Thursday, December 8, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


Peste Suina Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente: No agli abbattimenti, “inutili e potenzialmente dannosi”

Le associazioni invitano a “tenere rigorosamente distinte” l’ordinaria gestione faunistica e la lotta alla PSA. “Quest’ultima – scrivono – non può diventare pretesto per aggredire con interventi spicci, inutili e scientificamente infondati il presunto problema della sovrappopolazione di cinghiali, che trae origine dalla cronica assenza di politiche di prevenzione (prima tra tutte la corretta gestione dei rifiuti).


dalla Redazione Romana del Quotidiano l’Italiano

ROMA – Escludere gli abbattimenti di cinghiali, “in quanto inutili e potenzialmente dannosi”, dal pacchetto di misure per contrastare la diffusione della Peste suina africana (PSA). Lo chiede, con una PEC indirizzata a tutte le autorità competenti, la Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente, che riunisce oltre ottanta organizzazioni di protezione animale, tra cui le fondatrici Enpa, Lav, Leidaa, Lndc e Oipa.

Nella lettera le associazioni invitano a “tenere rigorosamente distinte” l’ordinaria gestione faunistica e la lotta alla PSA. “Quest’ultima – scrivono – non può diventare pretesto per aggredire con interventi spicci, inutili e scientificamente infondati il presunto problema della sovrappopolazione di cinghiali, che trae origine dalla cronica assenza di politiche di prevenzione (prima tra tutte la corretta gestione dei rifiuti). Peraltro, com’è noto, l’utilizzo di metodi ecologici dovrebbe essere la norma”. L’idea di “integrare le misure già in essere con abbattimenti selettivi di cinghiali (femmine e piccoli) da effettuare in un certo raggio dalla cosiddetta zona rossa, al fine di impedire la diffusione della malattia “facendo il vuoto” intorno all’area infetta,” presenta “gravi criticità” e rischia di produrre l’effetto opposto a quello voluto. 

Innanzitutto “non è realistico” – con qualsiasi tipo di prelievo, anche selettivo – l’obiettivo di ridurre in breve tempo la densità degli animali fino al punto desiderato: “Le popolazioni animali hanno dinamiche complesse che renderebbero impossibile il raggiungimento della “densità zero”. L’infezione continuerà ad espandersi e potrebbe essere enormemente favorita da questo genere di intervento”. E comunque, annota Ispra, “la densità del cinghiale non ha effetti significativi sulla persistenza in natura della PSA. La notevole resistenza del virus nell’ambiente fa sì che la malattia continui a circolare per anni, anche in popolazioni di cinghiale a densità bassissime”.  In secondo luogo, “il disturbo arrecato ai cinghiali provocherebbe gli stessi effetti che si vogliono giustamente evitare vietando l’attività venatoria, il prelievo selettivo e altre attività umane nella zona rossa, com’è unanimemente raccomandato dalla letteratura scientifica”. Come ricorda l’Ispra e ribadiscono le associazioni, “gli interventi di selezione condotti nella zona adiacente alla rossa causerebbero inevitabilmente mobilità e dispersione dei superstiti ancora infetti”: ecco perché, nelle esperienze “modello” di Belgio e Repubblica ceca e nel testo stesso dell’ordinanza commissariale, “presupposto ineludibile dell’intervento di selezione è la completa e efficace recinzione della zona rossa (il che, nel presente caso, non si dà)”. Infine, “gli animali abbattuti durante il processo di selezione devono logicamente essere trattati come infetti. Si porrà dunque il problema di come smaltirne le carcasse, visto che nessun macello vorrà correre il rischio di contaminazione”. Appaiono invece “decisivi” la tempestiva e capillare rimozione delle carcasse, la cui ricerca dovrebbe essere affidata a personale altamente qualificato (com’è avvenuto all’estero), e il puntuale monitoraggio delle aree interessate.

Il ricorso all’abbattimento, avvertono le associazioni, potrebbe avere “gravi conseguenze” sulla salute animale (accelerata diffusione della PSA invece di eradicazione) e sulle attività umane (che inevitabilmente subiranno limitazioni qualora risulti necessario estendere la zona rossa e la cosiddetta “zona di attenzione”.

Della Federazione fanno parte i cinque soci fondatori (Ente Nazionale Protezione Animale – ENPA, Lega Antivivisezione – LAV, Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente – LEIDAA, Lega nazionale per la difesa del Cane – LNDC., Organizzazione Internazionale Protezione Animali – OIPA) e le associazioni federate: A…mici felici e altri amici, AAE Conigli, Aiutiamo Fido, Amici Animali Onlus, Amico Gatto onlus, Amoglianimali Onlus, Anima Equina Onlus, Animal Aid Italia, Animal Equality, Animalisti Italiani Onlus, Anima Meticcia Onlus, Anita, ANPA, ARCA – Colonia felina della Piramide Onlus, Arca Amica Onlus, Arca della Valle, Asav, Associazione Difesa Animali Arco (Ada), Associazione Pal, Balzoo, Bauckingham Palace – tutti fuori dalle gabbie Onlus, Big Brother, Camminiamo Insieme Onlus, Cani e Mici per Amici Onlus, City Angels, Collettivo Animalista, Como Scodinzola, Compassion in World Farming (Ciwf), Con Fido nel Cuore Onlus, Cuori e Zampe Onlus, Diamoci la Zampa Onlus, Dna animale, Earth, Eolo a 4 zampe Onlus, Essere Animali, Filippo…semplicemente amore, Frida’s Friends onlus, Gabbie vuote, Gaia Italia, Gattini Cerca Casa – gli amici di Luigi, Gli amici del Pratone di Lissone, IAPL Italia, I Cani di Anna, I Favolosi Cani 80, Impronte Amiche Onlus, Italian Horse Protection, Le Orme Onlus, L’unione fa la Forza, Mondo Gatto Gruppo Volontari Onlus, NoiAnimali Onlus, Oasi degli Animali, OITA – Save the Pets, Ombre a quattro zampe, Pacav – Progetto aiuta un cane a vivere, Podenco’s Angels Rescue, Progetto Islander, Progetto No Macello, Pro Parco onlus, Randagi per Caso Onlus, Rifugio del Micio, Samu Italia Onlus, SOS Gaia, SOS Levrieri, Tartamondo Onlus, Una Luce Fuori dal Lager, Universo di Maio Onlus, Voce Animale, Zampe d’oro Onlus, Zampette Felici Onlus. Aderiscono con un patto di scopo: Lega Abolizione Caccia, LAC, Lega Italiana Protezione Uccelli, LIPU, Federazione Nazionale Pro Natura, Marevivo, Wwf.

Comments


Lascia un commento