Wednesday, May 22, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


John Nisticò come Robin Hood: ruba la scena ai politici di professione per bacchettarli sulle inadempienze che stanno conducendo il Centro Storico, la Città e chi ci risiede al tracollo finale

Il Sindaco Nicola Fiorita ci fornisce sin nei dettagli che: “Catanzaro ha un disavanzo complessivo
di € 59.157.690,50 centesimi, quale cifra così importante da indurre tutti i cittadini a manifestare
e pretendere che anche il Governo centrale si pronunci attivandosi a sostegno e non pecunia
senza prima esserne venuti a capo.

La trasparenza delle indagini ci occorre per continuare a credere e dare fiducia a chi
intende condurci verso una debita risalita, non ci basta l’ aggiornamento di dati e
calcoli numerici stratosferici che impauriscono le famiglie e scoraggiano i giovani laureati,
imprenditori e tanti altri liberi professionisti indotti a realizzarsi altrove come più
volte riferito dagli stessi familiari.


di John Nisticò dalla Redazione Catanzarese del Quotidiano l’Italiano

Possiamo apprendere da fonti più che certe notizie di rimbalzo sullo stato allarmante del capoluogo di Calabria, tanto da voler partecipare e intervenire ribadendo con fermezza agli amministratori e istituzioni adepte.

La cittadinanza, almeno in gran parte, non è per niente soddisfatta dello stato
in cui si trova tra incuria, “degrado”, segnaletica e manto stradale senza manutenzione,
abbandono totale del vastissimo territorio riferito ai quartieri, mentre incalzano almeno i dibattiti così utili a confermare che Catanzaro è già un capoluogo “differenziato” per la disparità sociale risentita da tempo per tale evidenza.

Eppur si muove l’ intenzione e solo questa, di voler deliberare e forse provvedere al
debito trasferitoci da vecchia a nuova amministrazione comunale, mentre le urgenze a partire
dalla sanità continuano a fornirci con enorme “magrezza” la politica delle “borgate”.

Se al cittadino spetta il rispetto e l’ osservanza delle regole, ai vertici, invece, l’ esemplarità a partire dalle stesse mantenendo fede e massima coerenza con gli incarichi assunti, dunque, l’obbligo di mobilitarsi ad ogni modo per il bene di tutta la città e non di alcune piattaforme.

Il Sindaco (“ridens” n.d.r.) Nicola Fiorita ci fornisce sin nei dettagli che: “Catanzaro ha un disavanzo complessivo
di € 59.157.690,50 centesimi, quale cifra così importante da indurre tutti i cittadini a manifestare
e pretendere che anche il Governo centrale si pronunci attivandosi a sostegno e non pecunia
senza prima esserne venuti a capo.

La trasparenza delle indagini ci occorre per continuare a credere e dare fiducia a chi
intende condurci verso una debita risalita, non ci basta l’ aggiornamento di dati e
calcoli numerici stratosferici che impauriscono le famiglie e scoraggiano i giovani laureati,
imprenditori e tanti altri liberi professionisti indotti a realizzarsi altrove come più
volte riferito dagli stessi familiari.

Il fabbisogno “comunale” è una realtà preoccupante, coinvolge tutti e nessuno escluso, ma
è assurdo intraprendere iniziative ritenute importanti per il turismo quando nello stesso momento
si riconosce l’ impossibilità di manutenere il territorio per “bollettoni” da pagare
che limitano la cura del verde per mancanza di risorse.

In questo il cittadino non vorrebbe proprio essere preso in giro, magari un fare più equilibrato
che tenga conto di un bilancio progettuale su interventi prioritari e non di “sola” propaganda,
sollecitazione mia e di chi continua a indicarne mera ragionevolezza.

I social e gli addetti al volontariato mediatico on-line, siamo contenitori esausti di proteste e segnalazioni
di pericolo, troppi suicidi e il silenzio “assordante” dimostra una resa del popolo che non intendiamo
condividere ancora.

Il lungo percorso di ripresa del capoluogo non resti isolato ai soli confini, la questione catanzarese è
un obiettivo da sottolineare in ambito nazionale, qualora l’ inerzia della stessa Regione Calabria
ne avvalori l’insostenibile precarietà.

John Nisticò

Vitaliano (detto John) Nisticò

Comments


Lascia un commento