Thursday, May 30, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Celebrazione della Festa della Santa Sindone nella Basilica di Santa Croce in Gerusalemme a Roma con la partecipazione dei Cavalieri e Dame degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia

Promossa dal Centro Diocesano di Sindonologia Giulio Ricci in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi sulla Sindone e l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum il 4 maggio, nella Basilica di Santa Croce in Gerusalemme, è stata celebrata la Festa della Sindone.

L’incontro è iniziato con la conferenza:” La Sindone e la Real Casa di Savoia”, tenuta dal Comm. Prof. Antonio Cassanelli il quale, ci ha coinvolto in quella storia intensa e coinvolgente che ha legato le vicende della Sindone a quelle di Casa  Savoia lungo lo svolgersi di cinque secoli ricchi di cultura, d’arte e di fede, ma anche di guerre, aggressioni ed invasioni.


di Nicola Colao dalla Redazione Diplomatica del Quotidiano l’Italiano

ROMA – I Cavalieri e le Dame degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia hanno partecipato alla Celebrazione della Festa della Santa Sindone nella Basilica di Santa Croce in Gerusalemme a Roma il 4 maggio 2023.

Promossa dal Centro Diocesano di Sindonologia Giulio Ricci in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi sulla Sindone e l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum il 4 maggio, nella Basilica di Santa Croce in Gerusalemme, è stata celebrata la Festa della Sindone.

L’incontro è iniziato con la conferenza:” La Sindone e la Real Casa di Savoia”, tenuta dal Comm. Prof. Antonio Cassanelli il quale, ci ha coinvolto in quella storia intensa e coinvolgente che ha legato le vicende della Sindone a quelle di Casa  Savoia lungo lo svolgersi di cinque secoli ricchi di cultura, d’arte e di fede, ma anche di guerre, aggressioni ed invasioni.

Una storia che ha visto protagonista la millenaria Dinastia Sabauda impegnata con 13 Duchi di Savoia, 7 Re di Sardegna, 4 Re d’Italia a difendere e custodire la più importante reliquia della cristianità, incrementandone la conoscenza, la venerazione ed il culto.

Il S. Lenzuolo infatti rappresenterà, per 530 anni, il “palladio” della Dinastia Sabauda e dei suoi sudditi. Una certezza di protezione e di benedizioni celesti nella vita quotidiana e nelle avversità. Un riferimento nella fede.

A seguire, in Basilica, la solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Rev.ma Mons. Romano Rossi, Vescovo Emerito della Diocesi di Civita Castellana con grande partecipazione di fedeli, tra cui le rappresentanze dell’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon e dell’Arciconfraternita di Maria Ss. del Carmine in Trastevere.

Al termine,  i Cavalieri e le Dame, in abito da chiesa, hanno portato in processione all’altare una copia in lino della Sindone per ostenderla alla devozione dei fedeli.

Nelle immagini due momenti della Celebrazione
Alcuni istanti della celebrazione

A conclusione del sacro rito, dopo la recita della “Preghiera davanti alla Sindone”, il Comm. Avv. Alfonso Marini Dettina, Delegato per il Lazio, ha letto il gradito messaggio pervenuto da S.A.R. il Principe di Napoli Vittorio Emanuele, Gran Maestro degli Ordini Dinastici Sabaudi, espressione tangibile della Sua vicinanza.

MESSAGGIO DI
S.A.R. VITTORIO EMANUELE
DUCA DI SAVOIA
PRINCIPE DI NAPOLI
IN OCCASIONE DELLA FESTA LITURGICA DELLA SINDONE
GINEVRA – 4 MAGGIO 2023

Carissimi convenuti,
sono spiritualmente presente a quanti sono riuniti oggi a Roma nella Basilica di
Santa Croce in Gerusalemme, in occasione della Festa Liturgica della Sacra
Sindone.
È dal 1453 che la storia della Sindone è legata a quella della mia Casa, e la
donazione alla Chiesa della più importante reliquia della cristianità, su volere
testamentario di mio Padre S.M. il Re Umberto II, non ha spezzato, anzi ha
rafforzato quest’unione che ormai dura da secoli.
Oggi si perpetua la tradizione della Sua Ostensione con i Cavalieri e le Dame
degli Ordini Dinastici di Casa Savoia, nel segno della tradizione e di un legame
che perdura nei secoli.
Ringrazio S.E. Rev.ma Mons. Romano Rossi, Vescovo Emerito di Civita
Castellana per la celebrazione di questa Sacra Funzione, il prof. Antonio
Cassanelli per il Suo intervento, il Centro Diocesano di Sindologia Giulio Ricci,
il Centro Internazionale di Studi della Sindone, l’Ateneo Prontificio Regina
Apostolorum, promotori di questa manifestazione, gli Ordini Dinastici della
mia Casa in particolare il suo Delegato Comm. Avv. Alfonso Marini Dettina ,
e tutti i partecipanti che con la loro presenza rendono omaggio e celebrano
oggi il Sacro Lino.
A Voi tutti invio il mio più sincero e caloroso saluto.

Vittorio Emanuele

Il messaggio originale di S.A:R. Vittorio Emanuele

Comments


Lascia un commento