Friday, December 9, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


Rubato l’albero di Natale dalla sede del Consiglio Comunale di Napoli Qualcuno dovrebbe dimettersi e chiedere scusa

Se non si riesce a custodire in sicurezza un albero di Natale nel palazzo del potere comunale come si può garantire sicurezza alla cittadinanza? Si interroga il noto sindacalista partenopeo, Giuseppe Alviti, a capo della più grande associazione di guardie giurate particolari nazionali.


dalla Redazione Napoletana del Quotidiano l’Italiano

NAPOLI – Rubato l’albero di Natale dalla sede del Consiglio Comunale di NapoliÈ stato rubato nella notte l’albero di Natale che era nell’androne della sede del Consiglio Comunale di Napoli, in via Verdi, a pochi passi dal Comune.Pochi giorni a Natale, sono già cominciati i furti degli alberi.

E non è stato risparmiato nemmeno quello che era stato sistemato nel cortile della sede del Consiglio Comunale di Napoli, nel centro della città e a pochi passi da Palazzo San Giacomo, sede del Comune: è sparito nella notte, qualcuno si è introdotto nell’edificio e l’ha semplicemente trascinato via.

Stavolta, però, è avvenuto in un palazzo che è sede istituzionale, particolare che per forza di cose apre una riflessione anche sull’aspetto della sicurezza: nella struttura, infatti, non c’è vigilanza notturna e non esiste nemmeno un sistema di videosorveglianza.Una mancanza vergognosa dichiara Giuseppe Alviti responsabile cittadino dipartimento Sicurezza e vivibilità di Forza Italia, di per sé qualcuno dovrebbe pagare questa negligenza,

Se non si riesce a custodire in sicurezza un albero di Natale nel palazzo del potere comunale come si può garantire sicurezza alla cittadinanza? Si interroga il noto sindacalista partenopeo a capo della più grande associazione di guardie giurate particolari nazionali.

Qualcuno dovrebbe avere il buon senso di dimettersi.

La segnalazione giunge da Giuseppe Alviti Presidente dell’Associazione Nazionale Guardie Giurate Particolari

Nell’immagine Giuseppe Alviti

Comments


Lascia un commento