Tuesday, April 16, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


A Catanzaro il “cambiavento” si tramuta in “giramento” e in alcuni casi in raggi…ramento! La Giunta Fiorita rischia di essere travolta da un’ondata di rabbia popolare

Lo sostiene il gruppo consiliare Catanzaro Azzurra in un comunicato appena diffuso: “La dichiarazione odierna dell’assessore Casalinuovo, infatti, va esattamente in questa direzione e suscita in noi qualche interrogativo, che rivolgiamo al sindaco. Si vuole forse negare che ci sia uno snaturamento politico del progetto che Cambiavento ha proposto alla città in campagna elettorale? Si può ignorare che in questo modo Fiorita stia tradendo i suoi elettori, esattamente come vuol tradire Casalinuovo? Visto che con lui ha stretto un patto in pre elettorale tale da far ritirare la candidatura a sindaco di quest’ultimo.Si può negare che ben cinque consiglieri comunali, oggi aderenti alla maggioranza, hanno avuto esperienze politiche e di candidatura nell’alveo del centrodestra e della precedente amministrazione Abramo?”


di John Nisticò – dalla Redazione Catanzarese del Quotidiano l’Italiano

CATANZARO – Non è solo l’acqua, elemento primario per la vita degli organismi umani, vegetali ed animali, a mancare…. Inizia a vacillare pure la fiducia degli stessi compagni di avventura del sindaco “ridens”, l’anatra zoppa Nicola Fiorita che pur di sopravvivere sta ricorrendo alle classiche alchimie politiche che tanto aveva contestato e contro le quali aveva proposto il “cambiamento” del “cambiavento”. E’ rimasta la parola “mento” ma ad essa si può solo aggiungere il “gira”… che sta facendo girare le scatole ai cittadini, persino a quelli che lo hanno votato senza sapere in quale problematica sarebbero caduti e ritrovati dopo un anno abbondante della sua sfortunata gestione che vola diritta verso il burrone del fallimento, con annesso “sputtanamento” globale a tutti i livelli

“È passato più di un anno dalle elezioni comunali che hanno visto trionfare le Nicola Fiorita. Se però prima eravamo i soli a sostenere che, per tirare a campare, avrebbe dovuto coinvolgere consiglieri provenienti dal centrodestra, che lui stesso ha definito “protagonisti di una stagione fallimentare”, ora a pensarla come noi ci sono, non soltanto innumerevoli cittadini, ma anche autorevoli esponenti della sua maggioranza”.

Lo sostiene il gruppo consiliare Catanzaro Azzurra in un comunicato appena diffuso: “La dichiarazione odierna dell’assessore Casalinuovo, infatti, va esattamente in questa direzione e suscita in noi qualche interrogativo, che rivolgiamo al sindaco. Si vuole forse negare che ci sia uno snaturamento politico del progetto che Cambiavento ha proposto alla città in campagna elettorale? Si può ignorare che in questo modo Fiorita stia tradendo i suoi elettori, esattamente come vuol tradire Casalinuovo? Visto che con lui ha stretto un patto in pre elettorale tale da far ritirare la candidatura a sindaco di quest’ultimo.Si può negare che ben cinque consiglieri comunali, oggi aderenti alla maggioranza, hanno avuto esperienze politiche e di candidatura nell’alveo del centrodestra e della precedente amministrazione Abramo?” – continua la nota.

“Si può negare che il Partito Democratico è stato il main sponsor di Fiorita e oggi quest’ultimo è disposto a girargli le spalle? O forse ci sono due PD in città e noi non ne siamo al corrente? – si chiede il gruppo consiliare. Cosa ne pensa Jasmine Cristallo, membro della direzione nazionale del PD, delle scelte politiche che l’Amministrazione sta mettendo in campo? Elly Schlein sarebbe ancora disposta a ripetere, come ha fatto in campagna elettorale, che la guida di Fiorita non avrebbe portato avanti cacicchi e potentati politici? Quanti dei consiglieri e dei gruppi politici, che oggi sta imbarcando in maggioranza, credono nel progetto politico di Cambiavento e sono pronti a sostenerlo nelle prossime battaglie future? Si rende conto Fiorita che cambiare la giunta dopo solo un anno significa ammettere il totale fallimento del suo operato e degli uomini che lui stesso ha scelto identificandoli come uomini e donne del cambiamento?

Questi e altri interrogativi abbiamo posto in Consiglio comunale al Sindaco, ovviamente senza ottenere risposta – chiosa nel finale la nota. Forse alla cittadinanza poco interessano le beghe politiche, ma è proprio per questo che poniamo i suddetti quesiti: basta guardarsi intorno tra rovi e cespugli incolti, passeggiare per le strade piene di buche, prendere atto che non esiste una programmazione di intrattenimento estivo o semplicemente parlare con la gente dei quartieri per capire di quanto questa Amministrazione, assorta nelle spartizioni di potere, sia già arrivata al capolinea”.

Un servizio pubblicato su “i Catanzaresi” dove la situazione che si sta vivendo a Catanzaro viene affrontata sotto l’ottica della satira

Comments


Lascia un commento