Friday, December 9, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


La danza dell’orso russo

L’esercito di Putin si sta mettendo in ridicolo perché incapace di neutralizzare le nuove e più precise armi donate all’Ucraina dagli americani, ciò potrebbe peggiorare la sempre più impacciata manovra offensiva della Russia e di conseguenza allungare la guerra stessa.

By L'Italiano , in Editoriali , at 07/08/2022 Tag:, , , , , ,

di Nicola Mongiardo per il Quotidiano l’Italiano

ROMA – Mentre la Nato ufficializza l’ingresso di Finlandia e Svezia in Russia il 31 luglio hanno festeggiato la marina militare in tutta la nazione e in particolare a San Pietroburgo, non a Sebastopoli in Crimea perché la sede locale della marina russa è stata bombardata da missili ucraini made in USA, precisi e letali. La Russia sta dimostrando di avere molte e pericolose problematiche all’interno delle forze armate. Giovani e adesso meno giovani costretti a indossare la divisa probabilmente controvoglia, in ogni caso non si tratta di professionisti. Tranne alcune eccezioni tipo i missili ipersonici per il resto le forze armate del dittatore “Vladimir il terribile” sono tecnologicamente molto più arretrate rispetto alla Nato e questo lo sapevano anche i bambini, ma anche (grazie al cielo) nei confronti dell’Ucraina ormai stracolma di armi americane e britanniche. Per la Russia gioca a sfavore la sua economia (e non solo) basata su commesse regalate ai vari oligarchi che gravitano come piccoli satelliti attorno al “pianeta” Putin, in questo sistema non si trova al primo posto l’efficienza o la qualità del prodotto, insomma chi sa far ridere di più lo zar con una barzelletta magari su noi cattivoni occidentali si aggiudica la commessa. Purtroppo il risultato di questa stupidità tipica di un sistema illiberale sarà (a meno di un eventuale dialogo serio tra USA e Russia) una guerra lunga con caratteristiche della prima guerra mondiale che possiamo vedere nei combattimenti praticamente corpo a corpo, per non parlare delle trincee già superate nella seconda guerra mondiale. Dobbiamo “ringraziare” Putin per tutti questi “gioielli” frutto del suo ego malato e fuori controllo, peccato che le manie di grandezza finiscono quasi sempre male, dovrebbe rileggersi la storia del comunismo, possibilmente la parte finale…per intenderci quella dei dittatori morti ammazzati. Purtroppo per noi Putin vive in un mondo tutto suo fatto di oligarchi yes-man, ballerine senza teatro e panfili sequestrati nei vari porti europei. L’orso russo forse sfoggerà quanto prima la sua vera e unica arma non tanto segreta, parlo della vodka, solo così l’orso russo potrà recuperare il terreno perduto e magari danzare realmente proprio come fanno i colleghi orsi nei circhi.

Ne frattempo in Italia…

Bisogna spiegare a Berlusconi che a settembre ci sono le elezioni e non le “erezioni” anticipate altrimenti non si spiega questo suo incredibile entusiasmo tipico di un ragazzino che si reca per la prima volta nella sua vita in un locale a luci rosse. La destra comunque si sta organizzando come non mai e forse sempre Berlusconi potrebbe candidare Emanuele Filiberto di Savoia che per l’occasione userebbe come slogan “avanti Savoia!”. Giorgia Meloni sta reclutando gli amichetti della figlia che si chiameranno balilla mentre Ignazio La Russa si esercita nel perfezionamento del saluto romano che probabilmente verrà riportato in auge. Il sovranista e aspirante sovrano (dovrà mettersi d’accordo con Emanuele Filiberto) Matteo Salvini spera di essere lui eretto…pardon eletto a premier solo così potrà ripristinare le sue felpe filo-putiniane che per il momento cela all’interno del suo armadietto. In tutto questo ricordiamo anche il buon Enrico Letta pronto a ritirarsi sull’Aventino con tutta la sinistra in caso di una vittoria della destra senza chiedersi se la plebe…pardon il popolo lo seguirà.

Nicola Mongiardo

Comments


Lascia un commento