Thonio Lupo Presidente di Terra e Sapori ha dichiarato: “Fare Made in Italy
all’estero è molto difficile. L’italianità in Francia la respiriamo tutti i giorni, a partire dal mattino
quando si beve il caffè. Insieme a Tesori d’Italia porteremo i produttori delle eccellenze
italiane in Francia con prodotti di un certo livello, puntando al vero Made in Italy. Sfida e
saper fare saranno le parole d’ordine
”.
È intervenuto dal Giappone anche Ando Fumihide Presidente di Balnibardi Group,
società quotata in Borsa, che ha dichiarato: “In Giappone abbiamo più di 100 ristoranti e
siamo licenziatari del marchio Pizzeria da Michele. È da molto tempo che studiamo con
Riccardo D’Urso il giusto modo di promuovere l’Italia in Giappone e non vediamo l’ora di
farlo in occasione di Expo 2025! Collaborando tutti insieme, verso un unico obiettivo,
raggiungeremo sicuramente il successo”
.

Tesori-d-Italia-Expo-2025-Senato © – Immagine fornita dall’Ufficio Stampa Collegato – Un momento della manifestazione svoltasi nell’Aula Caduti di Nassirya al Senato della Repubblica a Roma

Il Progetto Verso Expo 2025 – Japan di Tesori d’Italia prevede:

  • Tre edizioni speciali della rivista Tesori d’Italia 2024, 2025, 2026 dedicate a 44
    Gemellaggi con diverse città, province e regioni italiane e giapponesi per la
    promozione culturale e territoriale. La rivista sarà pubblicata in edizione italiana e
    giapponese;
  • Certificazioni Tesori d’Italia: la certificazione si baserà su Qualità, Promozione del
    territorio e Affidabilità di ogni azienda. Verranno certificate 50 strutture che
    diventeranno portabandiera sul territorio di origine;
  • Attività promozionali, culturali, gastronomiche, artigianali con un occhio di riguardo
    agli antichi mestieri.
    Altro appuntamento importante è JAPIT Design Fair 2024, la prima fiera del design
    italo-giapponese, in programma a maggio 2024. Ha preso quindi la parola l’Architetto
    Marco Poletti, illustrando come sia fondamentale fare sistema tra aziende di settore, per
    creare diverse opportunità con una cultura e un concetto di business, per aiutare tutta la
    filiera e il Made in Italy. L’architetto non è nuovo a questo tipo di iniziative, sua è infatti l’idea
    DNA Made in Italy, azienda orientata all’internazionalizzazione delle eccellenze del design.
    Negli anni, infatti, diventando partner dei suoi clienti, ha portato nel mondo il design italiano,
    riscuotendo grandi successi e soddisfazioni. DNA Made in Italy è partner del progetto Tesori
    d’Italia.
    Ha dichiarato infine Riccardo D’Urso Presidente di Tesori d’Italia: “È importante per
    Tesori d’Italia dare continuità ad un progetto dedicato alle eccellenze italiane da promuovere
    all’estero. Abbiamo avuto il consenso delle Istituzioni e il patrocinio di regioni, province e
    città italiane che credono in noi – non ultimo quello importantissimo della Italian Trade
    Agency – e ce la metteremo tutta per dimostrare ai giapponesi che anche noi siamo bravi a
    fare sistema. Affiancheremo le aziende italiane, dalle più piccole alle più grandi, portandole
    nel mondo con orgoglio, dando loro il supporto e la visibilità di cui hanno bisogno. Per noi è
    importante dare continuità al progetto, anche dopo Expo 2025
    ”.
    Tesori d’Italia in Giappone
    In Giappone, Tesori d’Italia vanta partnership di lunga data e può contare sull’Associazione
    Tesori of Japan, referente del Network nel Sol Levante. Nata grazie al supporto della
    JETRO (Japan External Trade Organization), l’Associazione ha sede a Nagoya e gode del
    sostegno delle più importanti istituzioni nazionali e di una business community
    italo-giapponese di grande rilevanza. Nell’ambito delle attività a sostegno del progetto Verso
    Expo 2025 – Japan è prevista l’apertura a Tokyo di Galleria Italia, prima showroom e sede
    di coordinamento di Tesori d’Italia sul mercato giapponese e nel continente asiatico.
  • Il progetto Verso Expo 2025 – Japan ha ottenuto i seguenti patrocini:
  • Istituzioni: Ambasciata d’Italia a Tokyo, ITA Italian Trade Agency.
  • Regioni: Liguria, Marche, Campania, Toscana, Piemonte, Umbria, Puglia, Emilia Romagna, Lazio.
  • Città: Roma, Torino, Verona, Mantova, Grosseto, Treviso, Pesaro, Faenza, Sorrento, Rieti, Marostica,
  • Pescia, Greve in Chianti, Barletta, Orvieto.
Il logo scelto dagli organizzatori per Expo2025 Japan

Comments


Lascia un commento