Tuesday, April 16, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Appuntamento sabato 1 luglio al Caffè del Viale di Rogeno (LC), in viale Piave 24, con ROGENO night VIBES, il concerto organizzato dall’agenzia Good Guys, che dopo i centri sportivi di Vedano al Lambro e Paderno Dugnano, esporta il suo format anche a Rogeno, ma in versione notturna. La serata rap, dalle 21:00 alle 24:00, vedrà ben quattro tra artisti e gruppi diversi succedersi sul palco antistante l’anfiteatro

A rompere il ghiaccio sarà Nava Erre, pseudonimo di Luca Avantario. Il giovane artista classe 2002 di Bollate (MI) si avvicina alla musica sin da bambino, ma è solo con l’inizio dell’adolescenza che capisce di aver qualcosa da dire. Inizia quindi a scrivere i primi testi. Nel 2020 si affida allo studio di registrazione Ripostiglio Records, con cui realizza vari singoli che spaziano dal genere rap all’urban, fino addirittura al pop italiano più classico.


di Gianfranco Simmaco per il Quotidiano l’Italiano

LECCO – Appuntamento sabato 1 luglio al Caffè del Viale di Rogeno (LC), in viale Piave 24, con ROGENO night VIBES, il concerto organizzato dall’agenzia Good Guys, che dopo i centri sportivi di Vedano al Lambro e Paderno Dugnano, esporta il suo format anche a Rogeno, ma in versione notturna. La serata rap, dalle 21:00 alle 24:00, vedrà ben quattro tra artisti e gruppi diversi succedersi sul palco antistante l’anfiteatro.

A rompere il ghiaccio sarà Nava Erre, pseudonimo di Luca Avantario. Il giovane artista classe 2002 di Bollate (MI) si avvicina alla musica sin da bambino, ma è solo con l’inizio dell’adolescenza che capisce di aver qualcosa da dire. Inizia quindi a scrivere i primi testi. Nel 2020 si affida allo studio di registrazione Ripostiglio Records, con cui realizza vari singoli che spaziano dal genere rap all’urban, fino addirittura al pop italiano più classico.

Il collettivo 36 rockers rappresenta la zona della provincia di Lecco, ragazzi connessi alla ss36, ispirazione dietro il nome del gruppo. Cercano con la musica di rappresentare e raccontare la provincia e i luoghi da cui vengono.

Quello Che Resta, gruppo nato nel 2020 a Milano, ha esordito con l’omonimo album nel dicembre 2022. I cinque membri, Alessandro (rapper, pianista), Sergio (rapper), Marco (chitarrista), Danny (bassista) e Giacomo (batterista, cori), hanno unito i diversi background in un progetto crossover in cui l’hip hop si mischia prevalentemente ad influenze metal e prog.

A chiudere la serata saranno i Geeno, una cover band pop indie rap, nati come “laboratorio di musica d’insieme” presso la Music Time Academy, ora Bluesound Studio. Nel 2018 si trasformano in una cover band grunge, ma dopo il periodo di pandemia decidono di stravolgere l’idea del sound e dello spettacolo da proporre. I Geeno derivano dall’unione di 6 + 1 elementi: Piz alla voce, Alessia alle tastiere e seconda voce, Nick alla batteria, Marco al basso, Daniele e Gabriele alle chitarre. Il più 1 è l’arrangiatore Peo Blues, che sebbene stia dietro le quinte rappresenta una colonna portante di tutto il progetto.

A rompere il ghiaccio sarà Nava Erre, pseudonimo di Luca Avantario. Il giovane artista classe 2002 di Bollate (MI) si avvicina alla musica sin da bambino, ma è solo con l’inizio dell’adolescenza che capisce di aver qualcosa da dire. Inizia quindi a scrivere i primi testi. Nel 2020 si affida allo studio di registrazione Ripostiglio Records, con cui realizza vari singoli che spaziano dal genere rap all’urban, fino addirittura al pop italiano più classico.

Il collettivo 36 rockers rappresenta la zona della provincia di Lecco, ragazzi connessi alla ss36, ispirazione dietro il nome del gruppo. Cercano con la musica di rappresentare e raccontare la provincia e i luoghi da cui vengono.

Quello Che Resta, gruppo nato nel 2020 a Milano, ha esordito con l’omonimo album nel dicembre 2022. I cinque membri, Alessandro (rapper, pianista), Sergio (rapper), Marco (chitarrista), Danny (bassista) e Giacomo (batterista, cori), hanno unito i diversi background in un progetto crossover in cui l’hip hop si mischia prevalentemente ad influenze metal e prog.

A chiudere la serata saranno i Geeno, una cover band pop indie rap, nati come “laboratorio di musica d’insieme” presso la Music Time Academy, ora Bluesound Studio. Nel 2018 si trasformano in una cover band grunge, ma dopo il periodo di pandemia decidono di stravolgere l’idea del sound e dello spettacolo da proporre. I Geeno derivano dall’unione di 6 + 1 elementi: Piz alla voce, Alessia alle tastiere e seconda voce, Nick alla batteria, Marco al basso, Daniele e Gabriele alle chitarre. Il più 1 è l’arrangiatore Peo Blues, che sebbene stia dietro le quinte rappresenta una colonna portante di tutto il progetto.


Comments


Lascia un commento